Piazzale Loreto
Piazzale Loreto
Eventi

La strage di Piazzale Loreto attraverso la storia di Emidio Matrodomenico

Il cortometraggio del regista Daniele Cascella sarà proiettato oggi a Barletta

Il cortometraggio "Mi chiamo Emidio Mastrodomenico e sono un Partigiano", selezionato al Foggia Film Festival 2017 (Sezione High School Award) e vincitore della Borsa di Studio dell'Archivio della Resistenza e della Memoria di Barletta intitolata alla Prof.ssa Maria Grasso Tarantino, sarà proiettato lunedì 16 ottobre 2017 presso la Comunità di Sant'Antonio alle ore 10.30 in Barletta e mercoledì 18 presso l'Istituto Michele Dell'Aquila alle ore 18.00 in San Ferdinando di Puglia.

Entrambe le manifestazioni, organizzate a cura dell'I.I.S.S. Michele Dell'Aquila - dell'ANPI Barletta-Andria-Trani e dell'Archivio della Resistenza e della Memoria di Barletta, vedranno la partecipazione del Dott. Ruggiero Isernia (Dirigente dell'I.I.S.S. Michele Dell'Aquila) che introdurrà il convegno, del Dott. Salvatore Puttilli (Sindaco di San Ferdinando di Puglia, del Prof. Luigi di Cuonzo (Responsabile dell' Archivio della Resistenza e della Memoria di Barletta), del Dott. Roberto Tarantino (Presidente Anpi provinciale) e di Daniele Cascella (regista del cortometraggio).

Il cortometraggio è frutto di un laboratorio cinematografico curato dal regista Daniele Cascella con la partecipazione alle riprese video e montaggio di Pietro Damico e il coordinamento della Prof.ssa Stefania Bafunno ed è incentrato sulla figura del partigiano Emidio Mastrodomenico nato a San Ferdinando il 22 novembre 1922 e dopo trasferitosi a Milano dove si arruolò come agente di Pubblica Sicurezza presso il commissariato di Lambrate. Dopo l'8 settembre entrò nei GAP e partecipò attivamente alla Resistenza. Per questo fu arrestato, incarcerato a San Vittore e torturato. Per un ordine di rappresaglia del comando tedesco, all'alba del 10 agosto 1944 Emidio Mastrodomenico fu prelevato e condotto a Piazzale Loreto, dove, insieme ad Andrea Esposito (originario di Trani) e ad altri 13 partigiani e antifascisti, venne fucilato da un plotone di esecuzione composto da militi della legione Ettore Muti. I loro corpi furono lasciati sul marciapiede ed esposti per l'intero giorno senza alcuna umana pietà. Solo alle ore 20 i cadaveri dei 15 martiri furono spostati in seguito alle pressioni del cardinale Alfredo Ildefonso Shuster. In una sorta di preveggenza lo stesso Mussolini dopo l'eccidio dei partigiani ebbe a dire al vice-capo della Polizia della RSI, Eugenio Apollonio che:"il sangue di Piazzale Loreto lo pagheremo molto caro". Dopo otto mesi, il 29 aprile 1945, sullo stesso piazzale saranno esposti al pubblico i cadaveri di Benito Mussolini, Claretta Petacci e dei gerarchi fascisti giustiziati dopo la loro cattura a Dongo.

L'eccidio di Piazzale Loreto rientrò nei famosi fascicoli nascosti nell'Armadio della vergogna, con le proprie ante rivolte verso il muro, finalmente aperto nel 1994.
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Storia
  • film
Altri contenuti a tema
A Barletta la conferenza "Gli uomini delle Crociate: tra fede, eroismo e spirito d’avventura" A Barletta la conferenza "Gli uomini delle Crociate: tra fede, eroismo e spirito d’avventura" Ospite il prof. Raffaele Pinto
Ricordando la strage degli evangelisti a Barletta del 1869 Ricordando la strage degli evangelisti a Barletta del 1869 La ricostruzione storica del direttore dell'Archivio di Stato Bari-Barletta-Trani Michele Grimaldi
1 Un aereo militare sulla rotatoria di via Foggia Un aereo militare sulla rotatoria di via Foggia La ricostruzione di quella parentesi storica poco conosciuta da parte del giornalista Nino Vinella
L'ultimo saluto Maria Luigia Gorgoglione e Cosmo Damiano Imbriola, testimoni del crollo di via Canosa L'ultimo saluto Maria Luigia Gorgoglione e Cosmo Damiano Imbriola, testimoni del crollo di via Canosa Scomparsi nelle scorse settimane, a loro è legato il tragico episodio del 1959
Il ricordo di Lina Wertmuller, regista che ha valorizzato Barletta - Spinazzola Il ricordo di Lina Wertmuller, regista che ha valorizzato Barletta - Spinazzola Uno dei nostri lettori ricorda la regista venuta a mancare il 9 dicembre 2021
Elodie a Barletta per girare il suo prossimo film Elodie a Barletta per girare il suo prossimo film Racconterà attraverso la sua performance la Quarta Mafia
12 settembre 1943, la cerimonia per l'anniversario storico 12 settembre 1943, la cerimonia per l'anniversario storico Ricorre domenica il 78° anniversario della resistenza all’occupazione nazista
14 marzo 1956, 65 anni fa a Barletta la tragedia di via Manfredi 14 marzo 1956, 65 anni fa a Barletta la tragedia di via Manfredi Tre uomini persero la vita mentre chiedevano del cibo per sfamare le loro famiglie
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.