Via Leontina De Nittis
Via Leontina De Nittis
La città

Toponomastica femminile: a Barletta solo il 4,4% delle strade è dedicata alle donne

Un progetto per dare dignità alle donne nello spazio pubblico

Da quando si è iniziato a parlare di gender gap, la questione è stata poi declinata in tutte le sue forme: gap occupazionale, retributivo, nelle materie STEM e anche nella toponomastica.

Il progetto Toponomastica femminile nasce su Facebook nel gennaio 2012, un gruppo di ricerca formato da oltre trecento associate/i che si occupa di pubblicare articoli e sollecitare le istituzioni per una maggiore inclusività e riconoscimento delle figure femminili anche nella toponomastica. Non è nuovo il processo di cancellazione della storia femminile e di genere che continua a reiterarsi nel tempo. Se negli anni più recenti c'è stata una forte spinta alla rivalsa in questo senso, è pur vero che i passi fatti non sono ancora sufficienti.

Facendo riferimento al progetto in questione, nella città di Barletta solo il 4,4% delle strade sono intitolate alle donne, contro il 52,4% di strade dedicate agli uomini. Più specificatamente, su un totale di 519 che include strade, vie, piazze etc., quelle intitolate agli uomini sono 272, quelle intitolate alle donne solo 23.

Approfondendo il dato, la maggior parte delle strade femminili (7) sono in ricordo di Madonne (Immacolata, Beata Vergine, Santa Maria etc) come Via Madonna degli Angeli, via Madonna della Croce, via Madonna delle Grazie e via Madonna dello Sterpeto.
  • Con due strade dedicate alle donne santificate e cioè via Santa Lucia, via Santa Marta.
  • Due dedicate a figure religiose: via D'Amato Maria Chiara e contrada Monachelle.
  • Una per le figure laiche: via Livia Casardi Bonamici.
  • Due per le letterate: via Anna Cassandro e via Grazie Deledda.
  • Una per le artiste: via Artemisia Gentileschi.
  • Quattro per figure storiche e politiche: via Alessandra Benucci, via Addolorata Sardella, via Regina Elena, via Regina Margherita.
  • Quattro vengono classificate come altro e cioè: via Léontine De Nittis, vicolo Gloria, via Semplicia Pappalettere, vicolo Vittoria.
Fonte Agenzia del Territorio (2012)

Mancano le vie in onore di atlete e sportive, figure mitologiche o personaggi letterari, lavoratrici, donne dello spettacolo e scienziate.

Ercolini, fondatrice del progetto, ha più volte sottolineato l'importanza di dare visibilità e restituire dignità nello spazio pubblico, uno spazio che non può più essere abitato solo da uomini nell'immaginario collettivo. Un progetto che non mira a creare un dibattito fine a stesso, ma che punta all'educazione di ragazzi e ragazze affinchè «Cambi il loro immaginario femminile, che le ragazze trovino modelli da seguire». Superare anche l'idea di donne che subiscono, in senso passivo, come le strade dedicate alle martiri e dare lode anche a tutte coloro che fanno o hanno fatto, in senso attivo.

Per la morte dell'attivista e medico Gino Strada il sindaco di Barletta, Cosimo Cannito, ha pensato di dedicare una via nella città per l'encomiabile lavoro svolto.
Si potrebbe fare lo stesso anche per altre figure altrettanto meritevoli?
  • Donne
Altri contenuti a tema
1 Il murale del maestro Borgiac dedicato alle donne Il murale del maestro Borgiac dedicato alle donne Le farfalle come simbolo di libertà nella Giornata contro la violenza sulle donne
Anna Chiumeo, Associazione Donne Giuriste Italiane per il 25 novembre Anna Chiumeo, Associazione Donne Giuriste Italiane per il 25 novembre «Le statistiche parlano per il 2021 di un femminicidio ogni 3 giorni»
Tutte le iniziative a Barletta per la Giornata contro la violenza sulle donne Tutte le iniziative a Barletta per la Giornata contro la violenza sulle donne Il calendario degli appuntamenti: tornano quest'anno in Piazza Moro le sedie rosse
Violenza economica, la mobilitazione di Italia Viva Violenza economica, la mobilitazione di Italia Viva La proposta di una educazione finanziaria come strumento di prevenzione
A Barletta, la Giornata per eliminare la violenza contro le donne A Barletta, la Giornata per eliminare la violenza contro le donne Il 15 novembre alle 18 il primo incontro
A Barletta “10.000 vele contro la violenza sulle donne” A Barletta “10.000 vele contro la violenza sulle donne” Oggi la presentazione, preso la Lega Navale di Barletta, dell’iniziativa che avrà luogo domenica
Il gender gap: cos'è e quali sono i dati in Puglia Il gender gap: cos'è e quali sono i dati in Puglia Anche nella nostra regione i dati sul divario di genere non sono ottimi, nonostante alcuni accenni di cambiamento
Tina Arbues: «Dietro la violenza c’è soprattutto un fattore culturale» Tina Arbues: «Dietro la violenza c’è soprattutto un fattore culturale» Si diffonde sui social l’iniziativa #SignalForHelp, ne parliamo con l’Osservatorio “Giulia e Rossella” di Barletta
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.