Truffa a Barletta, la storia di nonna Emanuela a Pomeriggio Cinque
Truffa a Barletta, la storia di nonna Emanuela a Pomeriggio Cinque
Cronaca

Truffa a Barletta, la storia di nonna Emanuela a Pomeriggio Cinque

Le telecamere di Mediaset in città per l’episodio ai danni di un’anziana, ingannata dal “finto nipote”

L'ennesimo inganno si è registrato a Barletta ai danni di un'anziana donna, con la solita truffa del finto parente e della richiesta urgente di aiuto con denaro in contante.

Le telecamere di Mediaset hanno fatto tappa nella città della Disfida per raccontare uno dei tanti episodi che si sono registrati a Barletta: quest'ultimo risale allo scorso 27 dicembre. A raccontare l'accaduto alla trasmissione "Pomeriggio Cinque" è stata proprio nonna Emanuela, la signora barlettana vittima della truffa.

La telefonata con la richiesta d'aiuto e l'arrivo del complice

Intorno alle ore 11.45 del mattino, la donna ha ricevuto una telefonata. «Ciao zia, mi devi aiutare – così iniziava la telefonata del finto nipote della donna barlettana – Ho fatto un acquisto su internet, ho sbagliato, se non mi aiuti mi arresteranno».

L'uomo, dall'altro lato del telefono, era ovviamente un malfattore che, spacciandosi per il nipote della donna, le ha implorato di prestargli 8.500 euro in contanti.

La signora ha ricevuto due telefonate, al numero fisso e al cellulare, in cui i truffatori la raggiravano. Avendo davvero a disposizione in quel momento in casa quella cifra richiesta, la donna stava preparando il denaro, frutto dei suoi risparmi degli ultimi anni, per consegnarlo a un fantomatico amico del nipote, che proprio pochi istanti dopo si è presentato alla porta di casa.

La storia fortunatamente si è conclusa nel migliore dei modi, con un'inaspettata svolta nella vicenda: dopo aver preso i soldi, il malfattore - appena uscito dalla casa della vittima - ha incrociato due carabinieri in borghese i quali, notando il suo atteggiamento sospetto, lo hanno fermato trovando nel suo zaino l'ingente somma di denaro appena prelevata dalla casa dell'anziana.

"Ho trovato i miei angeli custodi quel giorno" ha concluso la signora Emanuela.
Truffa a Barletta, la storia di nonna Emanuela a Pomeriggio CinqueTruffa a Barletta, la storia di nonna Emanuela a Pomeriggio CinqueTruffa a Barletta, la storia di nonna Emanuela a Pomeriggio Cinque

È importante informarsi e prevenire

L'episodio ovviamente è diventato occasione per riproporre il tema della prevenzione. Già da tempo i Carabinieri sono impegnati a proporre incontri sul territorio dedicati proprio ai più anziani, spiegando le tecniche più adoperate, distribuendo anche un opuscolo che spiega il modus operandi dei truffatori.
Già in passato avevamo raccontato nel dettaglio la storia di una truffa subita da un'anziana signora barlettana: anche in quel caso, tutto era partito da una telefonata ricevuta allo stesso orario – ore 11.45 – perché i truffatori sanno che si tratta di una fascia oraria in cui è facile trovare in casa qualcuno.

Le dinamiche sono simili, le tecniche si assomigliano: tra le più utilizzate ci sono quelle della cosiddetta "cauzione" (facendosi aiutare da un complice che si spaccia per l'avvocato del figlio o del nipote in pericolo), quella della "perdita di gas", quella del "parente in stato di fermo per l'assicurazione scaduta", nonché quella che riguarda "falsi tecnici di acqua, luce, gas e rifiuti" inviati a domicilio per riscuotere una bolletta.

Tra i numerosi consigli c'è anche quello di "diffidare dalle apparenze" come il sorriso cordiale, la massima disponibilità; molto spesso i truffatori si presentano con un aspetto tranquillizzante. In questo modo riescono senza difficoltà ad entrare in casa, per appropriarsi di denaro o gioielli, aspettando un momento di distrazione.

"È difficile prevenire secondo me – dichiara un cittadino intervistato dall'inviato di Mediaset – dipende dal soggetto che subisce la truffa". I malviventi infatti fanno leva sulla gentilezza e la debolezza delle loro vittime. In questi casi occorre fermarsi, ragionare con lucidità e verificare subito chiamando direttamente il parente più prossimo prima di aprire la porta agli sconosciuti.
  • Truffa
  • Trasmissione televisiva
Altri contenuti a tema
Domenica 18 febbraio su Rai Uno la Santa Messa in diretta da Barletta Domenica 18 febbraio su Rai Uno la Santa Messa in diretta da Barletta Il collegamento dalla Concattedrale a partire dalle ore 10.55
Intascavano bonus su lavori mai eseguiti, la Finanza di Barletta scopre la truffa Intascavano bonus su lavori mai eseguiti, la Finanza di Barletta scopre la truffa Tutti i dettagli nella conferenza stampa convocata questa mattina
"Affari tuoi”, la barlettana Roberta giocatrice della serata su Rai 1 "Affari tuoi”, la barlettana Roberta giocatrice della serata su Rai 1 Tenterà di portare a casa il montepremi più alto, 300.000€
Da Barletta in trasferta a “Reazione a catena”, stasera in TV Da Barletta in trasferta a “Reazione a catena”, stasera in TV Il trio "Quelli dell'82" è composto da Emanuele Barbaro, Teresa Proietti Ciminati e Antonella Distaso
Truffe su WhatsApp, sui social e di persona: i chiarimenti dei Carabinieri Bat Truffe su WhatsApp, sui social e di persona: i chiarimenti dei Carabinieri Bat L'intervista al Comandante Provinciale dell’Arma Galasso per capire come comportarsi di fronte al messaggio "per salvare un parente in difficoltà"
Bonus edilizi, nel mirino anche commercialisti della Bat Bonus edilizi, nel mirino anche commercialisti della Bat L'operazione della Guardia di Finanza partita da Brescia
1 Anziana truffata a Barletta, arrestati in quattro dalla provincia di Napoli Anziana truffata a Barletta, arrestati in quattro dalla provincia di Napoli I malfattori hanno adoperato una delle classiche strategie fingendo di conoscere il figlio della donna
La giovane barlettana Anna Rita Santeramo approda a “Il Collegio 8” La giovane barlettana Anna Rita Santeramo approda a “Il Collegio 8” La sedicenne nostra concittadina tra i protagonisti del reality targato Rai 2
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.