Antonia Cascella
Antonia Cascella
Associazioni

Gli Ordini degli Ingegneri chiedono un coinvolgimento per il governo del territorio

Una lettera congiunta indirizzata alla Regione dopo l'approvazione del Piano Casa

Gli Ordini degli Ingegneri delle Province di Bari, Bat, Brindisi, Foggia, Lecce e Taranto chiedono alla Regione Puglia l'istituzione di un tavolo partecipativo di coordinamento tecnico per le politiche sul governo del territorio.

L'esigenza storica di un confronto costante e aperto alle sensibilità culturale e alla preparazione specifica dei professionisti del settore, a cominciare dagli Ingegneri, si fa sempre più d'attualità - qualora fosse stata erroneamente accantonata o, peggio, ritenuta superflua - alla luce delle notizie riguardanti il cosiddetto "Piano Casa".

Il Consiglio dei Ministri, com'è noto, lo scorso 10 ottobre 2022 ha deciso di impugnare la Legge Regionale 20 approvata lo scorso agosto dal Consiglio della Regione Puglia, norme che nell'obiettivo dei proponenti - dunque avallate dalla massima assise pugliese - sarebbero destinate al riuso degli immobili e all'utilizzo dei materiali riciclati, in un più ampio panorama di governo del territorio, difesa del suolo e sostenibilità ambientale.

A finire sotto i fari della Corte Costituzionale, su ricorso del Governo, a quanto pare non sarà tanto lo spirito della legge quanto la procedura semplificata codificata che, secondo l'Esecutivo, contrasta con l'articolo 117 della Costituzione in base al quale il governo del territorio è di competenza concorrente tra Stato e Regioni. Sulle contestazioni dovrà ora pronunciarsi la Corte Costituzionale.

In attesa delle determinazioni della Consulta, ben sapendo come la legge sia stata di fatto riproposta negli ultimi giorni in Regione, sfrondata dai cavilli eccepiti in sede di ricorso - riteniamo ideale questa occasione per aprire un dibattito concreto e complessivo sulla materia del Governo del Territorio, affinché snellimento e semplificazione possano essere materia condivisa di studio, analisi e approfondimento.

In questo senso, il coinvolgimento dei tecnici professionisti, attraverso le loro rappresentanze ordinistiche, può garantire un apporto trasversale, pieno e qualificato, soprattutto destinato all'idea di rilancio e sviluppo nel rispetto dei confini dettati dalle norme costituzionali, nazionali e regionali rivolte alla tutela del paesaggio e alla cura dell'esistente, rileggendo le procedure e magari suggerendo strade operative fattibili e magari inoppugnabili.

I sottoscritti Presidenti degli Ordini provinciali degli Ingegneri della Puglia hanno così scritto all'assessore regionale Anna Grazia Maraschio chiedendo l'istituzione di un tavolo partecipativo di coordinamento tecnico per le politiche sul governo del territorio.

Pensiamo ad un "organo tecnico permanente per la consultazione dei rappresentanti delle categorie di tecnici professionisti – si legge nella missiva spedita all'assessore regionale - nonché di tutti gli stakeholder, operanti nel campo urbanistico-edilizio sulle problematiche inerenti l'applicazione, l'aggiornamento e la semplificazione della normativa regionale sul governo del territorio".

I firmatari sono: il presidente dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bari Umberto Fratino, il presidente dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di BAT Antonia Cascella, il presidente dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Brindisi Cosimo Pescatore, il presidente dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia Stefano Torraco, il presidente dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Lecce Francesco Miceli e il presidente dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Taranto Luigi Alberto Ciro De Filippis.
  • Urbanistica
Altri contenuti a tema
23 Legge Gabellone, «quali le ricadute per il PUG?» Legge Gabellone, «quali le ricadute per il PUG?» Una nota del segretario cittadino di Azione
37 Da Piazza Moro all'area mercatale, «alcune idee per Barletta» Da Piazza Moro all'area mercatale, «alcune idee per Barletta» I suggerimenti di un lettore
1 Parco sì, parcheggio no? «Occorre una visione più ampia» Parco sì, parcheggio no? «Occorre una visione più ampia» Una riflessione del perito agrario Dargenio
34 Fa discutere il parcheggio in via Cafiero: se invece lì ci fosse un parco? Fa discutere il parcheggio in via Cafiero: se invece lì ci fosse un parco? La proposta di alcuni giovani professionisti barlettani per il "Parco delle Mura di San Cataldo"
20 «A Barletta occorre una nuova e moderna Pianificazione Urbanistica» «A Barletta occorre una nuova e moderna Pianificazione Urbanistica» La nota del perito agrario Giuseppe Dargenio
ZTL: la nota di  A.P.E. e Barletta Ricettiva ZTL: la nota di A.P.E. e Barletta Ricettiva Il commissario straordinario Alecci ha permesso un incontro con il Comandante della polizia municipale Savino Filannino,l
ZTL a Barletta: ecco le vie interessate ZTL a Barletta: ecco le vie interessate I varchi saranno attivi dal lunedì al venerdì, dalle ore 18 alle 2 di notte; il sabato dalle ore 12 alle 24
3 Rimosse le macerie del cantiere Lidl, ma dove eravamo rimasti? Rimosse le macerie del cantiere Lidl, ma dove eravamo rimasti? A distanza di un anno dall'inizio della vicenda si cerca ancora una soluzione perequativa
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.