Lanterne cinesi per Capodanno
Lanterne cinesi per Capodanno
La città

No ai botti, dall’oriente a Barletta arrivano le lanterne di carta

L’ordinanza di divieto potrebbe creare poesia e suggestione

Alla luce dell'ordinanza sindacale nel comune di Barletta inerente al divieto sull'utilizzo di prodotti pirotecnici durante le festività natalizie e di fine anno, anche Barletta d'intesa con le città di Andria e Trani e di molti altri comuni in Italia si sta opponendo all'uso indiscriminato di petardi e botti di vario genere.

Le ragioni di tale divieto sono molteplici e si palesano ogni anno quando all'indomani del capodanno, quello che si apprende sui feriti a causa delle violente esplosioni dei botti è un vero e proprio bollettino di guerra. Proprio per tale ragione sempre più successo sta riscuotendo, nei vari comuni d'Italia, l'idea di sostituirli con poetiche e colorate lanterne a cui affidare i propri propositi e desideri nella notte di San Silvestro. Illuminare il cielo in quella notte con oggetti che - se usati nel giusto modo - non possono certo provocare i medesimi danni dei botti ma che al contrario possono render quella notte ancor più suggestiva e magica sembra conciliare le diverse ragioni di chi si oppone all'inquinamento acustico e ambientale e alla salvaguardia dei nostri animali domestici.

Salvaguardare l'incolumità pubblica, ostacolare l'inquinamento che tali botti causano, impedire che i nostri poveri animali domestici si spaventino a causa del fragore dei botti: queste le più semplici ragioni per cui preferire a questi le lanterne. Ci sono però altre ragioni che avvalorano l'utilizzo delle lanterne e riguarda il significato loro attribuito. La storia delle sky lanterns o lanterne del cielo affonda le proprie radici al III secolo avanti Cristo dove erano usate in Cina dagli eserciti come metodo di segnalazione. Solo più tardi sono state impiegate per tramettere i propri desideri al cielo durante l'ultima notte dell'anno. Illuminano la notte con la loro luce e il loro fascino e hanno un bel significato: in Asia infatti credono che il lancio delle lanterne liberi l'uomo dai propri guai e la stessa fiammella si connota di un preciso significato poiché simboleggia la conoscenza e la guida nei cammini impervi della vita.

In tempi così difficili come quelli che stiamo vivendo non è certo un errore accogliere tale rito colmo di significato e suggestione, affidare al cielo le proprie speranze e i propri sogni futuri, salutare il nuovo anno con un messaggio di pace e speranza che accomuni tutti coloro che hanno per tetto lo stesso cielo. Ammirare il cielo colorarsi a festa per salutare il nuovo anno che arriva non è dunque più suggestivo del fragore di botti molto più pericolosi??Nella speranza che un nuovo e più rinnovato senso di civiltà e responsabilità si accompagni all'arrivo del nuovo anno in molti in Italia già confidano nel successo di tale proposta che ci terrà con il naso all'insù per qualche minuto e stupirà sempre di più un maggior numero di grandi e piccini.
  • Facebook
  • moda
  • Botti di Capodanno
Altri contenuti a tema
Da Gucci in poi: Castel del Monte vale più di un centesimo Da Gucci in poi: Castel del Monte vale più di un centesimo La sfilata, la gloria, il “disordine controllato”, fare sistema fra pubblico e privato
Gucci sceglie Castel del Monte, evento prestigioso nella Bat Gucci sceglie Castel del Monte, evento prestigioso nella Bat Le sfilate della nota maison si svolgeranno il 16 maggio nel maniero federiciano
Nugnes e Burberry: un'amicizia che racconta la Puglia da 50 anni Nugnes e Burberry: un'amicizia che racconta la Puglia da 50 anni Da Londra a Trani la celebrazione di un sodalizio unico che dura da mezzo secolo
Cassonetto incendiato in un cortile di Barletta nella notte di Capodanno Cassonetto incendiato in un cortile di Barletta nella notte di Capodanno La segnalazione di un cittadino: «Auspico maggiore responsabilità e senso civico»
Capodanno, a Barletta botti vietati fino al 6 gennaio 2022 Capodanno, a Barletta botti vietati fino al 6 gennaio 2022 L'ordinanza del commissario Francesco Alecci prevede sanzioni fino a 500 euro
“Senza mare non so amare”, Nugnes lancia da Trani con Seabin Project un progetto di sostenibilità ambientale “Senza mare non so amare”, Nugnes lancia da Trani con Seabin Project un progetto di sostenibilità ambientale Le originali t-shirt firmate Nugnes in vendita per la salvaguardia del mare dai rifiuti
“Barletta, come eravamo…”, 10mila appassionati della città di un tempo “Barletta, come eravamo…”, 10mila appassionati della città di un tempo Il gruppo Facebook raccoglie antichi scorci e personaggi della città
Molfetta Creation and Fashion 2021, la moda e la creatività tornano dal vivo Molfetta Creation and Fashion 2021, la moda e la creatività tornano dal vivo Il 25 settembre nel centro di Molfetta, in corso Dante: special guest Bianca Atzei
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.