Rissa Mano Pugno
Rissa Mano Pugno
Cronaca

«Ti sta bene bastardo, devo finire di ucciderti da un'altra parte»

Delitto sfiorato dopo un efferato pestaggio "passionale"

Sfiorato il delitto a Barletta, e sembrerebbe che l'omicidio si sia evitato solo per puro caso "riducendosi" ad un violentissimo pestaggio che definire passionale non ha alcun senso di fronte all'efferatezza della dinamica.

Nel pomeriggio di ieri il personale del Commissariato di Barletta ha arrestato il quarantacinquenne C.A. e il trentaquattrenne R.F., entrambi di Barletta, colti in flagranza di reato di sequestro di persona e lesioni aggravate in concorso.

Proprio ieri infatti due agenti del commissariato liberi dal servizio si trovavano all'interno del Pronto Soccorso di Barletta: qui hanno visto che una persona lì presente era stata violentemente aggredita da tre soggetti, per una questione legata ad un particolare rapporto di amicizia fra la moglie di uno degli aggressori e la vittima. Il soggetto aggredito, dopo le opportune visite mediche veniva ricoverato presso il reparto di chirurgia generale per le fratture e le numerose ecchimosi riportate, la motivazione medica è stata: "trauma cranio facciale con ematomi multipli del volto e della regione frontale frattura delle ossa nasali, contusioni multiple del torace, reazione ansiosa con prognosi di venti giorni.

L'uomo è stata immediatamente sentito a verbale e ha riferito che, da diverso tempo, a seguito di alcuni suoi messaggi e comunicazioni telefoniche fatte alla moglie di uno degli aggressori, era stata spesso aggredito fisicamente arrivando persino a subire il danneggiamento della propria autovettura, con il taglio dei pneumatici. Tuttavia non aveva denunciato questi episodi in quanto il principale aggressore gli avrebbe chiesto scusa.

Ma non finisce qui. L'ultimo episodio avviene nella mattinata di ieri quando la vittima è stata contattata telefonicamente da C.A. per un chiarimento. All'incontro che è conseguito dapprima l'aggressore ha afferrato la vittima per il braccio e costretta ad entrare nella propria abitazione. Qui ad attenderlo trovava il figlio minorenne di C.A. ed il cognato R.F. e giù botte. Nonostante il tentativo della vittima di evitare colpi fatali, veniva aggredito violentemente da padre e figlio, che lo colpivano in ogni parte del corpo procurandogli diverse ferite. La vittima ha subito iniziato a gridare chiedendo aiuto aiuto al cognato di uno dei due aggressori ma questi si rifiutava di intervenire anzi, incitando il cognato ed il nipote a colpire con ancora più violenza dicendo: «Ti sta bene bastardo quello che ti stanno facendo, devi morire, dovevi pensarci prima a quello che hai fatto» sbarrandogli ogni via di fuga.

Non appena la violenza dei due sembrava essersi fermata, alla vista del sangue il principale aggressore in preda alla rabbia lo afferrava per un braccio e lo trascinava giù per le scale con l'intento di metterlo all'interno della propria autovettura e portarlo in un altro luogo per ultimare il suo piano delittuoso.

Il suo intento lo ripeteva ad alta voce dicendo: «Ti devo uccidere, devo finire di ucciderti da un'altra parte». Ma nonostante ciò la vittima riusciva a fuggire e ad evitare che si realizzasse il piano delittuoso dei tre.

Stante le inconfutabili fonti di prova raccolte e considerato lo stato di flagranza del reato C.A. e R.F. venivano arrestati ed associati alla casa circondariale di Trani, mentre il minore veniva deferito in stato di libertà. Le indagini venivano coordinate dal pubblico ministero dott. Michele Ruggiero.
  • Polizia di Stato
  • Arresto
  • Tentato omicidio
  • Pronto soccorso
  • Delitto
  • Feriti
Altri contenuti a tema
Ricerche in corso per Michele, scomparso da Barletta Ricerche in corso per Michele, scomparso da Barletta Chiunque abbia informazioni può contattare la Polizia di Stato
Il sindacato della Polizia chiede più personale per la Bat Il sindacato della Polizia chiede più personale per la Bat «La coperta non solo è corta ma ha anche dei buchi da rattoppare»
I controlli straordinari della Polizia a Barletta da inizio anno I controlli straordinari della Polizia a Barletta da inizio anno Ci sono state 17 sanzioni per violazione del codice della strada e anche un arresto per estorsione
30 Storia a lieto fine per Mina, pastore tedesco rapito a Barletta Storia a lieto fine per Mina, pastore tedesco rapito a Barletta Arrestato per estorsione un uomo di 64 anni, che aveva preteso 200 euro dalla padrona del cane per la restituzione
Arrestato 35enne di Barletta, si era reso irreperibile dopo un ordine di carcerazione Arrestato 35enne di Barletta, si era reso irreperibile dopo un ordine di carcerazione La Polizia di Stato lo ha rintracciato mentre girava per le vie del centro
Un Capodanno di controlli nelle città della Bat Un Capodanno di controlli nelle città della Bat L'attività degli agenti di Polizia è stata intensificata nei giorni di festa
School Party nelle discoteche della provincia: interviene la Polizia di Stato School Party nelle discoteche della provincia: interviene la Polizia di Stato I gestori delle discoteche hanno collaborato con gli agenti per impedire i contagi
Muore per un malore alla guida sulla SS16bis a Barletta Muore per un malore alla guida sulla SS16bis a Barletta Sull'avvenimento sono in corso le indagini della Polizia
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.