olive UltimaTv
olive UltimaTv
Territorio

Puglia: la sua vocazione agricola minacciata dalla criminalità

Interviene Coldiretti Puglia sulla questione e ascolta l'allarme degli agricoltori

Nella provincia più olivetata d'Europa c'è una grande attesa durante questo periodo per l'avvio della stagione. Nella Bat e a Barletta viene avviata la campagna olivicola, consapevoli che il raccolta sarà sicuramente inferiore rispetto alle aspettative, a causa della prolungata siccità che ha colpito l'Italia e in particolare la nostra regione, arrivando a toccare temperature da record. Contemporaneamente gli agricoltori registrano una forte preoccupazione per i furti di olive in campagna. Difatti, hanno deciso di presidiare il raccolto non soltanto in presenza, ma anche attraverso la tecnologia. Come? Gli agricoltori segnalano «visite sospette» attraverso i gruppi Whatsapp di cui fanno parte. Allarme lanciato anche da Coldiretti Puglia, segnalando le condizioni di lavoro e di vita nelle aree rurali pugliesi, dove gli agricoltori vivono loro malgrado una quotidianità preoccupante.

«Le aziende agricole hanno bisogno di sicurezza, perché la criminalità le costringe a vivere quotidianamente attanagliate in un clima di incertezza e paura. È necessaria – ribadisce Coldiretti Puglia - l'attivazione di una cabina di regia tra il Ministero delle Politiche Agricole e il Ministero dell'Interno che coordini le attività delle forze dell'ordine, che va sostenuto con l'intervento dell'Esercito in alcune aree a forte rischio, come le province di Bari con zone più a rischio e la Barletta Andria Trani. Nel periodo della raccolta i furti di olive diventano praticamente quotidiani con i danneggiamenti degli alberi tanto da aver spinto alcuni agricoltori ad organizzarsi con ronde notturne e diurne per presidiare le campagne».

«Nei furti i ladri di olive – aggiunge Coldiretti Puglia – riescono in pochi minuti a portare via oltre 30 kg di olive ad albero, battendo gli ulivi con mazze di ferro o alluminio, per far cadere il maggior quantitativo di prodotto, ma danneggiando al contempo gravemente le piante».

«Capitolo a parte merita – insiste Colomba Mongiello dell'Osservatorio sulla criminalità in agricoltura e agroalimentare della Coldiretti - il mercato parallelo di prodotti agricoli provenienti da migliaia di chilometri di distanza, a partire dall'olio, spesso sofisticati, spacciati per prodotti di qualità, quando di qualità non sono, per cui viene illegalmente utilizzato il marchio 'made in Puglia', a danno dell'imprenditoria agricola pugliese e dei consumatori. Non solo si appropriano di vasti comparti dell'agroalimentare e dei guadagni che ne derivano, distruggendo la concorrenza e il libero mercato legale e soffocando l'imprenditoria onesta, ma compromettono in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei prodotti, con l'effetto indiretto di minare profondamente l'immagine dei prodotti italiani ed il valore del marchio Made in Italy».

«I poteri criminali si "annidano" nel percorso che uva da vino, olio, frutta e verdura, carne e pesce, devono compiere – insiste Coldiretti Puglia - per raggiungere le tavole degli italiani passando per alcuni grandi mercati di scambio fino alla grande distribuzione. Con i classici strumenti dell'estorsione e dell'intimidazione le agromafie impongono i prezzi dei prodotti agricoli e la vendita di determinate produzioni agli esercizi commerciali che a volte, approfittando della crisi economica, arrivano a rilevare direttamente grazie alle disponibilità di capitali ottenuti da altre attività criminose. Non solo si appropriano di vasti comparti dell'agroalimentare e dei guadagni che ne derivano, distruggendo la concorrenza e il libero mercato legale e soffocando l'imprenditoria onesta, ma – continua la Coldiretti Puglia – compromettono in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei prodotti, con l'effetto indiretto di minare profondamente l'immagine dei prodotti italiani ed il valore del marchio Made in Italy.
La Puglia è una regione a forte vocazione agricola ed è per questo – conclude Coldiretti Puglia - che il business delle agromafie è divenuto particolarmente appetibile».
  • Coldiretti
Altri contenuti a tema
Verde pubblico, Barletta ultima in Puglia Verde pubblico, Barletta ultima in Puglia È l'allarme lanciato da Coldiretti: scarsa la dotazione di verde pro capite nella nostra regione
Tornano i matrimoni, in Puglia salvi 100mila posti di lavoro Tornano i matrimoni, in Puglia salvi 100mila posti di lavoro Nel 2020 è stato registrato un crack di 50 milioni di euro per l'agriwedding
Puglia, ripartenza economica grazie ai vaccini, fiducia di 9 su 10 attività Puglia, ripartenza economica grazie ai vaccini, fiducia di 9 su 10 attività Aumenta la fiducia delle imprese
Covid, 1 cittadino su 3 desidera la riapertura dei ristoranti in Puglia Covid, 1 cittadino su 3 desidera la riapertura dei ristoranti in Puglia L'indagine di Coldiretti Puglia
Zona rossa non stop in Puglia, «rafforzare le misure di sostegno» Zona rossa non stop in Puglia, «rafforzare le misure di sostegno» Appello di Coldiretti Puglia: «Servono interventi per l’intera filiera per salvare il sistema agroalimentare»
Turismo, Coldiretti Puglia: «A Pasqua azzerati viaggi e gite fuori porta» Turismo, Coldiretti Puglia: «A Pasqua azzerati viaggi e gite fuori porta» L'arrivo per l'estate del passaporto vaccinale potrà salvare il turismo straniero
Maltempo, campagne della BAT a rischio gelate Maltempo, campagne della BAT a rischio gelate Danni inevitabili sulle colture primaverili
Chiusure per zona rossa, in Puglia perdita di oltre 300 milioni di euro Chiusure per zona rossa, in Puglia perdita di oltre 300 milioni di euro Ultimo weekend al tavolo per i 22mila locali ancora aperti in Puglia e per i 900 agriturismi
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.