Bottiglia rotta
Bottiglia rotta
Associazioni

«Come può una serata normale, tranquilla, trasformarsi in una tragedia?»

Le riflessioni dell'avv. Anna Chiumeo, presidente ADGI Trani

«Questi ultimi giorni hanno visto il nostro territorio vittima di episodi di una gravità che non ci sono termini per definire. La morte di Claudio a Barletta la settimana scorsa e l'altro ieri il ferimento di un giovane a Bisceglie sono la punta di un iceberg di un malessere, di un individualismo che fa paura». Sono le parole dell'avvocato Anna Chiumeo, presidente della sezione di Trani dell'Associazione Donne Giuriste Italia (ADGI).

«Una morte, un ferimento senza alcun valido motivo, ammesso che ci possa essere una motivazione per uccidere o ferire una persona - scrive l'avvocato nella sua nota - Un dolore grande, non solo per le famiglie ma per tutti noi. Come può una serata normale, tranquilla, di festa trasformarsi in una tragedia?

Tante sono le domande che bisogna porsi e che molti hanno fatto. Domande che non richiedono parole" bla ,bla," come direbbe Greta(anche in questa amara circostanza molti hanno perso l'occasione di tacere e riflettere) ma fatti, comportamenti diversi da quelli che hanno portato alla morte di uno di noi.

Quella di Claudio, come si dice in giro, è una morte annunciata. Annunciata da uno stato di degrado, che ultimamente sta vivendo Barletta. Una città che non ha un progetto di sviluppo se non legato al cemento. Una citta che abbatte gli alberi e non li sostituisce, anzi copre le buche con l'amato materiale. Una riqualificazione di un centro storico basato soltanto sull'apertura di locali (ultimi gli H 24 dove non si sa se chi prende la bevanda alcolica corrisponde realmente alla tessera sanitaria inserita), dove passeggiare fra i tanti tavolini e sedie è diventato un allenamento per la corsa ad ostacoli. Una periferia che oltre ai soliti locali non offre nulla. Niente biblioteche, librerie, cinema, spazi per la socialità.

Appunto "la socialità" questa parola strana, sconosciuta. Non la socialità virtuale che isola sempre più i nostri giovani e anche quelli meno giovani. Una socialità fatta d'incontri, di attività sportive, artistiche. Ma quale progettualità vera, seria, viene fatta, proposta sulla Cultura, in un territorio che per il patrimonio artistico e naturale che ha, dovrebbe costituire la prima fonte di lavoro e quindi di ricchezza?

Quali spazi vengono messi a disposizione alle tante Associazioni presenti, che con il loro lavoro silenzioso, pieno di ostacoli (proprio dalle Istituzioni che dovrebbero favorire ed incentivare) continuano a svolgere quotidianamente per dare una motivazione alle giornate dei tanti ragazzi, che hanno bisogno di opportunità. Quale speranza diamo. Quali sono i modelli che offriamo, che offre purtroppo la classe politica e dirigenziale della nostra città? Litigi, lotte di poltrone, dove vince il prepotente quello che ha i voti (bisognerebbe chiedersi come li ha ottenuti) non chi ha più idee, più progettualità. L'arroganza, la legge del più forte, anche se è una forza apparente ed effimera.

Ha ragione il Sindaco di Bisceglie Angarano, gli ultimi avvenimenti non richiedono solo interventi di sicurezza, più controlli, magari, ci sia permesso dire con un migliore coordinamento fra le forze dell'ordine, con una maggiore presenza a piedi e in borghese fra le strade della così detta "movida" e purtroppo non solo. Ma questi episodi denotano un grosso problema sociale. Evidenziano la mancanza di un luogo di produzione politica giovanile. Su questo bisogna riflettere seriamente e in fretta.

A Claudio dobbiamo e noi lo facciamo chiedere perdono, per non averlo saputo proteggere e difendere da gesti assurdi. A te Claudio, l'Associazione Donne Giuriste Italia Sezione di Trani, e ognuno di noi singolarmente, promette di incrementare il suo impegno per l'affermazione della legalità, per far comprendere che non bisogna avere paura di esprimere le proprie idee di chiedere sempre a chi occupa determinati ruoli di guardare alle reali esigenze della nostra realtà, dell'esigenze di tutti e non solo di una minoranza prepotente, che è tale perché gli altri tacciono. A te Claudio diciamo che non consentiremo che la tua morte sia stata invana. Alla Città, a tutto il territorio e alle Istituzioni diciamo noi vogliamo collaborare affinchè si abbia un reale cambiamento. Diciamo Noi ci siamo e siamo a disposizione».

Barletta contro la violenza

Barletta contro la violenza

Sensibilizzazione e informazione: i nostri approfondimenti per sostenere la lotta contro ogni forma di violenza

30 contenuti
Altri contenuti a tema
Trenta giorni fa Barletta perdeva Claudio Lasala Trenta giorni fa Barletta perdeva Claudio Lasala Cosa resta di quella notte un mese dopo
Lo sport corre al fianco delle donne Lo sport corre al fianco delle donne Si concludono con la "Corri e cammina" le attività lanciate dalla Barletta Sportiva per il 25 novembre
Accoglienza e sostegno ai ragazzi, alla scoperta del C.A.Gi. di Barletta Accoglienza e sostegno ai ragazzi, alla scoperta del C.A.Gi. di Barletta «Il melograno che abbiamo piantato farà diventare Claudio una presenza costante per i ragazzi, contro ogni oblio»
Bullismo: i ragazzi ne parlano con le istituzioni al Curci Bullismo: i ragazzi ne parlano con le istituzioni al Curci Molti dei presenti hanno ammesso di esserne stati vittima, un incontro che ha permesso il dialogo e il confronto
1 Il murale del maestro Borgiac dedicato alle donne Il murale del maestro Borgiac dedicato alle donne Le farfalle come simbolo di libertà nella Giornata contro la violenza sulle donne
Giornata contro la violenza sulle donne, poco da festeggiare e molto su cui riflettere Giornata contro la violenza sulle donne, poco da festeggiare e molto su cui riflettere Diverse le iniziative in tutte le città della Puglia, ma la situazione non migliora. Necessario agire a livello culturale
Una poesia contro la violenza Una poesia contro la violenza Nella Giornata per l'eliminazione della violenza contro la donne, condividiamo una poesia della barlettana Giovanna Carpagnano
«I negozi di Barletta sono avamposti e sentinelle della città» «I negozi di Barletta sono avamposti e sentinelle della città» Intervista al presidente dell'associazione "Le Strade dello Shopping", Ruggiero Spadaro
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.