In memoria del disastro ferroviario
In memoria del disastro ferroviario
Cronaca

Strage ferroviaria, il grido di giustizia: «Sia fatta luce sulla tragedia»

La nota del Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani, in occasione del V anniversario del disastro ferroviario verificatosi nel tratto tra Andria e Corato il 12 luglio del 2016, in cui persero la vita 23 persone e altre 50 rimasero ferite, si unisce al grido di giustizia dei famigliari delle vittime.

«Com'è ben noto, la ricorrenza coincide con una delle udienze del processo in corso davanti alla Corte di Assise del tribunale di Trani» scrive il prof. Romano Pesavento, presidente del coordinamento.

«Ci auguriamo - prosegue - che sia fatta luce al più presto sulla tragedia onde evitare una possibile prescrizione dei reati. È giusto che chi ha sbagliato debba pagare e che la giustizia possa fare chiarezza e individuare al più presto i responsabili.

La legalità deve essere ripristinata; il diritto alla vita è un diritto fondamentale dell'uomo ed è sancito dall'art. 3 della DUDU (Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza della sua persona) e dagli articoli 1,2,3 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea. Inoltre la nostra Costituzione in merito al diritto alla vita riconosce anche se implicitamente la sua tutela quando fa riferimento all'art. 2 in cui vengono menzionati diritti inviolabili dell'uomo previsti dalla DUDU.

Il CNDDU in tale occasione pubblicherà sui propri canali social (pagina Facebook e sito) una locandina a sostegno della battaglia per la verità sulla strage ferroviari di Corato – Andria.

Riteniamo fondamentale il contributo del mondo della scuola nell'analizzare, commemorare anche i fatti drammatici come quello di Andria – Corato per far comprendere quanto coltivare i valori della legalità sia importante: dall'operaio che deve curare la manutenzione, al cittadino che può eventualmente testimoniare, dal carabiniere che svolge il suo servizio per la tutela dell'ordine pubblico al giudice che deve emettere una sentenza, dal giornalista che deve raccontare i fatti al docente che deve dialogare costantemente con i suoi studenti».
  • Disastro ferroviario
Altri contenuti a tema
Michele, il barlettano morto nel disastro ferroviario. L'amico: «Si spendeva per gli altri» Michele, il barlettano morto nel disastro ferroviario. L'amico: «Si spendeva per gli altri» Le parole di Giovanni Ferrini a cinque anni dalla tragedia sulla Andria-Corato
Oggi 5 anni dal disastro ferroviario. Anche Barletta non dimentica quel 12 luglio 2016 Oggi 5 anni dal disastro ferroviario. Anche Barletta non dimentica quel 12 luglio 2016 Il barlettano Michele Corsini fu tra le vittime della tragedia. Il primo soccorritore: «Situazione mai vista prima»
Anniversario disastro ferroviario, in ricordo del barlettano Michele Corsini Anniversario disastro ferroviario, in ricordo del barlettano Michele Corsini Sarà celebrata lunedì una messa in commemorazione delle vittime della strage
Strage ferroviaria tra Andria e Corato, udienza rinviata al 13 maggio Strage ferroviaria tra Andria e Corato, udienza rinviata al 13 maggio Il disastro del 2016 provocò la morte di 23 persone
Strage Bari Nord, il Covid ferma le udienze: si torna in aula ad aprile Strage Bari Nord, il Covid ferma le udienze: si torna in aula ad aprile Aula ritenuta inadeguata dai difensori degli imputati
Quattro anni dal disastro ferroviario, una messa in ricordo delle 23 vittime Quattro anni dal disastro ferroviario, una messa in ricordo delle 23 vittime Sabato alle 19.30 ad Andria, Mansi: «Siamo tutti bisognosi perché tutti siamo fragili»
1 12 luglio: una ferita che sanguina da tre anni 12 luglio: una ferita che sanguina da tre anni Tre anni fa la strage dei treni uccise 23 persone
Disastro ferroviario, messa di suffragio nel giorno del terzo anniversario Disastro ferroviario, messa di suffragio nel giorno del terzo anniversario Il vescovo di Andria Mansi: «Consola, o Padre, consola i familiari delle vittime»
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.