Gesù
Gesù
Religioni

«La pietra che i costruttori hanno scartato è diventata la pietra d'angolo»

Cinque grandi discorsi, la parola di Gesù e la nota di don Vito Carpentiere

Dal Vangelo secondo Matteo


In quel tempo, Gesù disse ai capi dei sacerdoti e agli anziani del popolo: «Ascoltate un'altra parabola: c'era un uomo, che possedeva un terreno e vi piantò una vigna. La circondò con una siepe, vi scavò una buca per il torchio e costruì una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano. Quando arrivò il tempo di raccogliere i frutti, mandò i suoi servi dai contadini a ritirare il raccolto. Ma i contadini presero i servi e uno lo bastonarono, un altro lo uccisero, un altro lo lapidarono. Mandò di nuovo altri servi, più numerosi dei primi, ma li trattarono allo stesso modo. Da ultimo mandò loro il proprio figlio dicendo: "Avranno rispetto per mio figlio!". Ma i contadini, visto il figlio, dissero tra loro: "Costui è l'erede. Su, uccidiamolo e avremo noi la sua eredità!". Lo presero, lo cacciarono fuori dalla vigna e lo uccisero. Quando verrà dunque il padrone della vigna, che cosa farà a quei contadini?». Gli risposero: «Quei malvagi, li farà morire miseramente e darà in affitto la vigna ad altri contadini, che gli consegneranno i frutti a suo tempo». E Gesù disse loro: «Non avete mai letto nelle Scritture:

"La pietra che i costruttori hanno scartato
è diventata la pietra d'angolo;
questo è stato fatto dal Signore
ed è una meraviglia ai nostri occhi"?

Perciò io vi dico: a voi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che ne produca i frutti».

Il vangelo di Matteo, del quale molto probabilmente esisteva una primitiva redazione aramaica, si articola attorno a cinque grandi discorsi, dal momento che i destinatari del racconto sono, prevalentemente, cristiani provenienti dall'ebraismo, agli orecchi dei quali doveva risultare la novità portata da Gesù, presentato dall'evangelista come il nuovo Mosè, che sul Monte proclama la nuova Legge, le Beatitudini. Secondo la tradizione rabbinica Mosè avrebbe scritto il Pentateuco, ossia i primi cinque libri dell'Antico Testamento. Così, similmente, Gesù proclama in questo racconto cinque grandi discorsi, tra cui quello in parabole che stiamo ascoltando da alcune domeniche. E le parabole raccontano il Regno che Gesù è venuto ad annunciare. La realtà del Regno supera i confini spazio-temporali della Chiesa, la quale è anch'essa al servizio del Regno. E la parabola odierna ci ricolloca in questo orizzonte in cui il rischio e la tentazione sono quelle di voler porre limiti e condizioni di accesso a ciò che ci è affidato, ma non è nostro, ciò che siamo chiamati a custodire, non ad abusarne! La vigna è la sua, a noi è affidata perché la coltiviamo e la facciamo fruttificare per goderne i frutti con altri fratelli e sorelle. I primi servi venuti a nome del padrone sono i profeti, i quali non sono stati benevolmente accolti, e spesso hanno fatto una brutta fine. Di qui la decisione di mandare il Figlio, l'unico, il quale, anch'egli frainteso, è stato ucciso! Ma il padrone della vigna non si arrende ed affida ad altri vignaioli! È la possibilità sempre nuova che è data a chi si pone in fiduciosa attesa ritenendo motivo di gioia la possibilità offertagli. Semplicemente siamo chiamati oggi, col profeta Isaia, a cantare il nostro canto d'amore per la sua vigna. La vigna è sua, ma il canto è nostro, il canto d'amore è mio! È il Signore lo attende e lo ascolta! Buona domenica a tutti!

[don Vito]
  • Religione
  • Chiesa cattolica
  • Vangelo
Altri contenuti a tema
Papa Francesco ha dichiarato “Venerabile” la Serva di Dio pugliese Madre Teresa Lanfranco Papa Francesco ha dichiarato “Venerabile” la Serva di Dio pugliese Madre Teresa Lanfranco Il Postulatore della Causa di Beatificazione è Mons. Sabino Lattanzio
Testimoni di Geova, anche a Barletta la commemorazione della morte di Cristo Testimoni di Geova, anche a Barletta la commemorazione della morte di Cristo Il 24 marzo è un giorno speciale per milioni di persone in tutto il mondo
Mercoledì 13 marzo apertura straordinaria per la chiesa di San Gaetano Mercoledì 13 marzo apertura straordinaria per la chiesa di San Gaetano Evento promosso dal centro studi "Barletta in rosa"
40 anni dalla scomparsa di don Peppuccio, il prete barlettano innamorato della Disfida 40 anni dalla scomparsa di don Peppuccio, il prete barlettano innamorato della Disfida Contribuì a innestare il fervore per la rievocazione. «Fu conosciuto amato dai barlettani per il bene che fece»
Festa di Santa Lucia: le celebrazioni a Barletta Festa di Santa Lucia: le celebrazioni a Barletta Mercoledì 13 dicembre la tradizionale processione
Don Salvatore Mellone, Edizioni San Paolo lo ricorda con un libro postumo Don Salvatore Mellone, Edizioni San Paolo lo ricorda con un libro postumo Pubblicato il volume “Il sussurro di una brezza leggera” con gli scritti spirituali del sacerdote barlettano scomparso nel 2015
A Barletta i festeggiamenti in onore di Sant'Anna A Barletta i festeggiamenti in onore di Sant'Anna Il programma degli incontri a cura della parrocchia Santa Maria della Vittoria
I festeggiamenti in onore di San Francesco da Paola a Barletta I festeggiamenti in onore di San Francesco da Paola a Barletta Le celebrazioni della parrocchia Sant'Andrea culminano con la processione del 20 aprile
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.