La città

Policentrismo? No! Andricentrismo

Riceviamo e pubblichiamo una nota del cittadino Damato Donato. Avanti con il teorema della politca nostrana

«E' proprio così, alla fine i nostri politici, da molti bistrattati, accusati "incolpevolmente" di malefatte politiche, di poca etica morale e di fare i propri interessi a sfavore delle popolazioni che rappresentano, riuscirono con immensa soddisfazione nella impresa epica di sintetizzare il loro modus operandi IN UN TEOREMA!! Quale??? Il teorema della politica nostrana…. Secondo un'antica definizione scolastica, la politica è "l'Arte di governare le società", ma siamo sicuri che nella nostra comunità vi siano questi artisti capaci di governare??? Più che politici, credo le nostre aule amministrative siano invase da un manipolo di "trasformisti- artisti"».

«Trasformisti perché in barba alla legge istitutiva la n.148 del 2004 che ha sancito la nascita del nuovo ente provinciale, i nostri valorosi condottieri al servizio del popolo, gli artisti del governo, sono riusciti per incanto a trasformare la parola "vocazione" indicata quale unico metodo per l'individuazione degli uffici provinciali nelle città capoluogo in "policentrismo"».

«Policentrismo, una parola mai declamata dalla legge che ha istituito la nuova provincia, ma che oggi autorevoli esponenti politici di entrambi gli schieramenti hanno prepotentemente e a tutti i costi preteso sacrificando di fatto la città della Disfida!! Ma il policentrismo non troverebbe effettiva concretizzazione per l'appunto in una divisione in "poli" dei centri di potere? O per assurdo si vuole far capire che la Questura non rientra nel tanto declamato "polo della sicurezza" da accorpare alla Prefettura? E' evidente che il TEOREMA abbia due variabile, ovvero la prima pro Andria, la seconda anche!»

«Infatti se in prima battuta i politici e rappresentati pro Andria propendono sulla necessità di far rinunciare alla città della disfida alla sede legale in nome del POLICENTRISMO in quanto la stessa è già sede della Prefettura, in secondo luogo "dimenticano" che questo non conta per il binomio Prefettura-Questura , dando origine all'equazione figlia dell'ANDRIOCENTRISMO che si sintetizza in: Sede legale e Polo Amministrativo= Questura (polo delle sicurezza)= Andria. Quindi Questura+Prefettura= non attuazione del POLICENTRISMO ovvero istituzione del Polo della sicurezza nella città di Barletta. In entrambe le equazioni il risultato è unico ed inequivocabile! Sono certo di parlare di "circostanze avverse" che oggi più di ieri vedono sul set, quegli attori non protagonisti che animati dal TEOREMA DELLA POLITICA NOSTRANA, vogliono a tutti i costi AFFOSSARE la città di Barletta!! Tutti contro tutti?? Ma ché!! Tutti contro Barletta. Ebbene sì, il giorno 21 Maggio se la sede legale come sembra dovesse essere riconosciuta alla Città di Andria che nel corso della storia ha sempre osteggiato la nascita del nuovo ente, dando vita nella sua comunità a comitati CONTRO la 6° provincia, credo che ad essere mortificati non saranno solo gli abitanti della Città della Disfida, ma tutti gli abitanti della nuova circoscrizione provinciale di oggi, di ieri e di domani».
  • Provincia Barletta-Andria-Trani
  • Sede legale provincia
Altri contenuti a tema
Le consigliere di parità della provincia Bat: «Solidarietà a Raffaella Piccolo» Le consigliere di parità della provincia Bat: «Solidarietà a Raffaella Piccolo» La nota di Rosa D'Alterio e Maddalena Petronelli
Consiglio provinciale, assegnate le deleghe di supporto a Lodispoto Consiglio provinciale, assegnate le deleghe di supporto a Lodispoto L'andriese Lorenzo Marchio Rossi e lo spinazzolese Di Noia i vice-presidenti
Calabrese e Tupputi eletti al consiglio provinciale, gli auguri di Cannito Calabrese e Tupputi eletti al consiglio provinciale, gli auguri di Cannito «Saranno loro a rappresentare Barletta tra i banchi della nostra Provincia»
Eletto il nuovo consiglio provinciale della Bat Eletto il nuovo consiglio provinciale della Bat Ci sono anche i barlettani Rosa Tupputi e Gennaro Calabrese
Elezioni provinciali Bat, consegnate le liste: si rinnova il consiglio Elezioni provinciali Bat, consegnate le liste: si rinnova il consiglio Tra i candidati alla carica di consigliere provinciale i barlettani Gennaro Calabrese e Rosa Tupputi
15 Barletta capoluogo unico di provincia, «Noi non ci ritiriamo» Barletta capoluogo unico di provincia, «Noi non ci ritiriamo» Il Consiglio di Stato ha rigettato il ricorso per la "Provincia di Barletta". Interviene la Base del Comitato di Lotta Barletta Provincia
Il presidente della Bat Bernardo Lodispoto saluta il questore uscente Roberto Pellicone Il presidente della Bat Bernardo Lodispoto saluta il questore uscente Roberto Pellicone «Lascia un segno tangibile nella nostra comunità»
Cozzoli: «Ringrazio Lodispoto ma rinuncio per rispetto dei consiglieri» Cozzoli: «Ringrazio Lodispoto ma rinuncio per rispetto dei consiglieri» Rimessa la delega a Patrimonio e Bilancio
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.