B D E CB B D FA EED DE
B D E CB B D FA EED DE
Attualità

Il barlettano Nicola Di Fidio candidato al premio “Primo Levi 2021”

Fulcro della sua ricerca il processo a basso impatto ambientale per la produzione di un biocarburante di nuova generazione

Dopo il successo ottenuto lo scorso anno con il conseguimento del "Premio nazionale Adolfo Parmaliana", il Dott. Nicola Di Fidio, ricercatore junior barlettano presso il Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale dell'Università di Pisa e docente universitario di Biotecnologie industriali torna a stupirci e a gareggiare, insieme ad altri nove finalisti, per il premio nazionale "Primo Levi 2021" indetto dalla Società chimica italiana (SCI).

L'importante riconoscimento nazionale viene conferito nell'ambito delle scienze chimiche ad uno fra i giovani ricercatori partecipanti, fra i quali non poteva mancare il Dott. Di Fidio che abbiamo deciso di incontrare ed intervistare.

Come si chiama e com'è strutturato il tuo lavoro di ricerca?
«Il mio lavoro di ricerca s'intitola "Integrated cascade biorefinery processes for the production of single cell oil by Lipomyces starkeyi from Arundo donax L. hydrolysates" ed è stato selezionato dal Consiglio Direttivo del Gruppo Giovani della SCI per poter concorrere alla vittoria del prestigioso premio "Primo Levi 2021". Pubblicata per intero sulla prestigiosa rivista internazionale "Bioresource Tecnology", la ricerca descrive la creazione e l'ottimizzazione di un innovativo processo a basso impatto ambientale per la produzione di un biocarburante di nuova generazione, il biodiesel, a partire da una risorsa rinnovabile cioè la canna comune, una pianta infestante non appartenente alla filiera agro-alimentare che è in grado di crescere anche su terreni marginali, inquinati e poco coltivati».

Sei molto giovane, ma con perseveranza e talento hai già raggiunto molti traguardi. Cosa consiglieresti ai giovani che si sentono spesso poco motivati nel raggiungere i propri obiettivi?
«Ho lasciato, seppur con molto rammarico, la mia cara Barletta nel 2017 mosso dalla voglia di trasformare il mio sogno in una solida realtà. Volevo essere un ricercatore nel campo della chimica industriale e delle biotecnologie industriali e ambientali per provare, nel mio piccolo, a contribuire alla transizione ecologica, culturale, economica e sociale di cui abbiamo tanto bisogno e di cui avranno estrema necessità le generazioni future.

Per inseguire il mio sogno ho viaggiato tanto tra la Puglia, la Basilicata, la Toscana e l'Olanda ed ho imparato tanti e nuovi approcci allo studio e al lavoro. Ci sono alcuni valori in cui credo fortemente e che mi hanno da sempre accompagnato sin da quando ero studente universitario: adesso vorrei condividerli con le nuove generazioni che vorrebbero intraprendere o hanno già intrapreso un percorso di studi o professionale. Il primo fra tutti è la passione mixata con una buona dose di l'entusiasmo infatti è fondamentale seguire sempre le proprie inclinazioni senza farsi influenzare dal pensiero altrui. A questo connubio si accompagna la voglia di lavorare in squadra per raggiungere i proprio obiettivi in quanto sono fermamente convinto che nessuno di noi possa andare molto lontano da solo».

«Infine - aggiunge il Dott. Di Fidio - è essenziale dare il giusto valore e il giusto riconoscimento allo studio, alla cultura, al saper fare, dire ed essere».
  • Barlettani nel mondo
Altri contenuti a tema
1 La missione in Congo della barlettana Alessandra Giudiceandrea: «È un onore far parte di Medici Senza Frontiere» La missione in Congo della barlettana Alessandra Giudiceandrea: «È un onore far parte di Medici Senza Frontiere» Da Barletta, ha sempre desiderato viaggiare. Oggi lo fa come capomissione
Ricercatore barlettano sviluppa un’innovativa tecnica per la valutazione dello stato di salute dei coralli Ricercatore barlettano sviluppa un’innovativa tecnica per la valutazione dello stato di salute dei coralli Lo studio ha riguardato l'ambiente coralligeno di Hong Kong
"Pugliesi nel Mondo" 2018, tra i premiati il generale Carbone di Barletta "Pugliesi nel Mondo" 2018, tra i premiati il generale Carbone di Barletta La manifestazione si svolgerà l'1 dicembre ad Alberobello
«Food is life», il talento made in Barletta di Francesco Dibenedetto «Food is life», il talento made in Barletta di Francesco Dibenedetto 15 anni a Londra, due stelle Michelin e ai giovani consiglia: «Amate ciò che fate»
3 «Dietro ogni pizza che vince c’è una storia», premiato Giovanni Cristallo di Barletta «Dietro ogni pizza che vince c’è una storia», premiato Giovanni Cristallo di Barletta Si riconferma sul podio il pizzaiolo barlettano: «La mia "Sasà" nasce dalla sinergia padre-figlio»
10 Francesco Santalucia, un pianista di Barletta a New York Francesco Santalucia, un pianista di Barletta a New York Presentato l'album "Memoria" al Palazzo di Vetro dell'ONU
12 «Essere il primo ingegnere bionico comporta una grande responsabilità» «Essere il primo ingegnere bionico comporta una grande responsabilità» Intervista a Francesco Lanotte, orgoglio barlettano
14 Ricerca sul tumore alla prostata, premiata la barlettana Vincenza Conteduca Ricerca sul tumore alla prostata, premiata la barlettana Vincenza Conteduca Intervista alla promettente ricercatrice dopo il riconoscimento della European Society for Medical Oncology
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.