Ufficio protesico del Distretto Socio Sanitario 4 di Barletta
Ufficio protesico del Distretto Socio Sanitario 4 di Barletta
Servizi sociali

Distretto socio sanitario di Barletta: la professionalità è di casa

Attività di front office, fatta di dedizione, sensibilità e correttezza verso l’utenza ed i protocolli

In tempi di pandemia le questioni relative alla sanità sono diventate sempre più all'ordine del giorno. Non che prima non lo fossero, ma oggi si è acquisita una maggiore, diversa sensibilità. I servizi sanitari, specie quelli di prossimità come quelli offerti dai Distretti sanitari del nostro SSN, hanno risentito di questa richiesta diversificata da parte della collettività, reggendone l'impatto, anche se ormai è acclarata la necessità di riconsiderare e potenziare la medicina di prossimità, come quella territoriale.

L'ufficio protesi ad esempio è uno di questi servizi sanitari maggiormente utilizzati dagli utenti. Una testimonianza concreta dell'ottimo livello di risconto da parte del pubblico è rappresentata dall'Ufficio protesico del Distretto Socio Sanitario 4 di Barletta, della Asl Bt.

Un personale scrupoloso che anche in piena prima ondata pandemica non ha mai esitato a compiere il proprio lavoro, aperto sempre al pubblico, pur adottando le dovute precauzioni. Già, perché i bisogni come quelli sanitari non attendono la conclusione di crisi pandemiche. Ci sono e bisogna (sapere) affrontarli. Escludendo coloro che hanno patologie temporanee, a questo ufficio, situato al piano terra del vecchio ospedale di piazza Umberto I, in locali angusti e senza luce diretta, si rivolge una vasta utenza, tra invalidi civili, come laringectomizzati, tracheostomizzati, ileo-colostomizzati e urostomizzati, donne che hanno subito interventi di mastectomia o minori con varie patologie, come per la fornitura di ortoprotesi. Le varie procedure per la fornitura di ausili protesici, rappresentano all'anno le migliaia di pratiche che nel termine massimo di venti giorni vengono esaminate ed evase dal personale in servizio. Mena Salvemini, Patrizia Ruta, Grazia Bissanti, Rosalba Dellaquila, Giuliana Schiavone e Vito Chiummo, con valenti medici quali Giovanni Dibuduo e Ilaria Alicino, sono loro che fanno fronte alle tante richieste che si sommano giorno dopo giorno, a questo sportello di solidarietà pubblica. Un lavoro poco conosciuto rispetto ad altri ambiti sanitari, ma oltremodo delicato e paziente. Lo sanno bene coloro che operano con un certo target di pubblico, bisognoso anche del semplice ascolto. Un rilievo anche psicologico quindi, sulle innumerevoli istanze che vengono presentate, molto spesso abbisognevoli di alcuni approfondimenti/chiarimenti che denotano la correttezza dell'agere pubblico, connotato dalla trasparenza e dall'appropriatezza degli ausili forniti. Ha di che essere fiero il dottor Raffaele Marino, dirigente amministrativo e responsabile amministrativo del Distretto Socio Sanitario di Barletta, che conosce bene la professionalità dei suoi collaboratori. Una professionalità, che pur nell'attuale situazione, viene quotidianamente esercitata. Alloggiati provvisoriamente in locali di fortuna, ricavati in quella che era la vecchia biblioteca ospedaliera, ricevendo il pubblico nel corridoio principale d'accesso alla grande struttura del distretto, sono in attesa di poter finalmente ritornare nei locali d'appartenenza, oggi occupati dall'USCA.

A donne e uomini che lavorano nell'anonimato nel campo socio sanitario è più che mai d'obbligo, specie in questo periodo, tributare la giusta riconoscenza. Un omaggio morale che premia l'abnegazione e la correttezza di chi quotidianamente è al servizio della collettività, specie dei più fragili.
  • Sanità
Altri contenuti a tema
13 Strappano dalla morte un paziente in arresto cardiaco grazie al "Lucas" Strappano dalla morte un paziente in arresto cardiaco grazie al "Lucas" Il soccorso degli operatori del 118 questa notte a Barletta
La Funzione Pubblica Cgil Bat scrive al nuovo dg della Asl Tiziana Di Matteo La Funzione Pubblica Cgil Bat scrive al nuovo dg della Asl Tiziana Di Matteo Elencate le questioni più urgenti da affrontare secondo Remini, Marzano, Matera e Spinazzola
Le malattie infiammatorie croniche intestinali: novità scientifiche e terapeutiche Le malattie infiammatorie croniche intestinali: novità scientifiche e terapeutiche L’evento medico è organizzato dal prof. Francesco William Guglielmi
Asl Bt: bando per 162 ausiliari Asl Bt: bando per 162 ausiliari Sarà possibile presentare domanda entro il 7 dicembre 2021
«È insostenibile mantenere invariato quel tetto di spesa» «È insostenibile mantenere invariato quel tetto di spesa» Potito Salatto, presidente Aiop Puglia, contesta il mancato adeguamento delle soglie di mobilità attiva per le cure ospedaliere da parte della Regione
Lopalco annuncia: «Consegnata la lettera con mie dimissioni irrevocabili» Lopalco annuncia: «Consegnata la lettera con mie dimissioni irrevocabili» L'epidemiologo lascia il suo ruolo di assessore regionale alla sanità
Sanità, Ministro Speranza: "Dal 2022 nuova indennità a personale pronto soccorso" Sanità, Ministro Speranza: "Dal 2022 nuova indennità a personale pronto soccorso" Soddisfatti Guido Quici e Luciano Suriano, rispettivamente presidente e vice segretario organizzativo di CIMO-FESMED
O.S.S. precari presso l'Asl Bt: l'accordo raggiunto questa mattina O.S.S. precari presso l'Asl Bt: l'accordo raggiunto questa mattina Potranno partecipare ad un avviso di selezione
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.