Storie da giovani - Giuseppe
Storie da giovani - Giuseppe
Viva

La storia di Giuseppe: come Milano ha unito lo studio alla sua passione

È possibile trasformare la propria passione in lavoro?

Giuseppe ha 22 anni, laureato in Bocconi in Economia Aziendale e Management. Ha una passione che l'ha accompagnato sin da piccolo e che è diventata il tema della sua tesi di laure: l'Inter.
In risposta a chi definisce la generazione Z come "gioventù bruciata" o senza valori, Giuseppe è sicuro di quello che vuole e cerca di costruirsi da solo un futuro. Si trasferisce a Milano a soli 19 anni, la città che sembra dare le risorse e le occasioni giuste per i più giovani. La definisce una città "europea" più che italiana, colma di stimoli e in cui ha potuto crescere personalmente e professionalmente.
Dice: «Mi piacciono le avventure, mi piace provare qualcosa di nuovo e vedere nuove città. Penso che per un giovane sia veramente importante vedere città e paesi in questo periodo della vita, dove fortunatamente ci sono le condizioni per farlo».

In molti altri articoli di questa rubrica ci siamo occupati di Milano come quel paese delle meraviglie in cui accade tutto: il grande sogno milanese, più che americano.

Milano e l'Inter: le due passioni di Giuseppe

Milano è per lui l'occasione di realizzarsi come dottore in economia e come tifoso dell'Inter, congiungendo le due cose nella tesi di laurea dal titolo Le direzioni strategiche di crescita di un club di calcio: il caso F.C. Internazionale Milano. In questo progetto parte da una prima analisi di settore considerando i club su una linea temporale e al livello globale. Scrive della fruizione del calcio come "grande spettacolo" e non una semplice partita di pallone. Analizza l'importanza di costruire nuove infrastrutture come stadi di proprietà che accrescono il senso di appartenenza e rendono l'esperienza ancora più immersiva e completa e la comunicazione social che restituisce un contatto diretto e costante con la squadra di appartenenza.

Nella seconda parte invece, studia il caso Inter, definendolo come "un'impresa di business a 360 gradi (con la famiglia Zhang)". Nella sua visione sono state tre le direzioni che hanno permesso la crescita di questo brand:
  • la costruzione di un nuovo stadio in collaborazione con l'A.C. Milan
  • la Comunicazione attraverso l'agenzia di produzione dei contenuti digitali "Inter Media House"
  • l'internazionalizzazione del brand con l'entrata nel mercato cinese

Giuseppe sottolinea più volte come questa grande crescita del club sia avvenuta proprio in un periodo di difficoltà, quale quello della pandemia, spingendo il brand in una situazione finanziaria nuova e importante.

Il futuro: tra nuove esperienze e la fame di conoscere

Giuseppe ha ancora tanti progetti essendo la sua carriera appena iniziata. Ha avuto giù modo di formarsi come stagista in una multinazionale e non aspetta altro che continuare a intraprendere nuove avventure. Dopo aver vissuto Milano, è pronto per una tappa all'estero. Con un solo posto nel cuore in cui fare ritorno: l'Italia.

Storie da giovani

Storie da giovani

Un modo per i ragazzi di raccontare la loro storia

15 contenuti
Altri contenuti a tema
Da un sasso ad una casa: l'incredibile viaggio che passa da Barletta Da un sasso ad una casa: l'incredibile viaggio che passa da Barletta Il progetto realizzato da Marco Amorosi e Raniero Bergamaschi, studenti di comunicazione
Fabiana e il make-up: dal red carpet di Venezia a Vogue Italia Fabiana e il make-up: dal red carpet di Venezia a Vogue Italia La storia di una giovane ventiduenne partita da Barletta e arrivata a Milano
20 Rossella: «Ho scelto di restare e di aiutare le mia città con il progetto #iNudge» Rossella: «Ho scelto di restare e di aiutare le mia città con il progetto #iNudge» «Oggi credo che qui qualcuno debba restare»
1 «Sono stata aggredita nel portone di casa, per anni non sono più riuscita a tornare da sola» «Sono stata aggredita nel portone di casa, per anni non sono più riuscita a tornare da sola» La storia di Martina, sopravvissuta a una aggressione
1 «Vivo la mia sessualità e credo in Dio, dov'è il peccato?» «Vivo la mia sessualità e credo in Dio, dov'è il peccato?» È cresciuto a Barletta, come seconda casa la Chiesa di San Nicola, adesso è libero di essere se stesso a Milano
«Ho portato a Siena il dialetto barlettano e ne sono orgogliosa» «Ho portato a Siena il dialetto barlettano e ne sono orgogliosa» Il lavoro di laurea di Aurora Diella sulle origini del nostro dialetto
Chiamatemi solo Saso: «Tutto il dolore mi è stato utile» Chiamatemi solo Saso: «Tutto il dolore mi è stato utile» Salvatore nasce come ballerino a Barletta, ma l'istinto l'ha portato in un'altra direzione
Perchè anche a Barletta ci sono sempre meno giovani disposti a fare i camerieri? Perchè anche a Barletta ci sono sempre meno giovani disposti a fare i camerieri? La storia di Alessandro e i ristoratori che lamentano la scarsità di proposte di lavoro da parte dei giovani
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.