Asl BT
Asl BT
Servizi sociali

Asl Bt, interviene Spinazzola: «Un risultato che ha ben poco di trionfale»

Il coordinatore dell'area dirigenza Ssn della Fp Cgil Bat commenta il documento

"La ASL BT 2018-2021 Evoluzione e visione", intervento coordinatore area dirigenza del Ssn della Fp Cgil Bat
Domenico Spinazzola: "Ricordiamo che da luglio scorso è in corso uno stato di agitazione dei dipendenti del comparto e della dirigenza"

«Abbiamo appreso dagli organi di stampa della pubblicazione da parte del Commissario Straordinario della Asl Bt del documento "La ASL BT 2018-2021 Evoluzione e visione", in cui è riassunto tutto quello che è stato realizzato negli ultimi 3 anni nella Azienda sanitaria locale della provincia di Barletta-Andria-Trani. Vorremmo sottolineare che, invece di condividere, riflessioni e strategie con le organizzazioni sindacali, si mostri un risultato che a nostro avviso ha ben poco di trionfale». Così Domenico Spinazzola, coordinatore della dirigenza medica, sanitaria e PTA della Fp Cgil Bat commenta il documento pubblicato dalla Asl.

«Nel piano si parla di svariati milioni di euro finanziati dai FESR (fondi europei per lo sviluppo regionale) e dai fondi previsti dall'art. 20 della Legge 67/1988. I nostri dubbi a questo punto sorgono laddove si spendono tanti soldi per smantellare e ricostruire reparti di un ospedale che dovrà essere dismesso per costruirne uno nuovo e laddove si acquista un robot per circa 12 milioni con dubbi se sia stata eseguita correttamente o meno la HTA (Health Technology Assessment), atteso che su quest'ultima tecnologia gravano due allerte della Food Drug Administration Usa e non v'è nessuna evidenza di superiorità ed efficacia clinica rispetto ad altre tipologie di chirurgia mini invasiva, anzi vi è qualche evidenza di minore sopravvivenza per interventi oncologici sulla pelvi femminile, senza considerare il sottoutilizzo delle sale operatorie per gli alti tempi d'intervento ed i costi per la manutenzione ordinaria.

Non solo, la gestione di tutte queste risorse e di tali tecnologie risulta vana se svincolata dalla qualità del lavoro delle risorse umane e da nuovi modelli organizzativi finalizzati a migliorare l'assistenza sanitaria per i cittadini; ciò andava fatto semplicemente rispettando le buone prassi delle relazioni sindacali, che non sono un orpello o una perdita di tempo ma servono a migliorare la qualità del lavoro e dei servizi sulla scorta delle indicazioni che vengono da chi materialmente opera sul campo. Si sottolinea che nel periodo di gestione di questa direzione sono aumentati notevolmente i procedimenti disciplinari per i lavoratori, nonostante il periodo d'emergenza sanitaria con elevato rischio biologico, alti carichi di lavoro e forte rischio stress lavoro correlato«, osserva Spinazzola.

«E proprio nel periodo emergenziale invece di intensificare il dialogo nell'interesse del servizio offerto sono mancati i riscontri su tutte le segnalazioni fatte, per esempio non è mai stato noto il modello organizzativo seguito per la composizione dell'unità di crisi che ha gestito e continua a gestire l'emergenza, la mancanza di alcune procedure per la salute e sicurezza del lavoro, in particolare nella gestione dei rischi da agenti biologici e da stress lavoro-correlato, la previsione di un'organizzazione con percorsi misti Covid e no Covid nei presidi ospedalieri di Andria e Barletta, l'aver previsto la chiusura delle attività nei Distretti socio sanitari sul territorio per le visite specialistiche ambulatoriali e delle attività di riabilitazione neurologica del Dipartimento sovradistrettuale, che potevano essere idoneo filtro per gli accessi in ospedale e di fondamentale importanza per i cittadini con problemi di salute importanti, non afferenti l'infezione virale. Inoltre, siamo ancora in attesa di comprendere quando i lavoratori di questa Asl dovranno essere sottoposti ai tamponi di controllo, nonostante una nota ne annunciasse da tempo l'esecuzione e la periodicità. Da luglio scorso è, infatti, lo ricordiamo in corso uno stato di agitazione dei dipendenti del comparto e della dirigenza. Queste sono solo alcune delle questioni che abbiamo già avuto modo di sollevare e sulle quali non abbiamo ancora avuto riscontro», conclude Domenico Spinazzola.
  • Asl Bt
Altri contenuti a tema
Delle Donne: «Abbiamo chiesto al Comune nuovi spazi in via Zanardelli» Delle Donne: «Abbiamo chiesto al Comune nuovi spazi in via Zanardelli» L'idea è quella di spostare la postazione 118 presso l'ex tribunale
Un punto nascita riservato alle pazienti positive al Covid nella Bat Un punto nascita riservato alle pazienti positive al Covid nella Bat È stato attivato all'ospedale di Bisceglie
Come gestire una crisi epilettica a scuola? L'incontro al "Garrone" di Barletta Come gestire una crisi epilettica a scuola? L'incontro al "Garrone" di Barletta Uno scambio formativo tra esperti e docenti per gestire al meglio la situazione
Oltre 5mila bambini tra i 5 e gli 11 anni vaccinati nella Bat Oltre 5mila bambini tra i 5 e gli 11 anni vaccinati nella Bat L'aggiornamento sull'andamento della campagna vaccinale per i più piccoli
I sindacati contestano la struttura dipartimentale decisa dall'Asl Bt I sindacati contestano la struttura dipartimentale decisa dall'Asl Bt Il provvedimento emesso il 31 dicembre dal Commissario Delle Donne
11 Stato di agitazione: la risposta del Commissario dell'Asl Bt Stato di agitazione: la risposta del Commissario dell'Asl Bt Delle Donne convoca le organizzazioni sindacali
Asl Bt: CGIL, CISL e UIL dichiarano lo stato di agitazione Asl Bt: CGIL, CISL e UIL dichiarano lo stato di agitazione Le dichiarazioni dei sindacati
Bando unico regionale: 160 posti per collaboratore amministrativo professionale Bando unico regionale: 160 posti per collaboratore amministrativo professionale Tutte le indicazione fornite dall'Asl Bt
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.