Ospedale Dimiccoli
Ospedale Dimiccoli
Cronaca

Lasciato fuori dall’ospedale di Barletta, il 52enne è stato investito

Resi noti gli esiti dell’autopsia effettuata sulla vittima

Lesioni compatibili con un investimento. Lo confermerebbe l'esito dell'autopsia disposta sul corpo di Cosimo Damiano Lamacchia, il 52enne morto nel pomeriggio del 30 aprile dopo essere stato investito e lasciato fuori dal pronto soccorso di Barletta.

A comunicarlo è lo studio legale della famiglia dell'uomo, marito e padre di due figli. "Punto fermo dell'inchiesta – scrive l'avvocato – è che Cosimo Damiano Lamacchia è stato investito: prima è stato attinto sulla gamba sinistra, come confermano i traumi riscontrati durante l'esame, quindi è stato caricato sul cofano e infine sbalzato sull'asfalto".
Cosimo Damiano Lamacchia
Erano le 13:30 del 30 aprile quando tra via Monsignor Dimiccoli e via Galileo Galilei si consuma l'incidente. La vittima attraversava la strada prima di essere investita. Alla guida dell'auto un trentenne barlettano. La ricostruzione dei fatti, riportata anche dallo studio legale della famiglia Lamacchia, consentirebbe di dedurre che il conducente avrebbe chiesto aiuto a due conoscenti (due barlettani di 34 e 44 anni), che si trovavano nei pressi del luogo dell'incidente, per trasportare l'uomo in ospedale.

Ciò che accade dopo non è che il triste epilogo della vicenda. Il 52 viene lasciato fuori dal pronto soccorso di Barletta. I sanitari lo trasporteranno in rianimazione, ma le sue condizioni non consentono di salvarsi.
Cosa abbia spinto ad abbandonare l'uomo all'esterno dell'ospedale non è ancora chiaro. Forse la confusione dettata dal timore di ripercussioni. Saranno le indagini, coordinate dal Pubblico Ministero Giovanni Lucio Vaira, a far luce sugli eventi e ad accertare eventuali responsabilità.

Adesso, il trentenne è indagato per omicidio stradale "a cui potrebbero aggiungersi – scrive lo studio legale dei Lamacchia – altre aggravanti quali il reato di fuga". I due conoscenti che lo hanno seguito fino in ospedale, invece, risultano indagati per favoreggiamento.
  • Incidente stradale
Altri contenuti a tema
Moto contro monopattino, incidente in Piazza Aldo Moro Moto contro monopattino, incidente in Piazza Aldo Moro Un ragazzo sarebbe rimasto ferito in modo non grave
3 Incidente stradale sulla litoranea di Levante: impatto tra moto e automobile Incidente stradale sulla litoranea di Levante: impatto tra moto e automobile Giunte sul posto ben quattro ambulanze per i soccorsi, ma fortunatamente non ci sono feriti
Incidente in via Galilei a Barletta, interviene la Polizia di Stato Incidente in via Galilei a Barletta, interviene la Polizia di Stato Ha perso la vita un uomo di 53 anni
3 “L’augurio speciale” di mamma Lucia al neodiciottenne Pasquale Simone “L’augurio speciale” di mamma Lucia al neodiciottenne Pasquale Simone Oggi avrebbe compiuto 18 anni una delle tre vittime del tragico incidente stradale sulla Andria-Barletta
Comitato Canne della Battaglia: «Strada Salinelle, pericolo di morte sempre in agguato» Comitato Canne della Battaglia: «Strada Salinelle, pericolo di morte sempre in agguato» L'intervento del giornalista Nino Vinella dopo il tragico incidente di questa mattina
Terribile incidente stradale tra Barletta e Canne della Battaglia, morto un uomo Terribile incidente stradale tra Barletta e Canne della Battaglia, morto un uomo Si tratta di un 73enne barlettano: sul posto Carabinieri e Polizia Locale
Incidente sulla Andria-Barletta, ferite due persone Incidente sulla Andria-Barletta, ferite due persone È avvenuto alle 17.30: carambola di autovetture e traffico rallentato
7 Incidente Andria-Barletta, una lettera dei detenuti di Trani Incidente Andria-Barletta, una lettera dei detenuti di Trani «Esprimiamo il nostro sentimento di vicinanza alle famiglie di Pasquale, di Gianni e di Michele»
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.