Violenza
Violenza
Servizi sociali

Violenze domestiche, l'app Youpol della Polizia si aggiorna per denunciarle

In questo periodo in cui si è costretti alla forzata permanenza in casa, potrebbe registrarsi un incremento

Da oggi Youpol, l'app realizzata dalla Polizia di Stato per segnalare episodi di spaccio e bullismo, viene estesa anche ai reati di violenza che si consumano tra le mura domestiche L'estensione dell'applicazione a questo tipo di reati è un ulteriore passo in avanti per contenere alcuni fenomeni che, in questo periodo di emergenza per il Coronavirus nel quale siamo costretti alla forzata permanenza in casa, potrebbero avere un incremento.

L'app è caratterizzata dalla possibilità di trasmettere in tempo reale messaggi ed immagini agli operatori della Polizia di Stato; le segnalazioni sono automaticamente georeferenziate, ma è possibile per l'utente modificare il luogo dove sono avvenuti i fatti. È inoltre possibile dall'app chiamare direttamente il NUE e dove non è ancora attivo risponderà la sala operativa 113 della questura. Tutte le segnalazioni vengono ricevute dalla sala operativa della questura competente per territorio. Per chi non vuole registrarsi fornendo i propri dati, è prevista la possibilità di fare segnalazioni in forma anonima.
Anche chi è stato testimone diretto o indiretto - per esempio i vicini di casa - può denunciare il fatto all'autorità di polizia, inviando un messaggio anche con foto e video.

L'applicativo, nato dalla ferma convinzione che ogni cittadino è parte responsabile e attiva nella vita democratica del Paese, si può scaricare gratuitamente ed è disponibile per dispositivi Ios e Android.

Per scaricare il file descrittivo delle nuove funzionalità basta cliccare il seguente link:
http://www.poliziadistato.tv/c_3JEW9vBa9B
  • Violenza sessuale
  • Violenza
  • violenza sui figli
Altri contenuti a tema
Ragazza aggredita, l'appello degli avvocati: «Smettete di far circolare il video» Ragazza aggredita, l'appello degli avvocati: «Smettete di far circolare il video» Scrivono i legali dei genitori della giovane vittima della violenza in strada
1 Ragazzina aggredita in strada, «siamo dinanzi ad un problema di deformazione educativa» Ragazzina aggredita in strada, «siamo dinanzi ad un problema di deformazione educativa» Interviene l'Ordine degli Psicologi sul caso di bullismo in strada a Barletta
1 Ragazzina schiaffeggia coetanea: inarrestabili condivisioni del video su Whatsapp Ragazzina schiaffeggia coetanea: inarrestabili condivisioni del video su Whatsapp Episodio di bullismo ripreso col telefonino
7 Barletta come nel "far west", tre omicidi in soli 6 mesi Barletta come nel "far west", tre omicidi in soli 6 mesi Il 43enne Giuseppe Tupputi ucciso nel suo bar nella sparatoria di ieri
Bat: registrata la percentuale più bassa di donne prese in carico dai CAV Bat: registrata la percentuale più bassa di donne prese in carico dai CAV Il report dell'Ufficio Statistico Regione Puglia sul tema della violenza sulle donne in puglia
Biblioteca di genere: il nuove evento lunedì 21 febbraio Biblioteca di genere: il nuove evento lunedì 21 febbraio L’incontro sarà aperto alla Cittadinanza
2 Serata violenta in Piazza Umberto, ferito un uomo Serata violenta in Piazza Umberto, ferito un uomo La piazza dell'ex ospedale è stata già più volte cornice di violenze
Violate: la mostra al Castello contro le violenza sulle donne Violate: la mostra al Castello contro le violenza sulle donne Hanno partecipato alcune scolaresche per educare le giovani generazioni alla sensibilizzazione verso questo tema
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.