Polizia di Stato
Polizia di Stato
Cronaca

Sequestrano e picchiano un uomo per una parola di troppo: arrestati dalla polizia di Barletta due pregiudicati di Trinitapoli

La vittima aveva definito 'infame' uno dei suoi aggressori

Ieri mattina, a Barletta, il personale del locale Commissariato di Polizia di Stato in collaborazione con i Carabinieri della stazione di Trinitapoli, ha posto in esecuzione una Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa dal GIP del Tribunale di Foggia dott. Carlo Protano.

Hanno portato nelle campagne di Trinitapoli un uomo, contro la sua volontà, lo hanno picchiato e abbandonato e tutto per uno 'sgarro'. Per questo due persone sono state arrestate dalla polizia di Barletta e una terza è ricercata. Si tratta di Giuseppe Lafranceschina, di 33 anni, e Francesco Gallone, di 27, entrambi con precedenti penali.

I fatti sono avvenuti alla fine del mese di dicembre del 2009, ora il gip del tribunale di Foggia ha emesso le ordinanze di custodia cautelare in carcere, anche perchè, dopo la guarigione della vittima, un 33enne del posto, ricoverato all'ospedale di Barletta per 25 giorni, lo stesso ha ricevuto minacce. Un uomo, mandato dai due aggressori e non identificato, ha riferito al 33enne di ritirare la denuncia e se non l'avesse fatto ne avrebbe pagato le conseguenze, egli stesso e la sua famiglia.

I due malfattori dovranno rispondere di sequestro di persona aggravato e in concorso, lesioni e minacce. All'origine dell'aggressione una confidenza fatta dalla vittima a Gallone nei confronti di Lafranceschina, definito 'infame'. A quell'epoca Lafranceschina era in carcere per altri reati.

Due giorni dopo la sua scarcerazione, con Gallone e l'altra persona ricercata, e' andato a casa del 33enne, lo ha prelevato, portato in campagna e picchiato. L'arresto dei due e' stato effettuato con i Carabinieri di Trinitapoli.
4 fotoPolizia di Stato, arrestati pregiudicati di Trinitapoli
Polizia di Stato : conferenza stampa arresto pregiudicatiPolizia di Stato : conferenza stampa arresto pregiudicatiPolizia di Stato : conferenza stampa arresto pregiudicatiPolizia di Stato : conferenza stampa arresto pregiudicati
  • Conferenza stampa
  • Polizia di Stato
Altri contenuti a tema
Picchiavano e minacciavano i titolari di un bar in centro, due arresti Picchiavano e minacciavano i titolari di un bar in centro, due arresti A denunciare l'accaduto un cittadino cinese, proprietario dell'attività: la Polizia ha arrestato due uomini di nazionalità marocchina
Poliziotti feriti a Taranto, la vicinanza dei colleghi della Bat Poliziotti feriti a Taranto, la vicinanza dei colleghi della Bat Le parole di Vito Giordano, segretario provinciale SAP
Si innervosisce alla vista della Polizia, sanzionato un giovane barlettano Si innervosisce alla vista della Polizia, sanzionato un giovane barlettano Nel giubbino del 24enne è stata trovata marijuana
Ricerche in corso per Michele, scomparso da Barletta Ricerche in corso per Michele, scomparso da Barletta Chiunque abbia informazioni può contattare la Polizia di Stato
Il sindacato della Polizia chiede più personale per la Bat Il sindacato della Polizia chiede più personale per la Bat «La coperta non solo è corta ma ha anche dei buchi da rattoppare»
I controlli straordinari della Polizia a Barletta da inizio anno I controlli straordinari della Polizia a Barletta da inizio anno Ci sono state 17 sanzioni per violazione del codice della strada e anche un arresto per estorsione
30 Storia a lieto fine per Mina, pastore tedesco rapito a Barletta Storia a lieto fine per Mina, pastore tedesco rapito a Barletta Arrestato per estorsione un uomo di 64 anni, che aveva preteso 200 euro dalla padrona del cane per la restituzione
Arrestato 35enne di Barletta, si era reso irreperibile dopo un ordine di carcerazione Arrestato 35enne di Barletta, si era reso irreperibile dopo un ordine di carcerazione La Polizia di Stato lo ha rintracciato mentre girava per le vie del centro
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.