Mena Salvemini
Mena Salvemini
La città

Sanità pubblica d’eccellenza: Mena Salvemini, dalla perinatologia all’ufficio protesi di Barletta

42 anni di ininterrotto servizio sanitario, dall’ospedaletto di corso Cavour, all’ospedale “Dimiccoli”, fino allo storico edificio di piazza Principe Umberto

Concludere un percorso lavorativo sempre al servizio del prossimo, per quella sanità di prossimità tanto decantata ma poi non concretamente valorizzata, ininterrottamente al lavoro in storiche sedi quali l'ospedaletto dei bambini di corso Cavour, all'ospedale "Dimiccoli", fino al vecchio ospedale di piazza Principe Umberto, luogo tanto caro ai barlettani, è qualcosa che tocca le corde più intime di ogni esperienza professionale.

Filomena Salvemini, Mena per i tanti amici e conoscenti, ha lasciato nei giorni scorsi il servizio attivo presso il Distretto socio sanitario di Barletta della Asl Bt.
Giovanissima, appena diplomatasi vigilatrice d'infanzia, Mena Salvemini inizia il suo percorso lavorativo il 10 luglio 1980, quando appena 3 mesi prima, l'allora Ente Ospedaliero di Barletta, aveva bandito un concorso per puericultrici esperte. Gli accortiamministratori di un tempo avevano deciso di inaugurareanche a Barletta un'unità di Perinatologia, accorpandolaall'esistente reparto di Ostetricia e Ginecologia, in pratica una sezione staccata di Pediatria.

Cercavano personale sanitario qualificato che si doveva occuparedell'assistenza al neonato ma anche della puerpera, in pratica dal momento della nascita alla dimissione. Erano gli anni in cui l'assistenza sanitaria era fatta di tante mutue, gestite tutte con criteri assicurativi. Lavoratori e aziende versavano il loro contributo per usufruire dell'assistenza medico/sanitaria, anche con proprio personale dedicato, che prestava spesso differenti servizi in base al tipo di mutua che aveva l'assistito (per la gestanti ad esempio, si poteva avere una stanza singola o doppia solo se si apparteneva ad una piuttosto che ad un'altra mutua).

Era una sanità disordinata, con un'assistenza frammentata che solo con la legge 833 del 1978, vide istituire in Italia il Servizio Sanitario Nazionale, permeato ai principi della globalità, dell'uguaglianza e dell'universalità, modello assistenziale che pur se negli anni è stato ridisegnato,tuttora è imitato e copiato in buona parte degli Stati del mondo.

"Ricordo bene come, dopo aver partecipato e superato il concorso iniziai il mio lavoro in ospedale, con turnazione su tre differenti orari. In coscienza, ricordo che da parte dei colleghi e del personale medico abbiamo sempre applicato la doverosa attenzione a qualsiasi degente, senza mai fare distingui e differenziazioni di sorta. E non poteva essere diversamente avendo come modelli clinici, dei medici del calibro di Ruggiero Lattanzio e Carlo Righetti, senza dimenticare Nicola Svilokos tra le figure più significative del panorama medico, forse ancora poco note della più bella medicina barlettana e non solo".

Il lavoro presso l'ospedale cittadino è proceduto speditamente di anno in anno e Mena Salvemini è riuscita per oltre un ventennio a conciliare vita professionale con la famiglia, tra marito e figli. Quante festività sono state scandite dai turni ospedalieri. Nel giugno del 2009, per motivi di salute, l'attività presso la perinatologia cessa ed inizia per Mena Salvemini quella presso l'ufficio di assistenza protesica, dov'è stata nel frattempo trasferita, sempre con ruolo sanitario.

Un lavoro altrettanto delicato quello presso l'ufficio protesi, situato nella storica sede di piazza Principe Umberto, dove l'ascolto e la comprensione sono tra le doti più apprezzate tra il vasto pubblico che abitualmente lo frequenta. Un'attività professionale oseremmo dire integerrima, senza falsa retorica, come si usava dire un dire in un tempo non troppo lontano, termine ritenuto dai più desueto ma per altri carico di significato, di chi ha fatto del lavoro una regola di vita, non solo verso l'utenza ma rispettoso anche dei tanti colleghi.

Non è stato un caso se nei giorni scorsi, dal neo direttore del distretto Sanitario di Barletta, dottor Domenico Spinazzola, dal direttore Amministrativo Raffaele Marino, dal dottor Giovanni Di Buduo, del servizio malattie rare, è toccato, con vero senso di amicizia e considerazione, portare il proprio amichevole saluto insieme alle colleghe che negli ultimi anni hanno affiancato con altrettanta professionalità e scrupolo, pur a fronte delle difficoltà del periodo pandemico, Mena Salvemini in questo dedicato servizio.

A Mena Salvemini e a quanti come lei hanno dedicato la propria vita lavorativa al servizio pubblico nel campo socio sanitario, con spirito di servizio e dedizione, l'augurio più caro e sincero di ogni bene dal Viva Network.
  • Sanità
Altri contenuti a tema
Nasce l'Associazione Diabetici Bat, a tutela dei pazienti insulino-dipendenti Nasce l'Associazione Diabetici Bat, a tutela dei pazienti insulino-dipendenti L'iniziativa per ottenere una maggiore attenzione nelle cure
Corruzione sanità Puglia, «il Ministro commissari la Regione» Corruzione sanità Puglia, «il Ministro commissari la Regione» Le dichiarazioni dei referenti di Forza Italia, Mauro D'Attis e Dario Damiani
Pronto soccorso nel caos, il sindacato dei medici valuta l'invio di allerte alle Procure Pronto soccorso nel caos, il sindacato dei medici valuta l'invio di allerte alle Procure L’emergenza sanitaria impone la massima attenzione. Intervista al Vice segretario Organizzativo Nazionale Cimo, dottor Luciano Suriano
Monkeypox, Chironna: «Nessun allarme, ma non bisogna sottovalutarlo» Monkeypox, Chironna: «Nessun allarme, ma non bisogna sottovalutarlo» Intervista con l'infettivologa del Policlinico, e docente di igiene dell'Università di Bari
Pennetti Lab, da lunedì tamponi presso la sede di via Meucci Pennetti Lab, da lunedì tamponi presso la sede di via Meucci Tutti i contatti per richiedere maggiori informazioni
1 Laboratorio Pennetti: i nuovi orari d'apertura del drive through Laboratorio Pennetti: i nuovi orari d'apertura del drive through Verranno rispettati da martedì 26 aprile
Da domani rinnovo per le esenzioni ticket per motivi di reddito Da domani rinnovo per le esenzioni ticket per motivi di reddito Tutti i dettagli per controllare lo stato della propria esenzione
Uso terapeutico della cannabis contro il dolore, l'esempio virtuoso di Barletta Uso terapeutico della cannabis contro il dolore, l'esempio virtuoso di Barletta L'unità operativa di Barletta è l'unico centro prescrittore nella nostra Asl
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.