Candele
Candele
Cara Barletta ti scrivo

Lettera aperta dopo la morte di Claudio Lasala, «mi sono rivisto in lui»

Continuano le riflessioni dei cittadini

«La premessa è d'obbligo: io non conoscevo il povero ragazzo barbaramente ucciso. Voglio pensare che di Claudio Lasala, bravo ragazzo, che dalla sua aveva sete di spensieratezza e di voglia di vivere, ce ne siano in maggioranza, in contrapposizione di soggetti che non hanno il senso del dovere e della civiltà.

Non si può morire a soli 24 anni per una vicenda banale, che sa tanto di quel disagio sociale che purtroppo viene evidenziato quando si deve tirare avanti la serata, dove il minimo appiglio è risolutore per far finire tutto in rissa.

Noi figli di Barletta, possiamo essere i tanti Claudio Lasala che interpretano la vita nel giusto verso, rispettandone il vero valore; ma queste notizie sono così ferali che colpiscono nel profondo chi purtroppo non vive il quotidiano nella città natale.

Anche io ipoteticamente potevo essere un Claudio Lasala, se non fosse che all'età di venticinque anni mi sono arruolato nelle forze dell'ordine, piangendo il distacco dalla mia città d'origine.

Mi scuso per il paragone, ma mi sono rivisto in lui, come tanti che come me hanno fatto lo stesso percorso, leggendo quello avrebbe fatto il povero Claudio, era felice dell'imminente arruolamento, cercando con la sua sete di giustizia di contribuire a rafforzare la legalità in ogni sua forma.

Certo il paragone succitato parrebbe improponibile per i tempi che sono totalmente diversi, noi in gioventù (mi riferisco agli anni 80/90) pur non avendo tanti soldi in tasca, si passavano le serate in allegria con poco e senza tanti grilli per la testa. Oggi purtroppo lo status quo è nettamente diverso, si è di sovente contrastati da bulli che si credono onnipotenti, figli di quelle fiction che plasmano i soggetti più fragili e disagiati socialmente. Purtroppo il povero Claudio ha perso la propria vita incontrando sul suo cammino questo tipo di persone.

Mi piange il cuore pensando al dolore immenso dei genitori, che hanno perso un proprio figlio per una banalità che ha scaturito una ferocia assurda: non si può e non si deve morire così. Anche se non li conosco personalmente, partecipo commosso a questa infinita tristezza per una ferita che non si potrà rimarginare!

La cittadinanza in ogni forma istituzionale deve, con forza, impegnarsi nel sovvertire con ogni mezzo, questa annosa problematica rappresentata da persone che vivono al di sopra della legge, con forza bisogna reagire per fare in modo che il sacrificio del povero Claudio non sia stato vano, mi auguro anzi che sia di monito per tutta la gioventù barlettana e non solo, perché a chi ha vent'anni o poco più non deve essere preclusa quella gioia che solo il valore altissimo di vivere la vita nella sua massima esposizione, può dare!

Barletta ha perduto un suo figlio che sicuramente si sarebbe fatto onore nel suo ambito lavorativo, ma tutti i barlettani hanno perso un amico, un fratello a cui rendere quell'onore tributato a chi ci ha lasciato senza colpa!

Ciao Claudio che la terra ti sia lieve».

Antonio Dibenedetto
  • Lettera aperta
Barletta contro la violenza

Barletta contro la violenza

Sensibilizzazione e informazione: i nostri approfondimenti per sostenere la lotta contro ogni forma di violenza

28 contenuti
Altri contenuti a tema
Accoglienza e sostegno ai ragazzi, alla scoperta del C.A.Gi. di Barletta Accoglienza e sostegno ai ragazzi, alla scoperta del C.A.Gi. di Barletta «Il melograno che abbiamo piantato farà diventare Claudio una presenza costante per i ragazzi, contro ogni oblio»
Bullismo: i ragazzi ne parlano con le istituzioni al Curci Bullismo: i ragazzi ne parlano con le istituzioni al Curci Molti dei presenti hanno ammesso di esserne stati vittima, un incontro che ha permesso il dialogo e il confronto
1 Il murale del maestro Borgiac dedicato alle donne Il murale del maestro Borgiac dedicato alle donne Le farfalle come simbolo di libertà nella Giornata contro la violenza sulle donne
Giornata contro la violenza sulle donne, poco da festeggiare e molto su cui riflettere Giornata contro la violenza sulle donne, poco da festeggiare e molto su cui riflettere Diverse le iniziative in tutte le città della Puglia, ma la situazione non migliora. Necessario agire a livello culturale
Una poesia contro la violenza Una poesia contro la violenza Nella Giornata per l'eliminazione della violenza contro la donne, condividiamo una poesia della barlettana Giovanna Carpagnano
«I negozi di Barletta sono avamposti e sentinelle della città» «I negozi di Barletta sono avamposti e sentinelle della città» Intervista al presidente dell'associazione "Le Strade dello Shopping", Ruggiero Spadaro
9 Barletta contro la violenza: le parole di Tina Arbues e la violenza di genere Barletta contro la violenza: le parole di Tina Arbues e la violenza di genere «Il cambiamento più grande sarebbe quello culturale. Lavorare tanto e ripartire da ognuno di noi»
Al via da Barletta la "Corri e cammina contro la violenza sulle donne" Al via da Barletta la "Corri e cammina contro la violenza sulle donne" Organizzata dall'associazione Barletta Sportiva, l'iniziativa sostiene la campagna di BarlettaViva "Barletta contro la violenza"
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.