Bimbo straniero
Bimbo straniero
Religioni

Giornata mondiale delle migrazioni, il messaggio dell'arcivescovo Pichierri

«Nei confronti degli stranieri fondamentali ascolto, accoglienza, ospitalità». Esortazione alle parrocchie per attivarsi nell'aiuto dei migranti del territorio

Oggi la Chiesa celebra la 'Giornata Mondiale delle Migrazioni', nella sua 98^ edizione. E' una giornata di sensibilizzazione, preghiera e raccolta di offerte sulla condizione dei migranti nel proprio contesto territoriale. Per l'occasione S.E. Mons. Giovan Battista Pichierri ha inviato alla Comunità diocesana un messaggio, di cui si propone il testo integrale: "Migrazioni e nuova evangelizzazione"

Messaggio per la Giornata Mondiale delle Migrazioni (15 gennaio 2012)

Carissimi ministri ordinati, religiosi/e, fedeli laici,
i migranti sono una realtà anche sul nostro territorio diocesano. Vi do un dato concreto: i migranti catecumeni nell'ultimo quinquennio (2007/2012) che sono stati iniziati alla vita cristiana sono 28.

Il Santo Padre Benedetto XVI nel suo messaggio ci invita a considerare il tema "Migrazioni e nuova evangelizzazione" e ci esorta a tener presente "la situazione di numerosi studenti internazionali che affrontano i problemi d'inserimento, difficoltà burocratiche, disagi nella ricerca di alloggio e di strutture di accoglienza". Il messaggio è di ampio respiro culturale e religioso, stimola alla formazione di cristiani aperti all'accoglienza verso i migranti. La complessità del fenomeno migratorio con i suoi risvolti umani, sociali e religiosi dobbiamo saperla affrontare con speranza motivata dalla Parola di Gesù: "Ero straniero e mi avete accolto" (Mt 25,35).

Nel migrante e nel rifugiato c'è Gesù. Ora se Gesù è in noi ed è nello straniero, accoglierlo o non accoglierlo non è la stessa cosa. Se lo accogliamo, troviamo in Gesù la fraternità, la giustizia, la pace; se non lo accogliamo, siamo al di fuori di Gesù, cioè nell'indifferenza, inimicizia, rifiuto. Per scongiurare ogni situazione umana negativa di chiusura nei confronti dello straniero sono fondamentali gli atteggiamenti ispirati all'ascolto, all'accoglienza, alla ospitalità. Detti atteggiamenti vengono coltivati nella nostra realtà ecclesiale dalla Caritas diocesana e delle Caritas parrocchiali, dai centri di accoglienza come la casa in Barletta e in Trani.

Per promuovere una forma d'integrazione che si sforzi di trasformare la multiculturalità e la multireligiosità in interculturalità e interreligiosità, esorto la Commissione Diocesana Migrantes a perseverare nel creare, insieme con le altre commissioni diocesane della Caritas e dell'Ecumenismo e dialogo, una rete di relazioni personali e sociali con questi obbiettivi:
  • conoscenza della realtà migratoria sul nostro territorio;
  • segnalazione di servizi di accoglienza diretti ai migranti;
  • tentativi d'incontro culturale con i migranti.

Esorto altresì il Servizio diocesano per il catecumenato a prendersi cura, insieme con le parrocchie, dei migranti che si accostano alle relazioni ecclesiali col desiderio di essere iniziati alla vita cristiana. Quest'anno abbiamo sette catecumeni. Incoraggio tutti gli operatori pastorali, parroci e comunità parrocchiali, referenti parrocchiali delle commissioni pastorali Migrantes-Caritas-Ecumenismo e dialogo, i catechisti e gli accompagnatori del catecumenato dei migranti, a conoscere il messaggio del Papa e a rendersi attenti e operosi alle iniziative che vengono segnalate a vantaggio dei migranti da parte della commissione omonima. Invoco su tutti e suoi migranti e rifugiati del nostro territorio la benedizione di Dio tramite l'intercessione della Santa Famiglia di Gesù, Giuseppe, Maria.
  • Arcivescovo Giambattista Pichierri
  • Immigrazione
Altri contenuti a tema
37 Progetto "S.PR.INT": potenziare il sistema di governance dell'immigrazione sul territorio Progetto "S.PR.INT": potenziare il sistema di governance dell'immigrazione sul territorio Verrà attivato un Polo Sociale per l'inclusione
Equofront, il comune di Barletta lancia il servizio civile universale Equofront, il comune di Barletta lancia il servizio civile universale Quattro volontari selezionati forniranno supporto e risposte agli immigrati
"Romanzo Caporale", Gagliani racconta a Barletta le catene del migrante "Romanzo Caporale", Gagliani racconta a Barletta le catene del migrante La morte dei dodici braccianti e migranti, avvenuta nelle campagne del foggiano, ha ispirato il libro sul caporalato pugliese
Giornata Mondiale del Rifugiato, film e dibattito a Barletta con Oasi2 Giornata Mondiale del Rifugiato, film e dibattito a Barletta con Oasi2 Appuntamento giovedì prossimo nell'antiteatro dei Giardini del Castello
Contro il decreto sicurezza la posizione di gruppi e associazioni di Barletta Contro il decreto sicurezza la posizione di gruppi e associazioni di Barletta Si allarga l’adesione al coordinamento per i diritti umani
4 No al decreto sicurezza di Matteo Salvini nella Bat No al decreto sicurezza di Matteo Salvini nella Bat Dalla sede della Cgil Bat l'appello ai sindaci: «Rispettate la Costituzione»
5 Decreto sicurezza: l'appello della Comunità Oasi2, gestore SPRAR di Barletta Decreto sicurezza: l'appello della Comunità Oasi2, gestore SPRAR di Barletta «L’applicazione pedissequa del decreto rischia di danneggiare decine e decine di persone»
No al “Decreto sicurezza”, nella Bat nasce un coordinamento per i diritti umani No al “Decreto sicurezza”, nella Bat nasce un coordinamento per i diritti umani Oggi ad Andria la presentazione del documento-appello
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.