Massimo Tarantino
Massimo Tarantino
Cronaca

Assago, ex calciatore del Barletta disarma l'aggressore

È Massimo Tarantino (giocò nel Barletta 1990/91) l’uomo che ha disarmato l’accoltellatore del Carrefour

È passato anche da Barletta Massimo Tarantino, l'ex calciatore e attuale dirigente della SPAL che è riuscito a disarmare il folle armato di coltello che ha ucciso un cassiere e ferito, tra gli altri, il calciatore del Monza Pablo Marì al centro commerciale Carrefour di Assago.

Massimo Tarantino, palermitano di origine, classe 1971, approda in biancorosso nella disgraziatissima stagione 1990/91: quella della incredibile retrocessione dalla Serie B alla Serie C1, dopo una prima parte di campionato condotta a ridosso della zona promozione.

Tarantino, giovane e brillante esterno difensivo di fascia sinistra, insieme al centrale difensivo Sottili e al centravanti Pistella, fu tra le poche note liete di quella tormentata stagione, tanto da attirare su di sé l'attenzione del primo Napoli post Maradona: quello allenato da un giovane Claudio Ranieri.

Tarantino trascorrerà all'ombra del Vesuvio cinque stagioni agli ordini di icone della panchina quali Ottavio Bianchi, Marcello Lippi e Vujadin Boskov, prima di approdare nella stagione 1996/97 nella prima Inter di Massimo Moratti dove per la verità avrà ben poca fortuna.

Dopo la parentesi nerazzurra Tarantino disputerà altre cinque stagioni nella massima serie con la maglia del Bologna, ed un'ultima a Como, nella stagione 2002/2003 culminata con la retrocessione in B.

«Io un 'eroe? Non ho fatto nulla». Queste le parole a caldo dell'ex terzino biancorosso subito dopo la folle aggressione a colpi di coltello costata la vita al 47enne Luis Fernando Ruggieri.
  • Asd Barletta 1922
Altri contenuti a tema
Gelbison-Barletta 0-0: i rischi, lo scandalo, i progressi, la speranza Gelbison-Barletta 0-0: i rischi, lo scandalo, i progressi, la speranza Buona prova dei biancorossi dopo un avvio trilling, ma pesa il rigore solare non concesso su N’Gom
Un tempo per parte, tra Gelbison e Barletta finisce 0-0 Un tempo per parte, tra Gelbison e Barletta finisce 0-0 I biancorossi portano via un punto dalla trasferta campana
Barletta, adesso non fermarti Barletta, adesso non fermarti Biancorossi attesi domani da una partita chiave in casa della Gelbison
Verso Gelbison-Barletta, Ciullo: «Parola d'ordine continuità» Verso Gelbison-Barletta, Ciullo: «Parola d'ordine continuità» La conferenza stampa del tecnico prima del match in Campania
Mario Dimiccoli rompe il silenzio: «Lotito? Qualcosa c'è, premiata la serietà della società» Mario Dimiccoli rompe il silenzio: «Lotito? Qualcosa c'è, premiata la serietà della società» Il presidente onorario intervenuto ai microfoni di Antenna Sud ha parlato anche della contestazione
1 Lotito: «Compro il Barletta? Mi arrivano 500mila proposte, poi lo vedremo» Lotito: «Compro il Barletta? Mi arrivano 500mila proposte, poi lo vedremo» Il patron della Lazio risponde circa il suo possibile interessamento al club biancorosso
1 Barletta-Matera 2-0. Finalmente tre punti. Finalmente una squadra Barletta-Matera 2-0. Finalmente tre punti. Finalmente una squadra Biancorossi vittoriosi dopo tre mesi di turbolenta agonia
Lotito a Barletta? Maneggiare con cura Lotito a Barletta? Maneggiare con cura L’interesse del patron della Lazio per il club biancorosso non è fantascienza, ma serve cautela
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.