Carcere Trani
Carcere Trani
Cronaca

Omicidio Lasala, il gip: «Una scusa per dare sfogo all'impulso criminale»

Convalidato il fermo: i due ragazzi restano in carcere

Il giudice per le indagini preliminari Domenico Zeno ha convalidato il fermo nei confronti di Ilyas Abid e Michele Dibenedetto ritenuti i responsabili dell'omicidio di Claudio Lasala, il 24 enne ucciso tra il 29 e il 30 ottobre nella movida di Barletta. Contestualmente è stata anche firmata l'ordinanza di custodia cautelare in carcere per i due.

Nel provvedimento firmato dal gip si fa particolare riferimento alla condotta di Dibenedetto identificato come colui che ha spinto ad eseguire l'accoltellamento, materialmente messo in atto da Abid «come egli stesso ha ammesso e come risulta dalle immagini in atti».

Dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza, infatti, «si evince come Dibenedetto avesse invitato Abid a seguirlo fuori, avendo notato che egli era armato».

Dalla ricostruzione è emerso che il 18enne aveva preso un coltello dal bancone del bar mentre il suo amico e la vittima stavano litigando. Una volta all'esterno del locale, «dapprima Dibenedetto colpiva Lasala con un pugno e qualche secondo dopo lo colpiva Abid con il coltello».

«Ci troviamo di fronte ad un omicidio commesso a causa di uno stimolo esterno così lieve, banale e sproporzionato, rispetto alla gravità del reato, da apparire un pretesto o una scusa» per «dare sfogo al proprio impulso criminale o alla propria malvagità» scrive il gip motivando la sussistenza dell'aggravante per futili motivi, ossia il cocktail negato.

Il giudice evidenzia, in conclusione, che la «gravità dell'episodio, le modalità di esecuzione dello stesso e la facilità con la quale è stato commesso il reato, inducono a ritenere che misura idonea e proporzionata sia solo quella della custodia in carcere».
  • Omicidio
Altri contenuti a tema
Ucciso nel suo bar, un mese dalla morte di Giuseppe Tupputi Ucciso nel suo bar, un mese dalla morte di Giuseppe Tupputi Prosegue la raccolta fondi a favore della famiglia dell'uomo: l'agguato avvenne lo scorso 11 aprile in via Rionero
Caso Tupputi: Piccinni e tutto lo staff ringraziano la comunità Caso Tupputi: Piccinni e tutto lo staff ringraziano la comunità Un ringraziamento particolare alle istituzioni per aver reso possibile il lavoro
Il messaggio alla famiglia di Giuseppe Tupputi: «Chiediamo a Dio la grazia della speranza» Il messaggio alla famiglia di Giuseppe Tupputi: «Chiediamo a Dio la grazia della speranza» «Ora è il momento di stringerci, l’intera città, attorno alla famiglia di Giuseppe»
I funerali di Giuseppe Tupputi, Barletta saluta il 43enne ucciso nel suo bar I funerali di Giuseppe Tupputi, Barletta saluta il 43enne ucciso nel suo bar Le esequie sono celebrate dall'Arcivescovo Mons. Leonardo D'Ascenzo
Giuseppe Tupputi: i funerali martedì e il messaggio dell’Arcivescovo Giuseppe Tupputi: i funerali martedì e il messaggio dell’Arcivescovo Si terranno presso parrocchia Cuore Immacolato di Maria
Omicidio Tupputi, tre colpi di pistola fatali per il 43enne barlettano Omicidio Tupputi, tre colpi di pistola fatali per il 43enne barlettano I risultati dell'autopsia condotta oggi
1 Omicidio Barletta, «Lamorgese intervenga o si rischiano altri delitti» Omicidio Barletta, «Lamorgese intervenga o si rischiano altri delitti» La nota di Marti e Bellomo della Lega
Omicidio Tupputi, il presunto assassino non risponde al Gip Omicidio Tupputi, il presunto assassino non risponde al Gip Si è avvalso della facoltà di non rispondere
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.