Gesù Cristo Risorto
Gesù Cristo Risorto
Religioni

La Pasqua della nostra Salvezza

Essere persone nuove in Cristo «l'altro discepolo vide e credette»

La Pasqua della nostra salvezza, chiamati ad essere persone nuove in Cristo, E dalle parole del Vangelo secondo Giovanni emerge un racconto di verità semplice e riconoscibile. Destinato a tutti gli uomini.

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall'altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'hanno posto!». Pietro allora uscì insieme all'altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l'altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò. Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte. Allora entrò anche l'altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti. "Sono risorto e sono sempre con te! Alleluia!"

Con questa splendida antifona si apre la celebrazione odierna della Pasqua di Risurrezione. Ancora una volta è il Signore che ci promette la sua fedeltà attraverso il dono della sua presenza misericordiosa che ridona la vita a ogni situazione di morte della nostra esistenza. Se guardiamo al Triduo Pasquale nel suo insieme ci rendiamo conto che, nonostante i fallimenti umani (il tradimento di Giuda, il rinnegamento di Pietro, la fuga di tutti gli altri apostoli e discepoli), nonostante le nostre incomprensioni (non so quanto possano aver compreso dell'Eucarestia gli apostoli ieri e noi oggi), nonostante la nostra pochezza di fede, Egli voglia segnare il passo anche nostro col dono della sua Resurrezione. Ovvero: "Se siete risorti con Cristo, la vostra vita è ormai nascosta con Cristo in Dio" (seconda lettura). Quanto è accaduto a Lui, è accaduto (attraverso il Battesimo) a me, può accadere (attraverso la vita di fede), potrà accadere (col dono della vita eterna). Insomma: una vita, e oltre, in cui più che poter dire "io sono unito a Lui", possiamo affermare "Cristo è unito a me, è con me!".

Grazie, o Signore, per la tua fedeltà che ci fa rivivere, da morti che eravamo per i peccati. Il Vangelo di questo giorno è tutto un movimento: di Maria di Magdala, di Simon Pietro e Giovanni. Anzi, è una corsa! Perché? L'incontro col Signore risorto non permette la sedentarietà, ma provoca il cuore, lo spirito, la vita del credente a mettersi in moto per gridare al mondo intero: "È risorto, come aveva promesso". E quindi tutte le sue promesse sono vere; quanto egli ha compiuto quando era ancora tra noi è stata solo un'ombra di quel che ci attende; la sua voce e il suo messaggio, come ci hanno scosso per un momento, nonostante le nostre fragilità, li custodiamo nel cuore perché fioriscano nella nostra vita.

La corsa di oggi si ferma al sepolcro: lì, osservando i segni (i teli e il sudario), il discepolo che Gesù amava (che oggi sono io e sei tu) "vide e credette". Ma dal sepolcro siamo chiamati a correre per il mondo intero, ad annunciare la gioia della Risurrezione, a gridare che la sofferenza e la morte non sono l'ultima parola, a professare che ci attende una vita piena in cui Dio sarà tutto in tutti: la comunione con Lui e con i fratelli! E allora "canta e cammina" (direbbe sant'Agostino) con la gioia di appartenergli.

Buona Pasqua di Risurrezione!
[don Vito]
  • Pasqua
  • Chiesa cattolica
Altri contenuti a tema
Pasqua in Puglia, i ristoranti già sold-out per i pranzi di famiglia Pasqua in Puglia, i ristoranti già sold-out per i pranzi di famiglia La maggior parte propone un menù fisso, ma c'è chi offre la possibilità di ordinare alla carta
Pace, speranza, rinascita: Buona Pasqua ai lettori di BarlettaViva Pace, speranza, rinascita: Buona Pasqua ai lettori di BarlettaViva Che sia un giorno benedetto dalla luce. Gli auguri dalla redazione del Viva Network
Si rinnova a Barletta il rito della secolare Processione di Pasqua Si rinnova a Barletta il rito della secolare Processione di Pasqua Nella mattina di Pasqua si svolgerà la Processione Eucaristica di Pasqua di mezzogiorno dalla Chiesa di San Giacomo Maggiore
Triduo Pasquale, le celebrazioni presiedute dal vescovo D'Ascenzo Triduo Pasquale, le celebrazioni presiedute dal vescovo D'Ascenzo In cattedrale a Barletta la celebrazione della messa di Pasqua
Un messaggio di fratellanza: si rinnova la tradizionale “questua” Un messaggio di fratellanza: si rinnova la tradizionale “questua” L’Arciconfraternita del Ss. Sacramento del quartiere San Giacomo si impegna per mantenere viva questa secolare tradizione
Mercoledì 13 marzo apertura straordinaria per la chiesa di San Gaetano Mercoledì 13 marzo apertura straordinaria per la chiesa di San Gaetano Evento promosso dal centro studi "Barletta in rosa"
"Luce Viva", al via la seconda edizione del contest fotografico del Viva Network "Luce Viva", al via la seconda edizione del contest fotografico del Viva Network I riti della Quaresima e della Settimana Santa in Puglia come tema dell'iniziativa. Novità di quest'anno: la categoria video
40 anni dalla scomparsa di don Peppuccio, il prete barlettano innamorato della Disfida 40 anni dalla scomparsa di don Peppuccio, il prete barlettano innamorato della Disfida Contribuì a innestare il fervore per la rievocazione. «Fu conosciuto amato dai barlettani per il bene che fece»
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.