Barletta, andrà tutto bene
Barletta, andrà tutto bene
La città

Barletta, andrà tutto bene: storie e coraggio che ci uniscono

Messaggi di positività e colori per sostenere la quarantena dei più piccoli

#Andràtuttobene è il messaggio divenuto virale in tutt'Italia. Un piccolo e semplice gesto, come il disegno di un bambino, un arcobaleno che colora la cupezza di questa quarantena forzata per gli italiana, tanto coraggio virtuale: sono gli ingredienti per un ottimismo collettivo che sta contagiando anche Barletta.

Anche noi vogliamo dare spazio a questi messaggi di positività, dando una mano a condividere i colori e l'amore soprattutto per aiutare i più piccoli a fronteggiare questa situazione decisamente anomala.

In questi giorni stanno giungendo in redazione tanti messaggi, sia tramite email, sia attraverso Facebook: cercheremo di dare spazio a tutti, voi continuate a contattarci e a infonderci la vostra positività per lanciare insieme questa promessa alla nostra Barletta: andrà tutto bene!
Per contattare la redazione di BarlettaViva
- email a info@barlettaviva.it
- messaggio su Facebook cliccando qui

«Se ti ami, resta a casa»

I piccoli fratelli Francesca Iodice (classe 1B) e Gaetano Iodice (classe 5D) dell'Istituto comprensivo Pietro Mennea ci inviano questo loro disegno.

«La speranza non può fermarsi»

Pubblichiamo la lettera che ci ha inviato Chiara, barlettana che al momento vive per lavoro a Milano.

«Scrivo da Milano, vivo qui per lavoro ma sono barlettana dentro e fuori, anche nell'accento. Mi porto la Puglia ogni giorno nel cuore.
Dalla pericolosissima Milano considerata fino a due giorni fa "zona rossa", sono fuggiti tutti. Sono tornati tutti giù per "salvarsi".....(?).
Non vi nascondo che avrei fatto lo stesso e che quando l'ho saputo li ho invidiati davvero tanto. Ma io ho deciso di non farlo. E sapete perché? Perché non sono egoista. Perché adoro la mia amata Barletta, e con lei tutto ciò che la caratterizza. Sto benissimo e sono sana, ma, cosciente del rischio che percorrevamo qui a Milano, avrei potuto mettere nei guai qualcuno più fragile di me che ho 23 anni, e non me lo sarei mai perdonato.
Poi la notizia: contagi e persone infette anche giù (ovviamente persone geniali provenienti dalle zone rosse che hanno ben pensato di rifugiarsi andando ad infettare gli altri), fino ad arrivare alla notizia: l'Italia è considerata tutta zona rossa.
Così , il mio cuore piange ogni giorno da quando ci è stato vietato di muoverci da dovunque e verso ovunque, perché mi manca la mia famiglia, la spensieratezza e la leggerezza che contraddistingue la Puglia, mi manca tornare a casa anche solo per due giorni scarsi per ricaricarmi del nostro singolare calore.
Si è fermato tutto. Ma la speranza no, quella non può fermarsi. Noi ce la faremo, insieme, uniti come non mai. Sappiate che io sono a Milano, ma il mio cuore è a casa, a Barletta, con voi. Riguardatevi, cercate di uscire solo se per necessità, forza, coraggio e pazienza perché ne usciremo e torneremo alla nostra normalità .
Un abbraccio alla mia amata Barletta, ti porto con me ovunque. A presto!»

In gravidanza, l'appello: «State a casa!»

Una bellissima lettera ci arriva da Lucia, che sta affrontando in questo periodo la sua gravidanza: attraverso le nostre pagine vuole lanciare un appello ai suoi concittadini.

«Sono Lucia, una giovane ragazza di Barletta in attesa al 6 mese della mia prima bambina che partorirò a giugno.
Non ho i social e ho pensato che scrivere a Voi sia l'unico modo possibile per fare un appello a tutti i miei concittadini!
Vivere una gravidanza già non è semplice ma in questa situazione è ancora più difficile, non nascondo la mia paura! Noi donne in attesa abbiamo l'obbligo di proteggere noi stesse e i bambini che abbiamo in grembo e saremo costrette ad andare negli ospedali che dovranno essere in grado di accoglierci per dare alla luce i nostri piccoli. Quindi fate in modo di non uscire affinché si possa sconfiggere questo virus, affinché possiamo viverci la nostra attesa in maniera serena. Pensate come se questi bambini fossero i vostri figli o i vostri nipoti! Proteggeteli...State a casa!».



  • Barlettanità
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

2106 contenuti
Altri contenuti a tema
Vaccini anti Covid: il 65% della popolazione Bat ha ricevuto la terza dose Vaccini anti Covid: il 65% della popolazione Bat ha ricevuto la terza dose La percentuale equivale a 239.054 cittadini
Asl Bt: ha ricevuto la terza dose il 65% della popolazione Asl Bt: ha ricevuto la terza dose il 65% della popolazione La percentuale equivale a 238.568 cittadini
Covid, dati stabili in Puglia nelle ultime ore Covid, dati stabili in Puglia nelle ultime ore 351 i nuovi casi positivi registrati
Oltre 1200 casi Covid in Puglia registrati nelle ultime ore Oltre 1200 casi Covid in Puglia registrati nelle ultime ore Cresce il numero dei positivi ricoverati
1 Covid in Puglia: 14.235 attualmente positivi, 169 ricoverati Covid in Puglia: 14.235 attualmente positivi, 169 ricoverati Si riduce il numero dei posti letto occupati in terapia intensiva
Covid in Puglia, registrati oltre 1300 casi nelle ultime ore Covid in Puglia, registrati oltre 1300 casi nelle ultime ore Tasso di positività ai test intorno al 13%
Covid, ricoveri in aumento Covid, ricoveri in aumento 10 i pazienti positivi nelle terapie intensive degli ospedali pugliesi
Covid in Puglia, meno di 500 casi nelle ultime ore Covid in Puglia, meno di 500 casi nelle ultime ore Il numero degli attualmente positivi resta intorno ai 15 mila
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.