Polizia Volante
Polizia Volante
Cronaca

Spintonato da un motociclo in zona pedonale, protesta. Accoltellato.

Ricoverato nell'Ospedale di Barletta con gravissime lesioni

Verso le ore 23.00 circa di ieri 19 c.m. questa Sala Operativa veniva notiziata del fatto che poco prima, in questa via Zanardelli, era avvenuta un'aggressione ai danni di una persona da parte di un individuo a bordo di un ciclomotore.

La dipendente Volante, prontamente intervenuta sul posto, accertava che un soggetto a bordo di un ciclomotore Piaggio modello Liberty, nel transitare per questa via Zanardelli, via inibita alla circolazione di veicoli, urtava al braccio sx un individuo, mentre questi stava tranquillamente passeggiando per quella via in compagnia di altri cinque amici. La persona a seguito dell'urto riprendeva il giovane dicendogli di fare attenzione. Quest'ultimo arrestava lo scooter e arrogantemente, esprimendosi in gergo dialettale, rispondeva al pedone che era stato lui a buttarsi sotto lo scooter. In difesa del pedone interveniva il suo amico P. G., tranese di 45 anni, il quale faceva rilevare al motociclista che la strada fosse pedonale e quindi preclusa al traffico veicolare. Il malvivente aggrediva prima verbalmente poi spintonandolo il P.G., ed infine, sempre più esagitato, estraeva un coltello dalla tasca destra del giubbotto per attingerlo alla gola. Il predetto riusciva a schivare in parte il colpo che lo attingeva però al volto provocandogli gravissime lesioni all'occhio SX ed al naso. Il malfattore subito dopo l'accoltellamento fuggiva inseguito dal P.G. che riusciva a fare solo pochi passi per poi accasciarsi sanguinante. Veniva, quindi soccorso dagli amici mentre l'aggressore riusciva a guadagnare la fuga risalendo a bordo dello scooter e dileguandosi per le vie del centro storico; gli amici di P.G. riuscivano tuttavia a rilevare il numero di targa del mezzo.

Il P.G. veniva trasportato in ospedale per le cure del caso mentre uno degli amici che lo avevano soccorso contattava il 113 per segnalare l'accaduto.
Il personale della Squadra Volante, grazie alle descrizioni dell'autore dell'accoltellamento fornite dai testimoni e del ciclomotore utilizzato comprendeva immediatamente che l'autore dell'accoltellamento si identificasse nel noto pluripregiudicato OLIVIERI Santino, nato a Trani nel 1987, ivi residente.
Venivano, quindi, diramate le ricerche del soggetto che, innanzitutto, veniva cercato presso la propria abitazione ma invano.
Poco dopo la mezzanotte la Volante, giunta in questo corso Vittorio Emanuele ove era stato segnalato un ciclomotore riverso per terra, incrociava a piedi l'Olivieri. Pertanto, il predetto veniva, quindi, bloccato per essere accompagnato in questi Uffici. Al momento di salire in auto, però, l'Olivieri tentava di divincolarsi per fuggire non riuscendovi, e nella circostanza i due dipendenti riportavano delle contusioni giudicate successivamente guaribili in giorni 5. Durante il tragitto verso questi Uffici l'Olivieri, rivolgendosi agli operatori, li minacciava di ritorsioni all'evidente scopo di intimidirli.
Nel frattempo presso questi Uffici, grazie alle testimonianze raccolte, si riusciva a stabilire senza ombra di dubbio che l'Olivieri fosse l'autore dell'accoltellamento.

Il P.G. per le gravissime lesioni riportate in particolare all'occhio sx veniva trasferito dal locale Pronto Soccorso alla Divisione Oculistica dell'Ospedale Civile di Barletta ove trovasi attualmente ricoverato in prognosi riservata e sottoposto ad intervento chirurgico.
Stante le inoppugnabili prove raccolte a carico dell'Olivieri, lo stesso veniva dichiarato in stato di arresto per i reati di tentato omicidio, detenzione e porto abusivi di arma da taglio, resistenza, lesioni e minacce a pp.uu. .

Dopo le formalità di rito, l'arrestato veniva associato presso la locale Casa Circondariale a disposizione dell'A.G. informata.
  • Polizia di Stato
  • Trani
  • Rissa
  • Tentato omicidio
Altri contenuti a tema
«Devo legarlo alla sedia, urlasse quanto vuole»: il piano dei sequestratori «Devo legarlo alla sedia, urlasse quanto vuole»: il piano dei sequestratori Nel mirino un imprenditore barlettano. Tra i sette arrestati, anche due barlettani
Pianificarono il sequestro di un facoltoso imprenditore di Barletta, colpo sventato Pianificarono il sequestro di un facoltoso imprenditore di Barletta, colpo sventato All'alba il blitz della Polizia tra Bari e Bat: sette arresti in totale
La Polizia di Stato sventa un sequestro di persona nel Nord-Barese La Polizia di Stato sventa un sequestro di persona nel Nord-Barese Ordinanze nei confronti di sette persone
Le volanti della Questura di Andria dotate di defibrillatore automatico Le volanti della Questura di Andria dotate di defibrillatore automatico Tre defibrillatori sono stati assegnati dalla Direzione Centrale di Sanità della Polizia di Stato ai propri Uffici Sanitari
Polizia di Stato sui disordini di Manfredonia-Barletta: individuati 9 ultras Polizia di Stato sui disordini di Manfredonia-Barletta: individuati 9 ultras I soggetti tentando il contatto con la contrapposta fazione ultras, avrebbero usato violenza e minaccia nei confronti dei pubblici ufficiali
Polizia di Stato, 11 nuovi agenti per la Questura della Bat Polizia di Stato, 11 nuovi agenti per la Questura della Bat Rinforzi anche per il commissariato di Barletta
Una tonnellata e mezzo di esplosivo, sequestro dalla Polizia a Barletta Una tonnellata e mezzo di esplosivo, sequestro dalla Polizia a Barletta Tre persone denunciate
Attività di prevenzione per la Questura di Barletta-Andria-Trani Attività di prevenzione per la Questura di Barletta-Andria-Trani 84 misure emesse, individuati autori di furti d'auto a Barletta
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.