Storia a lieto fine per Mina, pastore tedesco rapito a Barletta
Storia a lieto fine per Mina, pastore tedesco rapito a Barletta
Cronaca

Storia a lieto fine per Mina, pastore tedesco rapito a Barletta

Arrestato per estorsione un uomo di 64 anni, che aveva preteso 200 euro dalla padrona del cane per la restituzione

Si chiama "Mina", è uno splendido esemplare di pastore tedesco e finalmente è tornata a casa dalla sua padroncina, grazie all'aiuto della Polizia di Stato di Barletta. Questa storia a lieto fine ha inizio quando Sabrina si rende conto che la recinzione all'interno della quale è custodita Mina è aperta e del suo cane non c'è traccia. Attraverso un accorato appello sui "social" riesce con non poca fatica ad individuare la zona dove è stata avvistata la sua fedele compagna. Decide, quindi, di mettersi personalmente alla ricerca del proprio cane quando, improvvisamente, viene avvicinata da un uomo che sostiene di conoscere le persone (a suo dire pregiudicate e pericolose) che hanno sottratto il cane per la cui restituzione pretendono la somma di 200 euro.

Impaurita, la ragazza si presenta al Commissariato di Barletta e denuncia l'accaduto, mettendo così in condizioni i Poliziotti di concordare le modalità di consegna del denaro. Dopo aver stabilito con l'estortore un appuntamento, Sabrina chiede all'uomo di poter vedere prima il cane che, sulla base delle indicazioni ricevute, viene poco dopo individuato (dal proprio ragazzo, assieme a un poliziotto) ad alcune centinaia di metri, legato con un fil di ferro ad un albero di ulivo.

A quel punto (dopo esser verificato, tramite una foto ricevuta su Whatsapp che il cane sia proprio Mina) Sabina paga il "riscatto" all'uomo che, impossessatosi del denaro si dà alla fuga che si conclude di lì a poco. Viene, infatti, fermato ed accompagnato presso gli uffici del Commissariato di Barletta, dagli agenti in appostamento e dopo le formalità di rito, viene arrestato per estorsione e ricettazione ed accompagnato presso la casa circondariale di Trani a disposizione della Procura della Repubblica di Trani.

Grande è stata la felicità di Sabrina che ha voluto esprimere la propria gioia e la propria gratitudine ringraziando i poliziotti anche pubblicamente, attraverso Facebook invitando la gente a denunciare sempre.
  • Polizia di Stato
  • Animali
Altri contenuti a tema
Si innervosisce alla vista della Polizia, sanzionato un giovane barlettano Si innervosisce alla vista della Polizia, sanzionato un giovane barlettano Nel giubbino del 24enne è stata trovata marijuana
Ricerche in corso per Michele, scomparso da Barletta Ricerche in corso per Michele, scomparso da Barletta Chiunque abbia informazioni può contattare la Polizia di Stato
Il sindacato della Polizia chiede più personale per la Bat Il sindacato della Polizia chiede più personale per la Bat «La coperta non solo è corta ma ha anche dei buchi da rattoppare»
I controlli straordinari della Polizia a Barletta da inizio anno I controlli straordinari della Polizia a Barletta da inizio anno Ci sono state 17 sanzioni per violazione del codice della strada e anche un arresto per estorsione
Arrestato 35enne di Barletta, si era reso irreperibile dopo un ordine di carcerazione Arrestato 35enne di Barletta, si era reso irreperibile dopo un ordine di carcerazione La Polizia di Stato lo ha rintracciato mentre girava per le vie del centro
Un Capodanno di controlli nelle città della Bat Un Capodanno di controlli nelle città della Bat L'attività degli agenti di Polizia è stata intensificata nei giorni di festa
School Party nelle discoteche della provincia: interviene la Polizia di Stato School Party nelle discoteche della provincia: interviene la Polizia di Stato I gestori delle discoteche hanno collaborato con gli agenti per impedire i contagi
Muore per un malore alla guida sulla SS16bis a Barletta Muore per un malore alla guida sulla SS16bis a Barletta Sull'avvenimento sono in corso le indagini della Polizia
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.