Rumeno di 29 anni in carcere per tentato stupro
Rumeno di 29 anni in carcere per tentato stupro
Cronaca

Rumeno di 29 anni in carcere per tentato stupro

La vittima era appena entrata nell'androne del portone che conduce alla sua abitazione

Oggi la polizia di Stato ha proceduto all'arresto di un romeno di 29 anni, con precedenti di polizia ed obbligo di dimora nel Comune di Barletta, responsabile dei reati di violenza sessuale nei confronti di una donna tranese di 46 anni, di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e di violazione dell'obbligo di dimora. In particolare, intorno alle 12, la vittima era appena entrata nell'androne del portone che conduce alla sua abitazione quando, aperta la porta dell'ascensore, mentre si accingeva a riporvi il passeggino con il bambino di appena tre anni, ha sentito che qualcuno le stava alzando il vestito.

Inizialmente aveva pensato ad uno scherzo del marito ma, subito dopo essersi girata, si è ritrovata alle spalle un uomo con la lampo abbassata e l'organo genitale in vista. L'uomo ha iniziato a spingerla con forza verso il passeggino, bloccandola, tappandole la bocca con la mano per impedirle di urlare e toccandola in più parti del corpo, finché la donna non ha iniziato a dimenarsi per liberarsi dalla presa, opponendo viva resistenza con calci.

A seguito delle urla l'uomo ha provato a scappare e lo ha inseguito all'esterno del portone, dove si è imbattuta, proprio in quell'istante, in un equipaggio della polizia di Stato a cui ha raccontato sommariamente l'accaduto e ha fornito la descrizione e la via di fuga del malfattore. Il fuggitivo, al fine di sottrarsi alla cattura, ha scavalcato il muro di cinta di un parcheggio privato, saltando su alcune auto in sosta, ma grazie all'abilità degli agenti è stato raggiunto e definitivamente bloccato e tratto in stato d'arresto in via Dalmazia.

Il rumeno ha cercato di sottrarsi alla presa degli agenti ed è nata subito una colluttazione a seguito della quale uno degli operatori di polizia ha subito un trauma distrattivo alla spalla e all'arto superiore sinistro con ferita escoriata all'avambraccio con prognosi di 20 giorni. L'arrestato, dopo gli accertamenti di rito, è stato condotto nella locale casa circondariale.
  • Polizia di Stato
  • Violenza sessuale
Altri contenuti a tema
Alfredo Fabbrocini è il nuovo Questore della Bat Alfredo Fabbrocini è il nuovo Questore della Bat Succede al primo Questore Pellicone, tasferito a Siracusa. Fabbrocini sarà ad Andria il 21 febbraio
Polizia di Stato Bat, un anno di misure di prevenzione Polizia di Stato Bat, un anno di misure di prevenzione I provvedimenti emessi nel corso del 2023 sono circa 250
3 Baby gang e giovani criminali: il modello Caivano arriva a Barletta Baby gang e giovani criminali: il modello Caivano arriva a Barletta Una risposta della Questura alla richiesta di sicurezza dei cittadini. È la prima volta nella Bat
Rapinò negozio di surgelati a Trani, arrestato pregiudicato di Barletta Rapinò negozio di surgelati a Trani, arrestato pregiudicato di Barletta Fondamentale il rinvenimento di un motociclo a poca distanza dall'abitazione
La Polizia arresta un 50enne barlettano, autore di rapine e furti a Barletta La Polizia arresta un 50enne barlettano, autore di rapine e furti a Barletta Colpi a segno in un’ottica e in una farmacia
Nuovi agenti di Polizia nella Bat, il commento del sindaco Cannito Nuovi agenti di Polizia nella Bat, il commento del sindaco Cannito «Importante segnale di attenzione dello Stato per il nostro territorio»
Questura di Barletta Andria Trani: arrivano i rinforzi Questura di Barletta Andria Trani: arrivano i rinforzi Il Questore Pellicone riceve e dà il benvenuto ai nuovi agenti
Questura Bat, assegnato il nuovo capo della squadra mobile Questura Bat, assegnato il nuovo capo della squadra mobile Arriva il dottor Gianluca Gentiluomo
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.