Atti vandalici e senso di pericolo
Atti vandalici e senso di pericolo
La città

Maleducazione e vandalismo a Barletta: quali rimedi?

L’inciviltà di tanti giovani imperversa in città, tra i vuoti normativi e la rabbia dei cittadini

Via Vitrani, centro storico, Parco dell'Umanità, giardini De Nittis. Luoghi diversi, stesso comune denominatore: vandalismo, inciviltà e maleducazione da parte di gruppi di ragazzi e ragazzini; insopportabile senso di impotenza da parte di cittadini e residenti.

Lo sfregio, anzi, gli sfregi alle icone sacre del centro pastorale "Massimiliano Kolbe" di via Vitrani non sono che l'ultimo e più recente esempio di un degradante spettacolo fatto di rifiuti e avanzi di pizzeria lasciati in ogni dove, danneggiamento di immagini sacre, atti osceni e urla belluine nei confronti di chi "osa" muovere appunti a questi piccoli idioti.

Tutto ciò non fa che esasperare ulteriormente sempre più cittadini stanchi delle angherie subite ogni sera, ogni giorno e ogni notte, con il sempre più concreto rischio che qualcuno prima o poi si faccia giustizia da solo dando il là ad un'escalation di ripicche e ritorsioni che in passato (a Barletta e non solo) ha portato a conseguenze anche tragiche.

Del resto quello della maleducazione, del vandalismo, del bullismo e delle baby gang in generale, è un fenomeno che in tutta Italia sta sempre assumendo i contorni di un vero e proprio allarme sociale tanto da essere oggetto di un recente studio di Transcrime, il centro di ricerca interunivesitario sulla criminalità transanazionale dell'Università Cattolica di Milano, dell'Alma Mater di Bologna e dell'Università degli Studi di Perugia.

Tale studio, a proposito di devianza minorile e microcriminalità, oltre ai rispettabilissimi ma soliti discorsi sull' "inefficacia della sola repressione" e sull'esigenza di un lavoro di squadra tra famiglie, scuola e istituzioni, ha posto l'accento sui troppi vuoti legislativi in materia.

Che fare quindi? Nell'attesa che a livello governativo (e soprattutto a livello legislativo) dopo oltre mezzo secolo di lassismo inizi finalmente a muoversi qualcosa, oltre al lavoro delle istituzioni presenti sul territorio, una soluzione potrebbe ad esempio essere quella dei comitati di quartiere (visto che qualche "genio" a suo tempo pensò bene di abolire le circoscrizioni), come già accaduto ad esempio per la zona 167 dove qualche risultato pare si sia anche visto.
  • Vandalismo
  • atti vandalici
Altri contenuti a tema
Atti vandalici a Barletta in piazza Federico di Svevia Atti vandalici a Barletta in piazza Federico di Svevia Fioriere sdradicate e distrutte, terriccio e piante per terra: ecco il micro-vandalismo
21 Le bruciano la macchina e rivolge un appello: «Vi prego, aumentate i controlli» Le bruciano la macchina e rivolge un appello: «Vi prego, aumentate i controlli» Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco e la Polizia
Carnevale, ogni scherzo vale... ma non il vandalismo! Carnevale, ogni scherzo vale... ma non il vandalismo! La segnalazione di una cittadina
L'appello Retake: «La città di Barletta non è la vostra lavagna» L'appello Retake: «La città di Barletta non è la vostra lavagna» Le foto degli spazi deturpati da atti di vandalismo
11 Olio nero per vandalizzare un locale nella 167 di Barletta Olio nero per vandalizzare un locale nella 167 di Barletta La denuncia dello chef: «Questo è quello che succede a chi vuole lavorare»
Vandalismo alla casa canonica di via Vitrani: Cannito incontra la parrocchia Vandalismo alla casa canonica di via Vitrani: Cannito incontra la parrocchia Incontro tra il sindaco e Don Claudio Gorgoglione circa i recenti episodi di inciviltà
Vandalismo in via Vitrani, rifiuti nei pressi della casa canonica Vandalismo in via Vitrani, rifiuti nei pressi della casa canonica Tante le denunce dei residenti: scorribande e insulti da parte di ragazzini
De Nittis imbrattato, vandali in azione di via Sant'Andrea De Nittis imbrattato, vandali in azione di via Sant'Andrea Preso di mira il murale del barlettano Borgiac
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.