Claudio Lasala
Claudio Lasala
Cronaca

Barletta si stringe per la morte di Claudio Lasala, inquirenti sulla pista dell’assassino

Proseguono le indagini delle forze dell’ordine, nel frattempo la comunità cittadina si mobilita sui social

Stava festeggiando con gli amici perché aveva superato la prova di preselezione per Allievi Finanzieri: era stato convocato a Roma giovedì scorso e presto si sarebbe potuto avverare il suo desiderio di entrare nelle Fiamme Gialle. Ma la sua vita è stata stroncata con la più crudele violenza in una notte qualsiasi della movida barlettana.

Claudio Lasala
Barletta si stringe al giovane Claudio Lasala, 24enne, incensurato, un ragazzo pacato: in queste ore è montata la rabbia per la crudeltà di cui la nostra città è stata silente testimone, in tanti infatti hanno esternato pensieri e riflessioni sui social, meditando su una situazione ormai giunta all'esasperazione, tra impulsi di violenza urbana e degrado umano fuori controllo.

Prima il diverbio all'esterno di un locale frequentato dai giovani barlettani a pochi passi dalla Cattedrale, poi l'inseguimento verso il Castello e lì la brutale aggressione: come hanno subito ricostruito le forze dell'ordine, è bastata una singola coltellata all'addome per stroncare Claudio, che dopo essere stato soccorso dagli operatori del 118 ha lottato fino all'alba di ieri mattina sotto i ferri all'ospedale "Dimiccoli".


Proseguono nel frattempo le indagini sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Trani: i Carabinieri hanno ascoltato alcuni testimoni e acquisito le immagini registrate delle telecamere di videosorveglianza della zona. È stata disposta la chiusura temporanea del locale, posto sotto sequestro, all'esterno del quale è partita la lite. Si raccolgono dettagli anche sull'arma del delitto: in base ad alcune indiscrezioni pare infatti che l'assassino non avesse già con sé il coltello usato nell'aggressione, ma che lo abbia recuperato al momento per avventarsi sul giovane dopo il litigio. Ma spetterà alle forze dell'ordine chiarire il dubbio.

«È un episodio gravissimo che ha scosso la comunità barlettana e che richiede una maggiore attenzione ed una maggiore presenza delle Forze dell'Ordine, con una riarticolazione dei servizi per garantire una più incisiva azione di controllo e prevenzione nei cosiddetti luoghi della malamovida» ha dichiarato a poche ore dal fatto il Prefetto di Barletta-Andria-Trani Maurizio Valiante, che ha convocato d'urgenza in Prefettura il Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica. È stato disposto un presidio di polizia fisso nel centro storico e il rafforzamento dei controlli straordinari delle forze dell'ordine.
E proprio dalla Prefettura, simbolo della legalità e della sicurezza sul territorio, partirà una fiaccolata in onore di Claudio. Per questa sera due associazioni di Barletta hanno raccolto l'appello lanciato da numerosi concittadini: sarà un momento di cordoglio e riflessione, di vicinanza ai familiari e soprattutto di presa di coscienza a livello cittadino.
1 fotoLocale sottoposto a sequestro
Locale sottoposto a sequestro
Locale sottoposto a sequestro
  • Delitto
Altri contenuti a tema
Fermato l'autore del delitto in corso Vittorio Emanuele Fermato l'autore del delitto in corso Vittorio Emanuele Aveva con sé maglietta, scarpe e un paio di forbici macchiate di sangue
1 Sangue in corso Vittorio Emanuele, “Quella zona non può essere terra di nessuno” Sangue in corso Vittorio Emanuele, “Quella zona non può essere terra di nessuno” Interviene il sindaco Cosimo Cannito
Doppio accoltellamento in Corso Vittorio Emanuele a Barletta Doppio accoltellamento in Corso Vittorio Emanuele a Barletta Le vittime di tale atto, avvenuto nella notte tra venerdì e sabato, sono due barlettani già noti alle Forze dell'Ordine
Assolti gli imputati del delitto Scopece Assolti gli imputati del delitto Scopece La giovane foggiana fu trovata morta in un tratturo del Santuario di Barletta
«Ti sta bene bastardo, devo finire di ucciderti da un'altra parte» «Ti sta bene bastardo, devo finire di ucciderti da un'altra parte» Delitto sfiorato dopo un efferato pestaggio "passionale"
Delitto Scopece, dopo sette anni non ci sono colpevoli Delitto Scopece, dopo sette anni non ci sono colpevoli Inammissibile il ricorso della Procura Generale sull’assoluzione degli imputati
Nuovi scenari sulla morte di Marisa Scopece Nuovi scenari sulla morte di Marisa Scopece Fu lei stessa a disfarsi dei cellullari?
Delitto Scopece: sentenza ribaltata, non ci sono colpevoli Delitto Scopece: sentenza ribaltata, non ci sono colpevoli Corte d'Assise d'appello capovolge la precedente sentenza
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.