Natura
Natura
La città

Mille alberi per Barletta, l'idea di Cgil e Spi per l'ambiente

La città della Disfida è in fondo alla classifica dei centri più verdi d'Italia

L'idea parte da una constatazione oltre che da un'esigenza. Innanzitutto dall'analisi dei dati Ispra, l'istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, dello scorso anno sulle città più verdi d'Italia che pongono la Puglia in basso alla classifica. Barletta, fanalino di coda tra le città pugliesi con appena 3,9 metri quadrati per abitante.

E poi dalla volontà di Cgil Bat, Camera del lavoro di Barletta e Spi Bat di farsi promotori di una città più verde e più a misura di cittadino, spronando le pubbliche amministrazioni a dotarsi di un piano del verde. Nasce così l'iniziativa "Mille alberi per Barletta. Per modificare l'ecosistema ambientale" che punta anche al coinvolgimento di altre associazioni ed enti, oltre che naturalmente dell'amministrazione comunale che dovrà stabilire i punti in cui questi nuovi alberi andranno piantumati. Il sindacato, nell'attesa della definizione di un piano, garantisce già al commissario prefettizio una prima donazione di 50 piante verdi, prima trance di altre consegne che saranno fatte a mano a mano che dal Comune verranno indicate le aree in cui potranno essere ospitate.

"Invitiamo i cittadini, le associazioni e le imprese del territorio a contribuire e a far evolvere un'idea ed un progetto che può solo migliorare la qualità di vita di una comunità. Le città sono sempre più al centro di numerose attività economiche responsabili del 70 per cento delle emissioni globali di gas serra. Ripensare gli spazi urbani rendendoli più verdi, sostenibili ed accessibili, aumentando le aree verdi pubbliche ed assicurando una adeguata manutenzione, significa prendersi cura della salute di cittadine e cittadini e rendere le città più resilienti ai cambiamenti climatici in atto", spiega Franco Dambra, coordinatore della Camera del Lavoro di Barletta.

"Stiamo assistendo ad una modifica della qualità della vita urbana delle nostre città, con ondate di calore che diventano sempre più frequenti nella stagione estiva. Le chiome degli alberi garantiscono un confort termico che deriva sia dal diretto ombreggiamento delle superfici, sia dal processo di traspirazione assorbendo una parte significativa di carbonio nell'aria. I benefici del verde urbano non si limitano solo al regolamento delle temperature in città, ma sono anche psico-fisici ed influenzano la qualità della vita delle persone. Noi come Spi abbiamo già portato avanti una serie di iniziative di piantumazione di nuovi alberi, anche nelle scuole cittadine, convinti come siamo della necessità che sui temi ambientali si stringa un patto generazionale", aggiunge il segretario generale dello Spi Cgil Bat, Felice Pelagio.

"I molteplici benefici del verde in città passano dalla riduzione di numerose malattie croniche in età adulta, all'accelerazione del recupero dopo un intervento chirurgico, alla riduzione dei ricoveri ospedalieri ed alla mortalità prematura, al miglioramento della salute mentale. Piantare un nuovo albero non è dunque un gesto fine a se stesso o di arredo urbano ma è molto di più: il verde in città è fondamentale anche per mantenere più sano e attivo il tessuto sociale, promuovendo l'inclusione e combattendo le diseguaglianze. Anche per queste ragioni la coscienza collettiva presta sempre più attenzione alla pianificazione ed allo sviluppo di spazi verdi urbani. Prendersi cura degli spazi pubblici è un investimento per la salute pubblica e sociale, un'opportunità per riequilibrare il nostro rapporto con la natura, rallentare la crisi climatica. Donando questi primi 50 alberi vogliamo in generale sproniamo tutte le amministrazioni a dotarsi di un piano del verde, partiamo da Barletta ma contiamo di replicare l'iniziativa anche in altri comuni della Bat", conclude Biagio D'Alberto, segretario generale Cgil Bat.
  • Cgil
  • Ambiente
Altri contenuti a tema
Omicron spaventa. Flai Cgil Bat: «Bisogna essere più rigidi sull'applicazione delle norme sui luoghi di lavoro» Omicron spaventa. Flai Cgil Bat: «Bisogna essere più rigidi sull'applicazione delle norme sui luoghi di lavoro» L'intervento del segretario generale della Flai Cgil Bat, Gaetano Riglietti
Ufficio scolastico provinciale, Cgil Bat: «Aspettiamo decreto Miur» Ufficio scolastico provinciale, Cgil Bat: «Aspettiamo decreto Miur» Il commento della segretaria generale della Flc Cgil Bat, Angela Dell’Olio
Vigili del Fuoco, Cgil Bat: «Lanciamo ancora un grido d'aiuto per la carenza di personale» Vigili del Fuoco, Cgil Bat: «Lanciamo ancora un grido d'aiuto per la carenza di personale» Interviene il Coordinatore della Funzione pubblica Cgil Vvf Bat, Giuseppe Rizzi
La Funzione Pubblica Cgil Bat scrive al nuovo dg della Asl Tiziana Di Matteo La Funzione Pubblica Cgil Bat scrive al nuovo dg della Asl Tiziana Di Matteo Elencate le questioni più urgenti da affrontare secondo Remini, Marzano, Matera e Spinazzola
CGIL Funzione Pubblica Bat: «La (In)Sicurezza sul lavoro nella Asl Bt» CGIL Funzione Pubblica Bat: «La (In)Sicurezza sul lavoro nella Asl Bt» Drammatica denuncia del Sindacato: «Ambienti del “Lorenzo Bonomo” di Andria non sono sicuri per chi ci lavora»
1 Qualità dell’aria, attenzione alta a Barletta: il caso della canna fumaria rimossa Qualità dell’aria, attenzione alta a Barletta: il caso della canna fumaria rimossa Prosegue anche il confronto sull'esito del biomonitoraggio sulle unghie dei bambini
6 Pnrr: previste case e ospedali di comunità? D'Alberto esamina i fondi Pnrr: previste case e ospedali di comunità? D'Alberto esamina i fondi Il segretario generale della Cgil Bat esamina la situazione dei fondi sulle reti di prossimità previsti dal piano nazionale di ripresa e resilienza
Nuova stagione teatrale a Barletta, la SLC Cgil Bat: «Mancanza di confronto» Nuova stagione teatrale a Barletta, la SLC Cgil Bat: «Mancanza di confronto» Il coordinatore provinciale si rivolge al commissario prefettizio e al settore Cultura e spettacolo
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.