Polizia e Carabinieri
Polizia e Carabinieri
Cronaca

Arrestato pluripregiudicato per rapina in farmacia a Barletta

Operazione congiunta di Polizia di Stato e Carabinieri

Alle prime luci dell'alba della mattina di martedì si è svolta un'operazione congiunta Polizia di Stato - Arma dei Carabinieri, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Trani, che ha permesso l'arresto di un 43enne pluripregiudicato per rapina aggravata ai danni di una farmacia di Barletta e per aver tentato di speronare un'auto della Polizia che s'era messa sulle sue tracce.

Il fatto risale a fine settembre: un uomo, travisato con passamontagna ed armato di taglierino, irrompeva all'interno di una farmacia a Barletta, impossessandosi del denaro contenuto all'interno delle casse automatiche; ne scaturiva una colluttazione coi titolari, nell'ambito della quale il rapinatore riusciva a divincolarsi estraendo e caricando un'arma da sparo e minacciando di ucciderli, per poi darsi a precipitosa fuga.
Le fasi della rapina venivano seguite a distanza da un appartenente alla Guardia di Finanza fuori servizio, il quale vedeva il fuggitivo montare a bordo di un autoveicolo, di cui forniva - su linea d'emergenza "112" - modello e targa parziale, per poi sfrecciare in direzione Andria.
Il tempestivo raccordo tra Sale Operative CC e PS ha permesso un'immediata diffusione della descrizione del veicolo tra le pattuglie presenti sul territorio dell'intera provincia; tra queste, una appartenente al Reparto Prevenzione Crimine "Puglia Centrale" di Bari si posizionava all'ingresso di Andria al fine d'intercettare il veicolo ricercato. Dopo pochi minuti, l'equipaggio scorgeva un'automobile compatibile, che però, alla vista dei colori della Polizia, anziché fermarsi proseguiva la fuga, per poi eseguire una repentina inversione di marcia, scagliandosi a tutta velocità contro l'autovettura di servizio. Per evitare il peggio, gli operatori si vedevano costretti a spostarsi, permettendo all'indagato di dileguarsi nelle campagne circostanti.
Personale dell'Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico – Sezione "Volanti" della Questura di Andria provvedeva all'estrapolazione delle registrazioni di un impianto di videosorveglianza presente nel tratto di strada dov'era avvenuto l'inseguimento; la visione delle stesse portava all'individuazione della targa del veicolo in fuga. Dai successivi accertamenti documentali sulla targa balzava all'occhio degli investigatori che l'autovettura si trovava verosimilmente nella disponibilità di un individuo (già noto in quanto gravato da precedenti per rapina, furto aggravato ed estorsione) che qualche anno fa aveva rapinato la stessa farmacia con modalità simili.
A corroborare questa tesi investigativa concorrevano i militari della Compagnia Carabinieri di Barletta - Nucleo Operativo e Radiomobile -, i quali, dopo essere intervenuti sullo scenario della rapina ed aver eseguito tutti i rilievi e gli accertamenti del caso (prelievo d'impronte, ascolto dei testimoni oculari della rapina ecc.), acquisivano e studiavano il tracciato del GPS installato, per finalità assicurative, sul veicolo: lo stesso confermava tutte le "tappe" della condotta delittuosa del sospettato, a partire dalla rapina, avvenuta a Barletta, sino alla fuga, all'inseguimento ed al tentativo di speronamento avvenuti ad Andria.
Dopodichè le due Forze di Polizia, operando in stretta sinergia operativa e sotto il costante ed attento coordinamento della Procura di Trani, eseguivano una serie di ulteriori attività d'indagine (tra cui perquisizioni svolte presso tutti i luoghi nella reale o eventuale disponibilità dell'indagato) che culminavano nell'esecuzione dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere, richiesta dalla Procura ed emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari di Trani, nei confronti del 43enne, poi associato presso la Casa Circondariale di Trani.
L'importante risultato operativo, frutto di un sapiente, costante e tempestivo dialogo tra la Procura di Trani e tutte le Forze di Polizia coinvolte a vario titolo (Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza) rappresenta un serio argine al deprecabile e grave fenomeno, che negli ultimi mesi ha toccato in particolare il Comune di Barletta, delle rapine in farmacia.
  • Polizia di Stato
  • Carabinieri
Altri contenuti a tema
Controlli nei cantieri edili, attività dei Carabinieri anche a Barletta Controlli nei cantieri edili, attività dei Carabinieri anche a Barletta Effettuate verifiche di sicurezza anche a Margherita di Savoia, San Ferdinando di Puglia e Trinitapoli
«Devo legarlo alla sedia, urlasse quanto vuole»: il piano dei sequestratori «Devo legarlo alla sedia, urlasse quanto vuole»: il piano dei sequestratori Nel mirino un imprenditore barlettano. Tra i sette arrestati, anche due barlettani
Pianificarono il sequestro di un facoltoso imprenditore di Barletta, colpo sventato Pianificarono il sequestro di un facoltoso imprenditore di Barletta, colpo sventato All'alba il blitz della Polizia tra Bari e Bat: sette arresti in totale
La Polizia di Stato sventa un sequestro di persona nel Nord-Barese La Polizia di Stato sventa un sequestro di persona nel Nord-Barese Ordinanze nei confronti di sette persone
Le volanti della Questura di Andria dotate di defibrillatore automatico Le volanti della Questura di Andria dotate di defibrillatore automatico Tre defibrillatori sono stati assegnati dalla Direzione Centrale di Sanità della Polizia di Stato ai propri Uffici Sanitari
I Carabinieri di Barletta in campo per prevenire gli incidenti stradali I Carabinieri di Barletta in campo per prevenire gli incidenti stradali Identificate 70 persone, effettuati accertamenti su 40 veicoli
1 Bande giovanili, i carabinieri rafforzano i controlli in centro e nella zona 167 Bande giovanili, i carabinieri rafforzano i controlli in centro e nella zona 167 Intervento condotto dalla compagnia di Barletta
Polizia di Stato sui disordini di Manfredonia-Barletta: individuati 9 ultras Polizia di Stato sui disordini di Manfredonia-Barletta: individuati 9 ultras I soggetti tentando il contatto con la contrapposta fazione ultras, avrebbero usato violenza e minaccia nei confronti dei pubblici ufficiali
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.