Ex stazione della teleferica, le immagini del rifugio
Ex stazione della teleferica, le immagini del rifugio
Associazioni

«L'inferno di Barletta, le istituzioni devono intervenire»

Associazioni e volontari presenti ieri per un evento di protesta all'ex stazione della teleferica

«E' un inferno, è un inferno quello in cui vivono i migranti nella ex stazione della teleferica, e come questo ci sono altri posti dimenticati dallo Stato, come la ex anagrafe di Via Cialdini, lo scalo merci della stazione ferroviaria, la ex distilleria e tanti altri disseminati tra pinete, campagne, spiagge ed edifici pubblici abbandonati».

Queste sono le foto scattate durante l'evento di sensibilizzazione e protesta organizzato nella giornata di ieri dalla Rete delle Associazioni di Barletta.
12 fotoEx stazione della teleferica, le immagini del rifugio
Ex stazione della teleferica, le immagini del rifugioEx stazione della teleferica, le immagini del rifugioEx stazione della teleferica, le immagini del rifugioEx stazione della teleferica, le immagini del rifugioEx stazione della teleferica, le immagini del rifugioEx stazione della teleferica, le immagini del rifugioEx stazione della teleferica, le immagini del rifugioEx stazione della teleferica, le immagini del rifugioEx stazione della teleferica, le immagini del rifugioEx stazione della teleferica, le immagini del rifugioEx stazione della teleferica, le immagini del rifugioEx stazione della teleferica, le immagini del rifugio
«Persone, non solo migranti, vi vivono, in condizioni tali da far rabbrividire e vergognare qualsiasi comunità che voglia definirsi civile ed evoluta, e Barletta deve vergognarsi assai. Persone che in gran parte, per pochi euro e al nero, lavorano nelle campagne degli italiani in condizioni di gravissimo sfruttamento da parte dei proprietari dei terreni e dei caporali. Raccolta dell'uva, degli ortaggi e delle olive, ciclicamente, nella assenza di qualsiasi tutela, nella assenza dello Stato, della Regione, del Comune, delle Istituzioni.

La notte, per queste persone, si passa all'addiaccio, sotto qualche coperta o rifugiati in tenda, quando va bene. Le tende sono stracci o teloni di plastica tesi su aste in ferro o pali in legno: condizioni igieniche e sanitarie drammaticamente inesistenti, protezione dal freddo prossima allo zero. Stazione. Moriva così, di freddo, a Barletta, Ahmed Saki, dopo che la pioggia incessante dei giorni precedenti aveva allagato il fabbricato, rendendo persino impossibile l'accensione di un focolare, l'unica fonte di riscaldamento per lui e tutti gli altri invisibili. Era il 15/02/2021.

Barletta non può più continuare a fingere che queste persone non esistano, che questo ed altri posti, in cui trovano rifugio, non esistano. Non possiamo più tollerare che delle persone siano costrette a vivere in queste condizioni di massima povertà, emarginazione e degrado, condizioni che sono la vergogna di tutti gli esseri umani e in particolare della nostra comunità.

Abbiamo immobili pubblici abbandonati e immobili confiscati alla mafia: alcuni di questi devono - non possono, devono - essere destinati quanto prima a dormitorio pubblico per le persone senza dimora. Nell'immediatezza la ex Stazione della teleferica come tutti i luoghi di rifugio devono essere almeno ripuliti, bonificati, dotati di moduli abitativi, cassonetti per la raccolta della spazzatura, gabinetti chimici, di una fornitura idrica e di tutta quello che può garantire a queste persone una vita dignitosa.

Per questi motivi la Rete delle Associazioni di Barletta chiede un immediato intervento delle Istituzioni tutte: Prefettura, Comune e Regione a cui verrà presto richiesto un incontro. Per Ahmed, per tutte le persone sfruttate ed emarginate, per noi».
  • Degrado
Altri contenuti a tema
1 Via Patricolo finalmente appare pulita, ne dà la notizia il Consigliere Doronzo Via Patricolo finalmente appare pulita, ne dà la notizia il Consigliere Doronzo La questione era stata sollevata in Consiglio Comunale da Doronzo e Diviccaro
1 Ex stazione della teleferica, rifugio di invisibile disperazione Ex stazione della teleferica, rifugio di invisibile disperazione «Non possiamo più tollerare che delle persone siano costrette a vivere in queste condizioni»
1 Casa canonica o discarica? Ancora degrado e inciviltà in via Vitrani Casa canonica o discarica? Ancora degrado e inciviltà in via Vitrani Quartiere nel mirino di giovani vandali senza freni
Degrado in viale Reichlin Degrado in viale Reichlin Bottiglie di birra abbandonate alla fermata degli autobus
1 Un accampamento nascosto tra erba e rifiuti in Largo 2 Giugno Un accampamento nascosto tra erba e rifiuti in Largo 2 Giugno Situazione esasperante per i residenti: «Siamo stanchi di denunciare»
8 Notte di San Lorenzo a Barletta: ritorno all’inciviltà Notte di San Lorenzo a Barletta: ritorno all’inciviltà Dal successo del Jova Beach al solito scempio dei carrelli della spesa rubati e delle pedane di legno abbandonate
Piazzole di sosta degradate,  insorge il Sindacato Autonomo di Polizia Piazzole di sosta degradate, insorge il Sindacato Autonomo di Polizia La situazione di incuria e di pericolo per l'igiene e la salubrità mettono a repentaglio la salute dei poliziotti
Degrado in via San Sebastiano: «Topi e guano in questa terra dimenticata» Degrado in via San Sebastiano: «Topi e guano in questa terra dimenticata» La segnalazione di un lettore
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.