Castello Svevo
Castello Svevo

24 maggio 1915: un'alba di guerra per Barletta

L'attacco della corazzata austriaca Helgoland

Oggi corre il novantanovesimo anniversario dell'entrata in guerra dell'Italia a fianco degli Alleati contro l'Austria-Ungheria e Germania, guerra che si svolse prevalentemente nel nord Italia sulle frontiere alpine. L'Italia rivendicava Trento e Trieste sotto l'influenza Austro-ungarica, terre d'Italia e di italiani. La Prima Guerra, chiamata anche Grande Guerra, costò la vita a circa dieci milioni di persone e per non fa paura tanto per il numero, ma per come moltissima gente fu uccisa: gas asfissianti, mazze ferrate. Per la prima volta in guerra si utilizzarono mezzi come carri armati ed aerei che, anche se fossero la genesi della tecnologia moderna, erano comunque efficaci.

Anche Barletta, pagò a caro prezzo l'entrata in guerra: all'alba del 24 Maggio del 1915, una corazzata austriaca denominata Helgoland, alle primissime luci dell'alba, dal porto fece fuoco contro la città. Furono colpite alcune case nei pressi della chiesa della Cattedrale poichè si pensava che sul campanale ci fossero sentinelle, la stazione ferroviaria e vagoni nei pressi della stazioncina del porto e contro il castello, sede del Distretto Militare. Ancora oggi sono visibili i cinque colpi di cannone che comunque non fecero danni.

Solo grazie all'intervento del Caccia-torpediniere TURBINE, la corazzata austriaca si allontanò dalla città finendo di arrecare ulteriori danni. Ma lo stesso Turbine dovette immolarsi nelle acque garganiche viso che altre navi austriache l'accerchiarono. Il Comandante Luigi Bianchi decise a quel punto di aprire le valvole e di far inabissare la stessa per non farla cadere in mano ai nemici. Sorte che capitò alla stessa Helgoland che successivamente, catturata dagli italiani, cambiò il suo nome in Regia Nave Brindisi o Venezia.

L'Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra, nata nel 1917, intenta ad aiutare proprio i militari che ormai per motivi di salute non fossero più neanche in grado di ritornare ad una vita normale dopo la fine del conflitto, intende commemorare tutti coloro che in un modo o nell'altro pagarono un prezzo di sangue in nome della Patria. L'ANMIG farà celebrare una messa a suffragio che si svolgerà oggi 24 Maggio nella chiesa del S.Sepolcro alle ore 19:00. La cittadinanza è invitata.

[Il Presidente ANMIG sez. Barletta - Graziano Ruggiero]
  • Castello di Barletta
  • Anniversario
  • Guerra
Altri contenuti a tema
1 Domenica 17 luglio, una bandiera ucraina sulla facciata del Municipio Domenica 17 luglio, una bandiera ucraina sulla facciata del Municipio Il Sindaco Cosimo Cannito incontrerà una delegazione di profughi ucraini
Guerra in Ucraina: partito dalla Puglia il primo team sanitario di valutazione Guerra in Ucraina: partito dalla Puglia il primo team sanitario di valutazione Il loro compito è quello di stabilire le priorità d’imbarco di pazienti
A Barletta la manifestazione Pro-Ucraina, presso la Chiesa di Sant’Antonio A Barletta la manifestazione Pro-Ucraina, presso la Chiesa di Sant’Antonio Continua la raccolta di alimentari a Barletta, Molfetta, Terlizzi
Anpi Barletta e Bat: un tavolo di confronto sulla guerra Anpi Barletta e Bat: un tavolo di confronto sulla guerra «Perché è una guerra “complessa” quella attuale» dice il professor Villani e Pappalardo, vicepresidente dell’Anpi nazionale
In Puglia, borse di studio per studenti ucraini In Puglia, borse di studio per studenti ucraini «Si tratta di un intervento straordinario che prova a restituire ai tantissimi giovani una speranza di futuro»
Castello chiuso nella mattinata di martedì 12 aprile Castello chiuso nella mattinata di martedì 12 aprile Predisposti anche alcuni divieti per transito e sosta dei veicoli nelle vie perimetrali
Domani sera il Castello di Barletta si tinge di blu Domani sera il Castello di Barletta si tinge di blu Adesione alla Giornata Mondiale per la consapevolezza dell’autismo con “Light It Up Blue”
Partito da Barletta un nuovo carico di beni di prima necessità per l'Ucraina Partito da Barletta un nuovo carico di beni di prima necessità per l'Ucraina Riprende dunque la raccolta organizzata dall'Ambulatorio popolare di Barletta
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.