Ambulanza
Ambulanza
Cronaca

Personale del 118 aggrediti a Natale, Cannito: «Violenza inaccettabile»

Le parole dell'ex sindaco

«Gesti di inaccettabile violenza e inciviltà nei confronti di infermieri, medici, soccorritori e autisti del 118». Di

«La mia totale solidarietà a questi professionisti che lavorano in condizioni di difficoltà, sfiancati non solo dall'emergenza pandemica in corso, ma anche da turni impossibili, da giorni privati alle proprie famiglie, da festività di Natale e Capodanno passate in ambulanza sino ad arrivare alle recenti e spiacevoli aggressioni. A tutto questo si aggiungono i bassi salari, la progressiva e preoccupante demedicalizzazione dei mezzi di soccorso che nella Provincia di Barletta-Andria-Trani si sta materializzando.

A Barletta, in particolare, si è determinato un allarmante deterioramento del contesto lavorativo (già stressante di per sé) per la inidoneità dei luoghi di lavoro del personale 118 collocato presso il vecchio ospedale "Umberto I". L'equipe del 118 è, infatti, costretta a vivere in ambienti inadatti sia sotto il profilo logistico che funzionale. Per loro è persino un'impresa raggiungere le autoambulanze, trovare parcheggio libero, evitare incidenti, scongiurare il pericolo di trovare le auto personali puntualmente vandalizzate.
Questo comporta un disagio incredibile per questi lavoratori e, inevitabilmente, un ritardo nei soccorsi. Si limita così l'efficacia d'intervento, provocando, tra l'altro, l'ira dei cittadini richiedenti che sono all'oscuro delle precarie condizioni di lavoro nei quali versa oggi il 118. Questi lavoratori, peraltro, sono spesso chiamati a servire città parecchio distanti da Barletta, come Minervino Murge o Spinazzola.

Rivolgo pertanto un invito a tutti gli organi decisori, confidando nella sensibilità del Prefetto della Provincia di Barletta-Andria-Trani, Dott. Maurizio Valiante e del Commissario Straordinario del Comune di Barletta, Dott. Francesco Alecci, affinché le sedi comunali che, di concerto con il Direttore Generale della ASL BT, Avv. Alessandro Delle Donne, avevamo pensato di assegnare al 118, possano essere subito realizzate e rese operative: "Barletta 1" presso la scuola "Principe di Napoli" e "Barletta 2" presso l'ex centro di riabilitazione e oggi nuovo poliambulatorio veterinario ASL di via Maranco.

Il mio appello è, inoltre, finalizzato a una maggiore attenzione rispetto agli operatori del 118: sono loro a salvarci in caso di pericolo di vita e a loro vanno garantite condizioni dignitose per poter lavorare nel migliore dei modi a servizio della comunità».
  • Servizio 118
  • Cosimo Cannito
Altri contenuti a tema
5 Cannito sindaco, annullato il comizio di questa sera Cannito sindaco, annullato il comizio di questa sera «Festeggeremo insieme quando raggiungeremo i primi risultati concreti»
Cosimo Cannito è ufficialmente il nuovo Sindaco di Barletta Cosimo Cannito è ufficialmente il nuovo Sindaco di Barletta Avvenuta la proclamazione a Palazzo della Marra, «questa fascia comporta emozioni e responsabilità»
Domani pomeriggio la proclamazione del sindaco Cannito Domani pomeriggio la proclamazione del sindaco Cannito Cerimonia nella sala conferenze di Palazzo della Marra
Cannito sindaco, come sarà il consiglio comunale Cannito sindaco, come sarà il consiglio comunale Attributo alla coalizione di centrodestra il premio di maggioranza
Elezioni Barletta, Cannito vince il ballottaggio con il 65,03% Elezioni Barletta, Cannito vince il ballottaggio con il 65,03% Poco prima dell'1 di notte si è concluso lo scrutinio dei voti: grande festa sotto Palazzo di Città
«Grazie ai cittadini di Barletta, dedico questa vittoria a loro» «Grazie ai cittadini di Barletta, dedico questa vittoria a loro» Le prime dichiarazioni di Cosimo Cannito, riconfermato sindaco al ballottaggio
Cannito: «Se avrete fiducia in me, il 26 giugno avremo Barletta libera» Cannito: «Se avrete fiducia in me, il 26 giugno avremo Barletta libera» È il discorso avvenuto in dal palco in piazza Caduti
Cannito Sindaco: una svolta storica per Barletta Cannito Sindaco: una svolta storica per Barletta «Cittadinanza impaurita da 20 anni e telecomandata dall'esterno»
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.