Mario Draghi
Mario Draghi
Attualità

Draghi annuncia le dimissioni, arriva la crisi di governo

L'intenzione è stata anticipata nel corso del consiglio dei ministri. Ora toccherà al presidente Mattarella decidere se sciogliere le Camere

La crisi di Governo sembra essere alla svolta decisiva. Il premier Mario Draghi ha preannunciato l'intenzione di dimettersi dall'incarico: giovedì 14 luglio, nel corso del consiglio dei ministri, l'economista ha rivelato la decisione assunta, che con ogni probabilità concretizzerà in serata. «La maggioranza di unità nazionale che ha sostenuto questo governo dalla sua creazione non c'è più» ha sottolineato il primo ministro dimissionario.

Draghi era già salito al Quirinale per un incontro, durato quasi un'ora, con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella a margine del voto di fiducia in Senato sul Decreto legge "Aiuti", al quale il gruppo del Movimento 5 Stelle, su indicazione del capo politico Giuseppe Conte, non ha partecipato compatto rimarcando le divergenze programmatiche con l'esecutivo. La prospettiva di elezioni anticipate è piuttosto concreta: toccherà a Mattarella, una volta ricevute le dimissioni di Draghi, valutare se tentare di affidare un incarico esplorativo per la formazione di un altro Governo o sciogliere le camere, con la conseguente decadenza, fra gli altri, di tutti i parlamentari pugliesi.

LE PAROLE DI MARIO DRAGHI IN CONSIGLIO DEI MINISTRI

Buonasera a tutti,
Voglio annunciarvi che questa sera rassegnerò le mie dimissioni nelle mani del Presidente della Repubblica.
Le votazioni di oggi in Parlamento sono un fatto molto significativo dal punto di vista politico.
La maggioranza di unità nazionale che ha sostenuto questo governo dalla sua creazione non c'è più.
È venuto meno il patto di fiducia alla base dell'azione di governo.
In questi giorni da parte mia c'è stato il massimo impegno per proseguire nel cammino comune, anche cercando di venire incontro alle esigenze che mi sono state avanzate dalle forze politiche.
Come è evidente dal dibattito e dal voto di oggi in Parlamento questo sforzo non è stato sufficiente.
Dal mio discorso di insediamento in Parlamento ho sempre detto che questo esecutivo sarebbe andato avanti soltanto se ci fosse stata la chiara prospettiva di poter realizzare il programma di governo su cui le forze politiche avevano votato la fiducia.
Questa compattezza è stata fondamentale per affrontare le sfide di questi mesi.
Queste condizioni oggi non ci sono più.
Vi ringrazio per il vostro lavoro, i tanti risultati conseguiti.
Dobbiamo essere orgogliosi di quello che abbiamo raggiunto, in un momento molto difficile, nell'interesse di tutti gli Italiani.
Grazie.
  • Governo
Altri contenuti a tema
Giorgia Meloni è premier, ecco il nuovo Governo Giorgia Meloni è premier, ecco il nuovo Governo Presentata la lista dei ministri: il giuramento avverrà domani alle 10
Ignazio La Russa nuovo presidente del Senato della Repubblica Ignazio La Russa nuovo presidente del Senato della Repubblica Rose per Liliana Segre e poi il ricordo di Pinuccio Tatarella
Anche da Barletta e dalla Bat l'appello a Mario Draghi per restare al governo Anche da Barletta e dalla Bat l'appello a Mario Draghi per restare al governo La sezione provinciale di Italia Viva dà appuntamento a questo pomeriggio per sottoscrivere una petizione
Psicologi di Puglia: «Soddisfatti per i voucher del Governo» Psicologi di Puglia: «Soddisfatti per i voucher del Governo» Il presidente Vincenzo Gesualdo ha commentato l'impegno del Governo nell'investire in voucher psicologici.
Ecco il governo Draghi, Mara Carfagna ministra per il Sud Ecco il governo Draghi, Mara Carfagna ministra per il Sud Il presidente del Consiglio incaricato presenta la lista dei nuovi ministri
2 La promessa di Luigi Di Maio a Barletta: «Taglio ai vitalizi» La promessa di Luigi Di Maio a Barletta: «Taglio ai vitalizi» «Come primo atto di governo, una delibera storica è pronta per fermare i privilegi»
Altro che Buona Scuola, il 7 ottobre la protesta degli studenti Altro che Buona Scuola, il 7 ottobre la protesta degli studenti «Inaccettabili negazioni del diritto alla studio»
Renzi e la sua "scorrettezza inaudita", anche a Barletta il fronte del "No" Renzi e la sua "scorrettezza inaudita", anche a Barletta il fronte del "No" Dal centrodestra: «Referendum per una riforma capestro e illiberale»
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.