Centrale Biomasse
Centrale Biomasse
Istituzionale

Centrale a biomasse: comune sospende iter procedurale

nel pomeriggio una conferenza stampa

L'amministrazione comunale di Barletta ha sospeso l'iter procedurale per la realizzazione in città di una centrale a biomasse di cui si sarebbe dovuta occupare la ditta Tre Tozzi Renewable Energy spa. Lo ha deliberato, all'unanimità, la giunta Maffei a mezzogiorno.
"Malgrado il provvedimento risulti coerente con l'assetto normativo e regolamentare di settore - si legge nella delibera di giunta - … non sembra offrire sufficienti garanzie a coloro che si sono espressi sull'argomento".

"Si ritiene – continua - opportuno favorire e acquisire ogni forma di espressione democratica, promuovendo momenti di incontro partecipati, anche con il coinvolgimento di esperti, al fine di approfondire tutti aspetti connessi agli eventuali impatti supportati da elementi concreti, ricerche o studi in materia".

Alle 18 si terrà una conferenza stampa in comune.

Centrale a biomasse: il comune sospende l'iter, la protesta non si ferma.

La sospensione della delibera sulla costruzione di una centrale a biomasse a Barletta rappresenta una prima e parziale vittoria del coordinamento no biomasse.
Nella delibera di giunta approvata poche ore fa dall'amministrazione Maffei si parla di sospensione della delibera approvata lo scorso 11 Dicembre per cercare un maggiore coinvolgimento delle realtà sociali presenti sul territorio.
Di fatto non c'è la revoca della delibera come richiesto da settimane da parte del coordinamento,infatti con questo atto si lascia il progetto di centrale a biomasse come un fantasma che aleggia sulle nostre teste e che potrebbe essere ripresentato nelle prossime settimane magari a campagna elettorale terminata.
Come coordinamento crediamo sia importante continuare attraverso un processo di partecipazione popolare per arrivare ad una definitiva revoca del provvedimento, non solo nella città di Barletta, ma su tutto il nostro territorio dove si prevede di costruire non solo centrali a biomasse ma anche inceneritori.
Per queste ragioni come coordinamento confermiamo la manifestazione indetta per sabato 13 marzo convinti che solo attraverso il conflitto sociale e l'autorganizzazione si possa sconfiggere un modello di sviluppo industriale pericoloso per il territorio e per la salute dei cittadini.
La manifestazione di sabato rappresenta un primo tassello per costruire una società libera da interessi affaristici e capace di rispondere ai veri bisogni della gente.
Alessandro Zagaria - "Coordinamento no Biomasse"
  • Centrale a biomasse
Altri contenuti a tema
Centrale a biomasse: la storia infinita Centrale a biomasse: la storia infinita Presentato un nuovo progetto dalla società Tre s.p.a
NO alla Buzzi Unicem da politici e ambientalisti NO alla Buzzi Unicem da politici e ambientalisti L’azienda cementiera di Barletta chiede di potenziare la co-combustione per rifiuti speciali
La Chiesa apre le porte agli ambientalisti in lotta contro inceneritori, cementerie e impianti a biomasse La Chiesa apre le porte agli ambientalisti in lotta contro inceneritori, cementerie e impianti a biomasse A favore della strategia "rifiuti zero"
La telenovela delle centrali a biomasse continua La telenovela delle centrali a biomasse continua L'intervento del prof. Ruggiero Quarto
Panorama barlettano nell'autunno 2010, centrali a biomasse Panorama barlettano nell'autunno 2010, centrali a biomasse Primo intervento dell'ing. Ettore Bergamaschi del Mida
Impianto di produzione energia rinnovabile da biomasse Impianto di produzione energia rinnovabile da biomasse La giunta revoca la delibera di indirizzo del dicembre 2009
Centrali a biomasse, l'informazione vincente Centrali a biomasse, l'informazione vincente Annullato, a seguito del presidio, il procedimento per la costruzione della centrale a biomasse che sarebbe sorta in via Andria
No alla centrale a biomasse e Barletta risponde No alla centrale a biomasse e Barletta risponde Tematiche importanti per la popolazione
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.