Sparatoria in piazza Divittorio
Sparatoria in piazza Divittorio
Cronaca

Omicidio Pellizzieri, tre indagati tornano in libertà

Il quarto resta in carcere: la sparatoria avvenne a Piazza Divittorio nel 2012

Tornano in libertà tre dei quattro indagati per l'omicidio del 32enne barlettano Michele Pellizzieri, morto 19 giorni dopo la sparatoria di cui fu vittima il 5 ottobre 2012 al mercato di Piazza Divittorio. Il quarto indagato resta in carcere ma per un'altra causa. Il "k.o." alle misure cautelari, e dunque alle indagini della Procura Antimafia di Bari, giunge dal Tribunale della Libertà di Bari sulla scorta della sentenza della Cassazione che a fine settembre aveva annullato con rinvio una prima decisione dei giudici baresi. Lo scorso marzo, infatti, un altro collegio del Tribunale della Libertà aveva confermato l'ordinanza di custodia cautelare del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari facendo così rimane in carcere il presunto esecutore materiale del delitto Giuseppe Cirino, 29 anni di Foggia, ed i presunti mandanti barlettani: Ruggiero Lattanzio, 56, detto "Rino non lo so"; Luigi Marchisella, 45, detto "lo zio", e Pasquale Lattanzio, 41, detto "Fanale". Tutti ora (su ricorso degli avvocati Nicola Mastrapasqua e Giuseppe Cioce) hanno visto cadere il provvedimento che li costringeva in cella per il delitto di "Tucchett", nomignolo con cui era noto Pellizzieri.

L'inchiesta, condotta dai Carabinieri, portò a ritenere che il suo delitto fosse maturato per ragioni legate al controllo delle attività illecite a Barletta in un momento di riassestamento degli assetti malavitosi.

Alla base dell'ordinanza custodiale dello scorso febbraio anche le versioni di tre collaboratori di giustizia, che però la Cassazione ha ritenuto divergenti. Nella sentenza la Suprema Corte non risparmia l'ipotesi di una pista investigativa alternativa coi nomi dei relativi sicari.
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Indagini
  • Sparatoria
Altri contenuti a tema
1 Damiani: «Addolorato per la morte del giovane marito e padre di due bambine» Damiani: «Addolorato per la morte del giovane marito e padre di due bambine» «Il terzo fatto di sangue in meno di tre mesi, inaccettabile»
Ucciso da colpi di pistola il titolare del bar in via Rionero Ucciso da colpi di pistola il titolare del bar in via Rionero La sparatoria avvenuta nel quartiere Borgovilla: si indaga sulle motivazioni
1 Sparatoria in via Rionero, alla periferia di Barletta Sparatoria in via Rionero, alla periferia di Barletta Nella sparatoria ha perso la vita il titolare del bar
Omicidio Cilli, interrogatori nel carcere di Trani Omicidio Cilli, interrogatori nel carcere di Trani Secondo l'ipotesi degli inquirenti, il corpo di Cilli sarebbe stato distrutto
Fotografie pedopornografiche in chat, nei guai 22enne di Barletta Fotografie pedopornografiche in chat, nei guai 22enne di Barletta Le indagini erano partite dalla denuncia dei genitori di un bambino di quinta elementare
Sparato in pieno centro a Margherita di Savoia, muore 26enne Sparato in pieno centro a Margherita di Savoia, muore 26enne Il giovane era stato arrestato per la gambizzazione di un uomo a Barletta
Inviavano in chat materiale pornografico a minorenni: identificato un 20enne barlettano Inviavano in chat materiale pornografico a minorenni: identificato un 20enne barlettano Identificati altri quattro ragazzi, tutti minorenni, tra cui uno di Andria
Ferì un pregiudicato a Barletta, la sentenza di appello: non fu tentato omicidio Ferì un pregiudicato a Barletta, la sentenza di appello: non fu tentato omicidio A sparare nel suo garage fu Luigi Piccolo con l'intento di allontanare Luigi Lombardi e Luigi Marchisella, accusati di tentata estorsione
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.