Amianto spezzato e abbandonato in un sacchetto dei rifiuti
Amianto spezzato e abbandonato in un sacchetto dei rifiuti
Cronaca

Amianto spezzato e abbandonato in un sacchetto dei rifiuti

Il ritrovamento nei pressi della chiesa del Crocifisso

L'amianto e il suo abbandono in maniera irresponsabile, un problema storico nella città di Barletta. Si è registrato un nuovo, spiacevole episodio di abbandono di pezzi di amianto nella giornata di oggi, precisamente in via Don Luigi Filannino, a poca distanza dalla chiesa del Crocifisso. In un semplice sacchetto bianco dei rifiuti, l'amianto è stato lasciato ai piedi di una campana del vetro, alla mercé di animali randagi e in piena vista per quanti si recano lì per lo smaltimento del vetro.

La segnalazione arriva da Antonio Binetti, ambientalista e sub barlettano, che ha provveduto ad avvertire gli enti preposti per effettuare la rimozione dei rifiuti pericolosi: «Purtroppo questo materiale così versatile si è rivelato molto pericoloso: le fibre di amianto possono infatti causare tumori del polmone e mesoteliomi. Quando vengono inalate, le fibre entrano in profondità nei polmoni ed essendo resistenti alla degradazione non vengono eliminate. La presenza delle fibre crea uno stato di infiammazione persistente in cui vengono prodotte molecole che danneggiano il DNA delle cellule, favorendo la trasformazione tumorale. Se vengono danneggiate le cellule del polmone, si sviluppa un tumore del polmone; se vengono danneggiate le cellule della pleura (la membrana che avvolge il polmone) si sviluppa un mesotelioma pleurico. Il processo di sviluppo della malattia è estremamente lungo: passano in genere oltre 25, e spesso 40-50, anni dall'inizio dell'esposizione all'amianto prima che compaia il cancro, in particolare il mesotelioma».
Amianto spezzato e abbandonato in un sacchetto dei rifiutiAmianto spezzato e abbandonato in un sacchetto dei rifiutiAmianto spezzato e abbandonato in un sacchetto dei rifiuti
  • Amianto
  • Rifiuti illeciti o pericolosi
  • Situazione di pericolo
Altri contenuti a tema
1 «Non potrò cancellare il terrore che ho provato», la lettera dopo il ferimento dell’operatrice Bar.S.A. «Non potrò cancellare il terrore che ho provato», la lettera dopo il ferimento dell’operatrice Bar.S.A. Nella busta c'erano garze usate e più di 30 siringhe senza cappuccio di protezione
7 Siringhe sporche di sangue tra i rifiuti, ferita operatrice Bar.S.A. Siringhe sporche di sangue tra i rifiuti, ferita operatrice Bar.S.A. Visibilmente scossa, la dipendente è sotto osservazione in ospedale: attivati protocolli sanitari di profilassi
Tragedia evitata nel mare di Barletta, salvato 65enne in difficoltà Tragedia evitata nel mare di Barletta, salvato 65enne in difficoltà È accaduto questa mattina, nelle acque antistanti il lido "ANMI"
Castelli di sabbia e amianto, giochi pericolosi sulla spiaggia di Barletta Castelli di sabbia e amianto, giochi pericolosi sulla spiaggia di Barletta Spiacevole episodio oggi a Ponente: evitare sempre di toccare i frammenti, attenzione soprattutto ai bambini
Violenza e criminalità, cosa ne pensano i giovani barlettani? Violenza e criminalità, cosa ne pensano i giovani barlettani? «Viviamo una vita di timore, ansia e preoccupazione ed abbiamo paura anche ad uscire»
Barletta a "Chi l'ha visto", denunciati atti di bullismo Barletta a "Chi l'ha visto", denunciati atti di bullismo Pietre contro l'abitazione dei fratelli Monteverde
Alcolisti senza tetto, un problema reale a Barletta Alcolisti senza tetto, un problema reale a Barletta Il responsabile della Caritas Lorenzo Chieppa: «Chiediamo la convocazione di un tavolo permanente con ASL, Prefettura e Servizi Sociali»
2 «Di notte le farmacie di Barletta sono esposte a molti pericoli» «Di notte le farmacie di Barletta sono esposte a molti pericoli» L’appello di una farmacista: «Facciamo subito qualcosa prima di eventi irrimediabili»
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.