Marisa Scopece
Marisa Scopece
Cronaca

Delitto Scopece: sentenza ribaltata, non ci sono colpevoli

Corte d'Assise d'appello capovolge la precedente sentenza. La storia di Marisa era segnata di disagi familiari, droga e prostituzione

Non ci sono colpevoli per l'efferato delitto di Marisa Scopece, la ventitreenne foggiana uccisa il 6 settembre 2007 a Barletta, il cui cadavere fu rinvenuto da un contadino cinque giorni più tardi in un tratturo prospiciente la Madonna dello Sterpeto. La Corte d'Assise d'Appello ha completamente capovolto la sentenza della Corte d'Assise di Trani. Il 29 aprile 2011 i giudici tranesi avevano condannato a 27 anni di reclusione il trentasettenne Emanuele Modesto e a 30 anni di reclusione i cugini Raimondo Carbone (di 33 anni) e Giuseppe Gallone (di 36 anni) per le accuse di omicidio premeditato, distruzione di cadavere, rapina ed illecita detenzione di una pistola.

I tre, oggi, sono stati assolti con formula piena "per non aver commesso il fatto". La loro assoluzione ha, già di per sé, determinato l'assoluzione pure dei cerignolani Antonio Reddavide (52 anni) e Geremia Strafezza (37 anni) accusati d'aver aiutato i presunti assassini tacendo o rendendo false informazioni sugli ultimi spostamenti della Scopece: in primo grado erano stati rispettivamente condannati ad 8 mesi ed ad 1 anno e 8 mesi di reclusione. Le motivazioni della sentenza d'appello saranno depositate tra novanta giorni. Poi la Procura Generale presso la Corte d'Appello di Bari potrà impugnare la sentenza in Cassazione. La pronuncia di secondo grado ha, dunque, demolito l'impianto accusatorio imbastito dalla Procura della Repubblica di Trani. In primo grado erano stati già assolti i marocchini Driss Dadri, (36 anni) residente a Trinitapoli e Ouadri Dafri (38 anni), residente a Zapponeta, accusati di ricettazione per aver acquistato i due cellulari della vittima. Marisa Scopece, fu uccisa a colpi di pistola.

Poi il cadavere fu dato alle fiamme. Chi la uccise la rapinò di ventimila euro, di due telefonini e della sua Opel Tigra. Il cadavere rimase senza nome sino al 19 settembre quando, da una foto diffusa dai mass media, il responsabile della Cooperativa "Il Sipario" di Gravina in Puglia (dove Marisa era stata ospite) riconobbe il "cuore alato" tatuato sul fondoschiena. La storia di Marisa era segnata di disagi familiari, droga e prostituzione. Chi l'ha ammazzata, forse, voleva il suo bottino di ventimila euro che la giovane portava sempre con sé. Assassino o assassini rimasti senza nome.
  • Appello
  • Delitto
  • Omicidio
Altri contenuti a tema
Rinviata al 28 marzo la giornata in memoria di Claudio Lasala Rinviata al 28 marzo la giornata in memoria di Claudio Lasala L'evento organizzato dal Comune di Barletta si terrà al Teatro "Curci"
Un evento per Claudio Lasala: il 17 gennaio al Curci Un evento per Claudio Lasala: il 17 gennaio al Curci L'Amministrazione si pone l'obiettivo di sensibilizzare i giovani
8 "Cerco Claudio", la zia del 24enne: «La famiglia diffonderà un messaggio alla città» "Cerco Claudio", la zia del 24enne: «La famiglia diffonderà un messaggio alla città» Le parole di Annamaria Lasala in vista della manifestazione del 18 dicembre
Cerco Claudio: l'evento zero per ripartire da Claudio Lasala Cerco Claudio: l'evento zero per ripartire da Claudio Lasala Il movimento propone di denunciare il degrado e ricercare i comportamenti sani
Trenta giorni fa Barletta perdeva Claudio Lasala Trenta giorni fa Barletta perdeva Claudio Lasala Cosa resta di quella notte un mese dopo
Un maxischermo per seguire i funerali di Claudio Lasala Un maxischermo per seguire i funerali di Claudio Lasala La famiglia ha richiesto l'assenza delle telecamere dalla cerimonia
Un minuto di silenzio in campo per ricordare Claudio Lasala Un minuto di silenzio in campo per ricordare Claudio Lasala Questo pomeriggio durante la partita tra Etra Barletta e Borgovilla calcio
Una mamma barlettana dopo la morte di Claudio: «Menefreghismo dietro la tragedia» Una mamma barlettana dopo la morte di Claudio: «Menefreghismo dietro la tragedia» «Alla famiglia di Claudio chiedo di combattere e di essere forte nell'esigere giustizia»
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.