Spaccio Droga
Spaccio Droga
Cronaca

Prove valide, i quattro incensurati barlettani restano in carcere

Accuse fondate per i 4 presunti pusher barlettani

Il Tribunale del riesame di Bari ha rigettato il ricorso presentato dai legali di Piccolo Stefano, Fruscio Michele, Di Monte Luigi, e Bruno Antonio Ruggiero, e contestualmente negato loro il beneficio degli arresti domiciliari.

Restano in carcere, quindi, i quattro presunti "pusher", arrestati dai Carabinieri del Nucleo Operativo di Barletta nel corso di un blitz lo scorso 10 febbraio, al termine dell'indagine denominata "Coca Express" e coordinata dal P.M. Dott.ssa Carmela Bruna Manganelli. Per il Tribunale del riesame le prove fornite dagli investigatori dell'Arma, consistenti in attività tecniche corredate da pregnanti riscontri sul campo, sono valide e ben strutturate, le accuse mosse ai quattro sono fondate e le misure cautelari emesse dal GIP del Tribunale di Trani, dott. del Castillo, pienamente legittime, al contrario di quanto sostenuto dalle difese.

I quattro, lo ricordiamo, che all'epoca dei fatti erano tutti incensurati, sono accusati di spaccio di stupefacenti continuato e in concorso con altre 6 persone. La droga, prevalentemente cocaina, come è stato accertato dai Carabinieri, veniva consegnata ai clienti a domicilio, effettuando decine di viaggi ogni notte, utilizzando un imponente parco veicoli.

7 fotoOperazione Coca Express
Cocaina come pizze, dieci arresti dei Carabinieri a BarlettaCocaina come pizze, dieci arresti dei Carabinieri a BarlettaCocaina come pizze, dieci arresti dei Carabinieri a BarlettaCocaina come pizze, dieci arresti dei Carabinieri a BarlettaCocaina come pizze, dieci arresti dei Carabinieri a BarlettaCocaina come pizze, dieci arresti dei Carabinieri a BarlettaCocaina come pizze, dieci arresti dei Carabinieri a Barletta
  • Carabinieri
  • Droga
Altri contenuti a tema
Scoperta piantagione di marijuana alla foce dell'Ofanto Scoperta piantagione di marijuana alla foce dell'Ofanto Arrestati due giovani di Canosa di Puglia
1 Omicidio a Margherita di Savoia, indagato un minorenne di Barletta Omicidio a Margherita di Savoia, indagato un minorenne di Barletta Il coltello utilizzato è stato sequestrato dai Carabinieri
Incidente mortale a Ferragosto, il carabiniere barlettano era Eugenio Cosco Incidente mortale a Ferragosto, il carabiniere barlettano era Eugenio Cosco L'uomo, di 41 anni, lascia moglie e due figli
Scoperta a Barletta piantagione di 2000 mq di marijuana Scoperta a Barletta piantagione di 2000 mq di marijuana Interviene la Guardia di Finanza: tre arresti
Movida più sicura, continuano i controlli dei Carabinieri a Barletta Movida più sicura, continuano i controlli dei Carabinieri a Barletta Predisposto anche un servizio contro il fenomeno dei furti d'auto
Malamovida, controlli dei Carabinieri nel centro di Barletta Malamovida, controlli dei Carabinieri nel centro di Barletta Ispezionati alcuni esercizi commerciali ed elevate sanzioni al Codice della Strada
Truffe agli anziani, i consigli dei Carabinieri di Barletta Truffe agli anziani, i consigli dei Carabinieri di Barletta Quattro gli incontri promossi dai militari dell’Arma a Barletta, Trinitapoli, San Ferdinando di Puglia e Margherita di Savoia
Oltre 4mila posti per Carabinieri: la presentazione della domanda Oltre 4mila posti per Carabinieri: la presentazione della domanda Fino all’11 agosto è possibile presentare la domanda attraverso il portale dei Carabinieri
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.