Portatori della Madonna dello Sterpeto. <span>Foto Pagina Facebook Portatori M. SS. dello Sterpeto</span>
Portatori della Madonna dello Sterpeto. Foto Pagina Facebook Portatori M. SS. dello Sterpeto
Religioni

Festa Patronale di Barletta: intervista ai Portatori della Madonna dello Sterpeto

«Il vero peso lo sentiamo quando, durante le processioni, ci imbattiamo nella sofferenza della gente che ripone le proprie speranze nella Madonna»

La festa patronale si avvicina, un momento molto sentito da tutti i barlettani, fedeli e non. Un momento in cui fede e folclore vengono a legarsi per un momento di festa cittadino. In questo primo articolo sul tema, abbiamo voluto intervistare il gruppo dei Portatori della Madonna dello Sterpeto, che hanno risposto ad alcune nostre domande inerenti alla festa e non solo…

Quale è il peso che sentite su di voi quando portate processionalmente la Madonna?
«Il peso fisico è qualcosa di accessorio perché noi portatori ci sentiamo privilegiati a poterlo fare per conto di tutta la città. Il vero peso è quando durante le processioni ci imbattiamo nella sofferenza della gente che ripone le proprie speranze nella Madonna. Lo sguardo di chi soffre e che cerca conforto è qualcosa che ti entra nell'anima. Noi nel nostro piccolo cerchiamo di donare quell'attimo di "intimità" a coloro che ne hanno più bisogno in quel momento: una sosta non programmata dove c'è un ammalato, o un bambino oppure il donare un fiore del quadro della Madonna. Piccoli gesti fatti con il cuore per cercare di donare conforto a coloro che lo richiedono, anche solo per un breve momento».
4 fotoImmagini dei Portatori M. SS. dello Sterpeto
Portatori M. SS. dello SterpetoPortatori M. SS. dello SterpetoPortatori M. SS. dello SterpetoPortatori M. SS. dello Sterpeto
Cosa vi ha spinto ad entrare nel gruppo dei portatori, gruppo che comunque esiste da tanti anni, ma che prima era formato solamente da pescatori o contadini ed era un qualcosa che si tramandava nella stessa famiglia?
«Principalmente la devozione ereditata dai nostri avi portatori. Il trasporto della Sacra Immagine della Madonna dello Sterpeto, è avvenuto sempre a spalla dai marinai. Dopo una iniziale trasmigrazione a cura dei Canonici di Santa Maria Maggiore su lussuose carrozze (nei primi anni dopo la proclamazione di Protettrice della Città) un gruppo di marinai si è preso carico del trasporto, tramandando di generazione in generazione questa grande devozione fino ai giorni nostri. Il nucleo storico del gruppo dei portatori (l'attuale Consiglio Direttivo in carica e qualche altro membro) è formato da quei figli e nipoti di portatori nati e vissuti nel borgo marinaro di Santa Maria (dove il culto della Madonna dello Sterpeto da sempre è stato particolarmente sentito) che nel secolo scorso sono stati esempi di devozione per la Madonna e per l'amata Barletta. Negli ultimi anni l'Associazione ha aperto anche a coloro i quali hanno dimostrato particolare devozione, previo noviziato ed eventuale conferma come previsto dal regolamento dell'Associazione».

Come vi siete sentiti durante il periodo pandemia nel non poter accompagnare la cornice a spalla?
«Durante la pandemia ci siamo sentiti, un po' come tutti, smarriti. Il non poter esprimere la nostra devozione in toto è stato difficile da accettare. Ovviamente la priorità che aveva la salvaguardia della nostra salute era qualcosa di imprescindibile. L'emergenza sanitaria se da una parte ci ha "allontanato", dall'altra ci ha resi consapevoli di quanto fossero importanti le cose che prima magari davamo per scontato. Tra questo ovviamente le manifestazioni di fede alle quali eravamo abituati prima della pandemia».

Ricordiamo coloro che portarono l'effige della Madonna sul camioncino il primo anno di pandemia… Cosa hanno provato e sentito in quel momento?
«La consapevolezza di portare la Madonna in un modo a cui non eravamo abituati, rendeva il tutto un po' triste. Anche noi come tutti avevamo mille incertezze su cosa sarebbe stato, e soprattutto su quando sarebbe finita tutta quella assurda situazione. Però con il solito nostro spirito di devozione, non ci siamo tirati indietro, ci siamo messi a disposizione, anche incorrendo in qualche critica di troppo. In quel momento avere la Madonna in Cattedrale in quel "Mese di Maggio" anomalo sicuramente ha donato conforto in uno dei momenti più bui della nostra città e dell'intera nazione. E siamo stati contenti di averlo fatto».Quando dopo due anni di pandemia a maggio, avete potuto tutti portare la Madonna a spalla, cosa avete provato?
«La processione del primo maggio 2022 ha avuto un sapore particolare, di rinascita. Già nei nostri incontri di preparazione si avvertiva qualcosa di diverso, che tutto quanto stesse tornando alla normalità. Ed è stato così. L'emozione è stata tanta. Rivedere quel solito mare di gente che ci accompagnava, è stato qualcosa di impagabile. L'arrivo in città con la S. Messa in Piazza 13 Febbraio 1503, come da tanto non si faceva, ha dato la sensazione che questi 2 anni di pandemia fossero soltanto un brutto ricordo».

Spiritualmente come vi preparate alla festa patronale?
«Anche se i momenti liturgici principali che ci vedono coinvolti sono a maggio e la seconda settimana di Luglio in occasione della festa patronale, noi Portatori cerchiamo di prepararci spiritualmente al nostro compito tutto l'anno. Cerchiamo di mantenere quel filo che ci lega alla Madonna incontrandoci al Santuario l'ultimo sabato di ogni mese per riunirci in preghiera e servire messa, oltre a tutta una serie di attività utili per l'intera comunità. Per la festa patronale in particolare, ci incontriamo nei giorni che precedono la festa per organizzare al meglio la processione, partecipiamo la domenica mattina alla Solenne Messa Pontificale celebrata dal Vescovo, per poi dedicarci alla sera con il solito spirito di devozione alla Solenne Processione dei Santi Patroni».

Un vostro ultimo pensiero da poter rivolgere da parte vostra a tutti i fedeli in vista della festa patronale…
«Ai tanti fedeli che parteciperanno, auguriamo di godere a pieno di tutti i momenti folkloristici e religiosi che caratterizzano la nostra bella festa patronale. Che sia una festa di rinascita spirituale e non solo per tutti noi. Ne abbiamo bisogno per metterci alle spalle 2 anni difficili in cui le nostre vite sono state stravolte. Cercate di inculcare il bello delle cose semplici nelle nuove generazioni, per far sì che le tradizioni non si perdano nel tempo. Come diceva San Pio da Pietrelcina "Amate la Madonna e fatela amare"».
  • Festa patronale
  • Maria Santissima dello Sterpeto
Altri contenuti a tema
11 Come hai passato la festa patronale? Le risposte dei barlettani Come hai passato la festa patronale? Le risposte dei barlettani «Sperando in un futuro migliore dove comune e comitato feste possano collaborare, e magari cercare di coinvolgere di più la cittadinanza con proposte concrete e attive»
1 La festa patronale di Barletta è tradizione: ecco come l'hanno vissuta i cittadini La festa patronale di Barletta è tradizione: ecco come l'hanno vissuta i cittadini Il 75% degli utenti che hanno risposto al nostro sondaggio è rimasto in città
Barletta torna ad abbracciare i Santi Patroni: le immagini della processione Barletta torna ad abbracciare i Santi Patroni: le immagini della processione Tanti i barlettani presenti per il ritorno della tradizionale espressione di fede della festa patronale
Concerto lirico sinfonico per la festa patronale di Barletta Concerto lirico sinfonico per la festa patronale di Barletta Saranno eseguite le più belle arie d'opera e musica leggera del repertorio nazionale ed internazionale
Tornano le bancarelle della festa patronale in zona Castello e sul lungomare Tornano le bancarelle della festa patronale in zona Castello e sul lungomare Le strade interessate sono: via Cavour, via Carlo V, Piazza Castello, via Mura S.Cataldo e controstrada lungomare Mennea
Festa patronale Barletta, aperti i parcheggi nel centro commerciale Festa patronale Barletta, aperti i parcheggi nel centro commerciale Saranno disponibili h24 nelle giornate di sabato, domenica e lunedì
Don Francesco: «Ai barlettani, restate in città per vivere la Festa Patronale» Don Francesco: «Ai barlettani, restate in città per vivere la Festa Patronale» Intervista all'Arciprete, rettore della Cattedrale di Barletta
La fede dei portatori di San Ruggiero: «È come riabbracciare il proprio papà» La fede dei portatori di San Ruggiero: «È come riabbracciare il proprio papà» «Don Gino Spadaro ci disse: ricordatevi che portando i Santi Patroni, portate Barletta sulle Vostre spalle»
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.