Retro Cattedrale
Retro Cattedrale
Cronaca

L'altro lato di Barletta, la tragedia che deve far riflettere la città

Dopo anni di lassismo e di allarmi inascoltati Barletta è chiamata ad un serio esame di coscienza

Inevitabile che si arrivasse a questo. Quasi ineluttabile, purtroppo, che prima o poi ci scappasse il morto. A prescindere da quelli che saranno gli sviluppi delle indagini sulla tragica morte del giovane Claudio Lasala, ci tocca purtroppo amaramente ricordare ciò che da anni puntualmente documentiamo e denunciamo, a proposito di centro storico e movida, e cioè uno stato di assoluto degrado civico e morale di quella parte di Barletta che, da oltre un ventennio, di giorno funge da "salotto buono" della città da mostrare con orgoglio a questo o quel ministro o esponente nazionale di partito (oltre che da comodo biglietto da visita per campagne elettorali all'insegna del "noi abbiamo fatto"), e che di notte, purtroppo, diventa praticamente zona franca, terra di nessuno. Un vero e proprio paradiso in terra per gente in cerca di sballo, di sbronze, di risse e di "guadagno facile". Un vero e proprio inferno dantesco per chi invece deve alzarsi alle sei per andare a lavoro e per famiglie che magari vivono li da qualche generazione, a cui qualche genio in passato ha persino consigliato di traslocare.

In questi anni trascorsi nel ruolo di "cassandre" (o "tirapiedi", secondo gli aedi della fù "Barletta turistica" e dell'inevitabile prezzo da pagare sotto forma notti passate in bianco) abbiamo quasi quotidianamente narrato di residenti costretti nelle ore della cosiddetta movida a gimkane tra chiazze di vomito, ed "allietati" nelle ore notturne dall'immancabile sinfonia di rutti e suoni gutturali assortiti. Sempre a proposito di via Duomo e dintorni, abbiamo inoltre raccontato più e più volte di episodi di spaccio, di schiamazzi, di baby gang che picchiano, di vandalismo, di risse e addirittura di pistolettate.

Cari lettori, care istituzioni e cara classe dirigente barlettana, una volta tanto cerchiamo di essere onesti con noi stessi: ma davvero qualcuno credeva che questo triste crescendo rossiniano fatto di inciviltà, di maleducazione e di criminalità non portasse prima o poi a terribili e nefaste conseguenze come quelle dell'altra notte? Siamo ben consci che in tragiche circostanze come queste, con una famiglia che in queste ore piange un figlio, un fratello o un fidanzato, recitare la parte del "ve l'avevamo detto" può essere antipatico, quando non sconveniente.

Ma da cittadini barlettani crediamo che di fronte ad una giovane vita così barbaramente spezzata sarebbe ancora più antipatico e sconveniente assistere nei prossimi giorni ai soliti e irritanti "diremo" e "faremo" di circostanza; ai soliti moti di indignazione che durano quanto un paio di guanti in lattice; e ai soliti tavoli tecnici tanto strombazzati quanto, alla luce dei fatti, inconcludenti. Perché il tempo delle chiacchiere stavolta è davvero finito: c'è innanzitutto una famiglia che piange un figlio morto, e poi c'è una città, Barletta, che a questo punto - dal primo dei politici all'ultimo dei cittadini - deve farsi un serio esame di coscienza.
  • Sicurezza
Altri contenuti a tema
"Povertà, disagio sociale e violenza", il flash mob a Barletta "Povertà, disagio sociale e violenza", il flash mob a Barletta L'iniziativa si svolgerà il 27 gennaio in piazza Monte di Pietà
Sventato furto in un deposito di materiale edile di Barletta Sventato furto in un deposito di materiale edile di Barletta Intervento della Newpol sul posto in contrada Carlantonio
Il report delle attività di sicurezza svolte nella provincia Il report delle attività di sicurezza svolte nella provincia Il riepilogo totale delle attività svolte: importanza data anche alle attività di prevenzione e a quelle investigative
Pegaso Security: una realtà consolidata nel panorama nazionale della sicurezza Pegaso Security: una realtà consolidata nel panorama nazionale della sicurezza L’istituto di vigilanza fondato da Carlo De Nigris, si piazza al 2° posto nella classifica nazionale 2022 delle aziende cresciute di più, del Sole 24 Ore e Statista
Sicurezza nelle discoteche, sindaci al flash mob al Demodé di Modugno Sicurezza nelle discoteche, sindaci al flash mob al Demodé di Modugno I primi cittadini chiedono il "daspo per i violenti" dopo i fatti delle ultime settimane
17 No alle manifestazioni pubbliche in alcune aree della città: la direttiva del Comitato Provinciale No alle manifestazioni pubbliche in alcune aree della città: la direttiva del Comitato Provinciale La decisione presa per la durata dello stato di emergenza dovuto alla pandemia da Covid-19
Sicurezza nelle discoteche: sottoscritto il Protocollo d'Intesa Sicurezza nelle discoteche: sottoscritto il Protocollo d'Intesa Previste anche campagne di sensibilizzazione per i giovani
Omicidio Lasala, interviene anche il sindaco di Andria: «Agire subito per dare tranquillità alle nostre Comunità» Omicidio Lasala, interviene anche il sindaco di Andria: «Agire subito per dare tranquillità alle nostre Comunità» Le parole di Giovanna Bruno: «È un dolore generato da un atto di ferocia inaudita»
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.