Germoglio la casa di Sant’Agostino
Germoglio la casa di Sant’Agostino
Cara Barletta ti scrivo

Intensa, vitale, impetuosa: alla scoperta dell'arte di Nunzio Quarto

L'artista legato a Barletta al centro di un'analisi critica di Giuseppe Lagrasta

"Nunzio Quarto, la casa di Sant'Agostino e l'umana avventura" è lo scritto di Giuseppe Lagrasta che di seguito proponiamo per fornire un'analisi dell'opera artistica e uno spunto di riflessione critica sull'arte di Quarto, legato a Barletta attraverso le sue opere.

"Esplorare e interpretare le interrogazioni, le figure, i dilemmi e le congetture che la scultura di Nunzio Quarto, inedita e mai esposta al pubblico, dal titolo: «Germoglio la casa di Sant'Agostino», (Bronzo 2002, h. 1,65x77x75 cm, su base 40x80x80), consente all'osservatore di riconoscere le metafore del risveglio, della speranza, della nascita e della rinascita della vita che chiede luce, respiro vivo e accoglienza.

Con stupore e meraviglia, l'opera di Quarto, annuncia il sontuoso dialogo tra gli eventi umani e una voce divina che attraverso Sant'Agostino, si fa pronuncia vitale, figurazione di volti e braccia tese verso l'alto che donano sangue ai visceri della terra e alle radici dell'umano. Così, dal palpito delle immagini che la scultura di Quarto promana, scaturisce il bisogno di narrare una storia, di documentare la memoria di un artista sempre più impegnato a scavare, a chiedersi, a narrarsi, a interpretare le alte solitudini e i profondi disagi che albergano il cuore e la mente. La scrittura scultorea di Nunzio Quarto è intensa, vitale, impetuosa e combatte il male di vivere che assedia l'umano descrivendolo attraverso molteplici forme e immagini: l'uomo-focus e l'uomo-semplificato, l'uomo-nicchia, l'uomo-comfort zone, l'uomo amplificato, l'uomo incompiuto e con l'intrecciarsi di forme e figure destabilizzanti producono le spire di un serpente (quasi invisibile ma presente nel respiro) che pare sia già quasi padrone di quella materia cosmica, pronto per insediarsi.

La scultura di Quarto emana così, la forza di invisibili virgulti che vogliono germogliare, estendersi verso la vita e combattere per un mondo migliore; ma il trasparire dell'immagine di una fortezza ma anche l'evolversi dell'immagine in una casa comune rendono la casa di Sant'Agostino un luogo simbolo di riflessione, meditazione e preghiera con il continuo richiamo alla città terrena e alla città celeste. E la casa di Sant'Agostino così si trasforma in un luogo dove le azioni realizzate leniscono ferite, dove le parole sacre danno asilo alle anime smarrite, tra lo svolgersi delle vite familiari e il riconoscimento della vita interiore. La casa è il luogo dove si sviluppa la grammatica degli affetti e osservando la scultura di Nunzio Quarto, «Germoglio la casa di Sant'Agostino», assaporiamo il senso intimo che esprime lo svolgersi di una storia, il fluire di un racconto, lo splendere delle immagini mistiche tra temi e motivi che segnano la vitalità, il desiderio di una nuova rinascita e di una nuova comprensione.

E poi, nell'intorno, tra le ombre assistenti, la presenza dell'acqua – madre e il mistero della luce, che avvolgono, che accolgono, e rasserenano; e più in là? Forse il deserto ma anche la memoria del mare, quel mare bambino di Nunzio Quarto che dona ai suoi giovani viaggiatori, i segni della natura viva e nutrendo di coraggio i suoi marinai. Così, tutti, prima o poi, chiederanno, per stanchezza, per solitudine o per nostalgia il luogo su cui approdare, dove riposare le proprie spoglie, i propri desideri e le paure; così leggendo l'opera di Quarto notiamo come essa sprigioni la potenzialità evocativa del germoglio, figura quanto mai sublime e significativa dell'umana avventura; il germoglio che si annida tra humus della terra e luce del sole, tra amore e vita, che appare e dispare con l'essere che nasce, esistente e dolce che sente la carezza lieve per la visione della luce, per la figurazione del nascere.

L'opera di Nunzio Quarto, quindi, narra eventi che l'artista ha già interiorizzato e che rende, con grande abilità creativa, la forza del progetto generativo – trasformativo che l'accompagna. Cosi tra generazione e interiorizzazione la grammatica artistico - ideativa del nostro scultore intercetta molteplici spazi e luoghi del germoglio: attraversa il linguaggio del sacro, evoca la natura del silenzio, indaga l'arcobaleno dell'umano- quotidiano, fatto di poesia e ragione, sorprende le parole e le cose, annuncia significati e metafore che dall'umano si fondono nel sacro e che dal sacro ritornano all'umano.

Ecco le braccia di luce, carne viva dell'essere, mentre si innalzano verso gli orizzonti, verso il cielo, tendono verso il lume dei misteri: quelle braccia intrecciate, che osserviamo tra le penombre della scultura di Nunzio Quarto ci fanno scoprire la città di celeste, aprendo così la porta alle beatitudini.
Ma perché abitare quei luoghi di luce, perché sostare nella luce allontanandosi sempre più dalla zona inanimata e misteriosa del deserto? Ma per ricevere il battesimo dei nostri frammenti – canterebbe poeticamente il grande poeta Mario Luzi -. E così Nunzio Quarto, attraverso la scultura «Germoglio la casa di Sant'Agostino», raccogliendo i frammenti battezzati dell'umana avventura, tra il segno della croce e un'ostia sacra che inneggia alla luce e alla salvazione, ripropone la lotta contro il nulla e il vuoto, contro la desertificazione della grammatica dell'umanità. E pone al centro della riflessione, tra pensiero umano e sacralità della vita, il desiderio di andare verso la divina leggerezza, verso lo scandaglio dell'umano, tra molteplicità, visibilità e coerenza. Ma saprà mai l'osservatore o l'abitatore, dopo aver ritrovato il lume che quella è la dimora di Sant'Agostino?

Lo scoprirà svegliandosi nella luce, affondando lo sguardo verso uno spazio di nuova energia, sia nel rispetto della vita altrui sia nel rispetto del mondo e della natura circostante. La dimensione mistica della scultura di Quarto, in questo deserto storico, apre nuovi orizzonti di senso e di significato, ricompone i frammenti di un'avventura umana dissacrata e avvilita dal vuoto.

Lo spazio che abita la scultura di Nunzio Quarto è spazio visibile e invisibile, scritto e non scritto, pensato e immaginato, voluto e dedicato, esplorato e indagato, spazio congetturale, spazio che abita la materia invisibile e frastornata dalla ricerca di un'esistenza difficile, per ritrovarsi poi, all'interno di linee metaforiche che consentono di scrivere, disegnare e riesplorare i luoghi e i non-luoghi dell'appartenenza e della dis-appartenenza. Così osserviamo due braccia rivolte al cielo che, con mani strette, pregano e nella preghiera attraversano gli atti, le parole e le cose, i sentimenti e le emozioni che umanizzano la vita dell'uomo con i riti di passaggio che la supportano. Ritroviamo così l'esperienza di vite, di esistenze che si incrociano, intrecciano pensieri, non hanno più timore e tremore nell'affrontare la vita – per dirla con S. Kierkegaard - e insieme, soffrono e combattono l'angoscia, la violenza e gli assassinii per futili motivi, nell'indifferenza dell'umano gelo umano. Nel ritrovare il luogo per dare battesimo ai frammenti umani, Nunzio Quarto, con la sua opera, accende una luce, propaga plasticità e dinamica votiva alla vita bronzea e offre paternità a chi ha smarrito la voglia di vivere restituendo valore alla vita umana che, all'improvviso, ha perduto il suo valore".
  • Arte
Altri contenuti a tema
La Gioconda nata dai rifiuti, l'idea artistica made in Barletta La Gioconda nata dai rifiuti, l'idea artistica made in Barletta L'opera del maestro barlettano Borgiac sarà esposta per la mostra voluta dall'ambientalista Antonio Binetti
Nuovi incontri artistici con la pittrice barlettana Maria Picardi Coliac Nuovi incontri artistici con la pittrice barlettana Maria Picardi Coliac Sarà possibile intrattenersi nell'atelier dell'artista e ammirare la sua vasta produzione
14 Il prestito dei De Nittis a Washington: «Un’occasione mancata» Il prestito dei De Nittis a Washington: «Un’occasione mancata» Italia Nostra: «Un prestito così ampio e consistente è eccessivo e controproducente»
L'artista barlettana Maria Picardi Coliac apre il suo salotto L'artista barlettana Maria Picardi Coliac apre il suo salotto Due conversazioni sul tema "Paesaggi di Puglia" e "Tenerezza di maternità"
Maria Picardi Coliac, l'artista barlettana racconta il suo amore infinito per l'arte Maria Picardi Coliac, l'artista barlettana racconta il suo amore infinito per l'arte Ha raggiunto l'età di 96 anni e racconta con tenerezza tutto il suo percorso artistico
DNA Wall, a Barletta una nuova opera in onore della comunità LGBT DNA Wall, a Barletta una nuova opera in onore della comunità LGBT Il gruppo artistico barlettano ha realizzato una nuova poster art in occasione della presentazione del libro “La Bambina Invisibile”
Pittura e devozione, il ricordo del pittore Biagio Vinella Pittura e devozione, il ricordo del pittore Biagio Vinella Dipinse una copia del quadro della Madonna dello Sterpeto
"È tempo di cambiare" l'opera di Gennaro Corcella a Barletta "È tempo di cambiare" l'opera di Gennaro Corcella a Barletta L'istallazione era presente oggi sul sagrato della chiesa di San Gaetano in Piazza Plebiscito
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.