Pillole
Pillole
Servizi sociali

Farmaci, Codacons diffida anche l'ordine dei medici di Barletta

Obbligatorio informare i pazienti sui rapporti con le aziende farmaceutiche

Il Codacons ha inviato una diffida agli Ordini dei medici di Bari, Barletta, Brindisi, Foggia, Lecce e Taranto, volta a garantire la trasparenza in favore dei cittadini e rendere noti i rapporti tra i camici bianchi operanti in Puglia e le aziende farmaceutiche, e ha pubblicato sul proprio sito internet la lista dei medici e delle fondazioni/università/istituti della regione che hanno ricevuto soldi dalle multinazionali dei farmaci.

Da oggi tutti i cittadini residenti in Puglia possono verificare se il proprio medico curante ha ricevuto finanziamenti dalle aziende produttrici di farmaci, grazie all'elenco pubblicato sul sito www.codacons.it contenente tutti i nomi dei medici "finanziati" – spiega l'associazione – Finanziamenti che, pur essendo forse pienamente legittimi, devono essere chiaramente dichiarati, comprensivi delle loro finalità, in modo da garantire piena trasparenza agli utenti. In tal senso abbiamo deciso di diffidare gli Ordini dei medici provinciali affinché dispongano in capo ai camici bianchi della regione l'obbligo di indicare all'interno dei propri studi tutti i rapporti con le aziende farmaceutiche, esponendo appositi cartelli volti ad informare i pazienti circa i legami con le multinazionali dei farmaci. E chiederemo alla Guardia di Finanza di verificare se tali entrate siano state regolarmente dichiarate ai fini fiscali. Ciò nel rispetto del Codice etico dei professionisti e allo scopo di garantire piena trasparenza ai cittadini i quali – afferma il Codacons - quando si rivolgono ad un medico e ricevono ricette per l'acquisto di farmaci, devono poter conoscere i rapporti esistenti tra lo stesso professionista e le aziende che producono i medicinali da lui prescritti.

Tutti i cittadini della regione possono intanto verificare se il proprio medico curante ha ricevuto finanziamenti dall'industria del farmaco visionando l'apposito elenco.
  • Medicina
  • Codacons
Altri contenuti a tema
Codacons chiede il risarcimento anche in Puglia per chi ha ricevuto Astrazeneca Codacons chiede il risarcimento anche in Puglia per chi ha ricevuto Astrazeneca Lanciata l'azione collettiva per i cittadini con meno di 60 anni
Codacons: «Si chiudano le discoteche a Ferragosto». Pronti a denunciare per epidemia colposa Codacons: «Si chiudano le discoteche a Ferragosto». Pronti a denunciare per epidemia colposa «Il Ferragosto 2020 rischia di trasformarsi in un gigantesco focolaio di coronavirus»
Troppi maleducati in spiaggia? I consigli del Codacons Puglia Troppi maleducati in spiaggia? I consigli del Codacons Puglia Oltre al rispetto dell'ambiente, l'invito è a limitare l'uso degli smartphone
Prelievi di cornee a cuore fermo: il primo nella Asl Bt Prelievi di cornee a cuore fermo: il primo nella Asl Bt L'equipe, guidata dalla dottoressa Antonietta Paccione, mentre il prelievo è stato effettuato dal dottor Pasquale Attimonelli
Esclusi dal concorso per dirigenti, Codacons Puglia lancia un ricorso Esclusi dal concorso per dirigenti, Codacons Puglia lancia un ricorso È possibile aderire entro il 10 maggio
Fattura elettronica obbligatoria, è caos totale Fattura elettronica obbligatoria, è caos totale Il Codacons Puglia si mobilita per fornire assistenza
2 Ponti a rischio anche nella Bat, il Codacons diffida il prefetto di Barletta Ponti a rischio anche nella Bat, il Codacons diffida il prefetto di Barletta Chiesto il blocco dei mezzi pesanti e adeguate verifiche per evitare tragedie
Disastro ferroviario, il Codacons lancia un'azione risarcitoria per i passeggeri Disastro ferroviario, il Codacons lancia un'azione risarcitoria per i passeggeri Tutti coloro che viaggiavano su quei treni potranno chiedere i danni
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.