CGIL
CGIL
Scuola e Lavoro

La CGIL manifesta contro il licenziamento di 500 operatori nel sanitario

Chiesto un incontro con il prefetto Sessa. Indetta raccolta firme per dire no ai tagli

Evitare la crisi del sistema sanitario pugliese. Questa la ragione della manifestazione che venerdì ha visto raccogliersi numerosi davanti la prefettura, in piazza Mons. Damato, addetti al lavoro e rappresentanti del sindacato. In gioco 500 posti lavoro (ben 73 della Asl BT) tra dirigenti medici, sanitari, tecnici, professionali e amministrativi. I cittadini si erano accorti ormai da tempo lo stato di crisi in cui versa la sanità regionale, reso ancor più tragico dall'approvazione dell'ultima manovra finanziaria da parte del governo nazionale che usando le parole del sindacato: "ha voluto affondare definitivamente le procedure di stabilizzazioni pugliesi, mentre quelle delle altre regioni sono salve".

Scopo della manifestazione, inoltre, ottenere un incontro con il prefetto della provincia BT dott. Sessa e l'impegno di sollecitare il governo nazionale ad adottare urgenti ed immediati provvedimenti attraverso lo strumento della deroga, per scongiurare i licenziamenti in atto a salvaguardia dei livelli essenziali di assistenza sanitaria per la tutela della salute dei cittadini. Nel corso della mattinata è stata avviata anche una raccolta firme per mantenere in servizio, a tempo indeterminato, tutti e 73 i dirigenti della ASL BT, che quasi sicuramente avranno diritto ad un risarcimento che ricadrà sulle tasche dei comuni cittadini.

La CGIL fa inoltre sapere che continuerà a mobilitarsi assieme ai lavoratori, ai pensionati ed ai cittadini proseguiranno attraverso iniziative di presidi, sit-in, richieste di incontro con i vari prefetti. "Per la nostra regione appare invece sempre più urgente proseguire su una strada di profondo risanamento e riqualificazione del sistema per anni asservito alle tante logiche, ai tanti interessi, che nulla hanno a che fare con i diritti dei cittadini e degli operatori e che dovrebbero ormai fare parte di un armamentario della politica obsoleto e non rispondente alla efficace ed efficiente gestione di un bene universale e costituzionalmente sancito come è quello della salute", queste le dure parole del sindacato.
7 fotoDipendenti Asl in piazza Prefettura
Manifeatazione dipendenti ASL a piazza PrefetturaManifeatazione dipendenti ASL a piazza PrefetturaManifeatazione dipendenti ASL a piazza PrefetturaManifeatazione dipendenti ASL a piazza PrefetturaManifeatazione dipendenti ASL a piazza PrefetturaManifeatazione dipendenti ASL a piazza PrefetturaManifeatazione dipendenti ASL a piazza Prefettura
  • Cgil
  • Licenziamento
  • Carlo Sessa
Altri contenuti a tema
Assemblea generale di tutte le categorie della Cgil Bat Assemblea generale di tutte le categorie della Cgil Bat Appuntamento questo pomeriggio ad Andria
Fp CGIL Bat, eletta la segreteria provinciale del pubblico impiego Fp CGIL Bat, eletta la segreteria provinciale del pubblico impiego Affiancano la segretaria generale Ileana Remini Luigi Marzano, Emanuele Papeo e Roberto Cannone
“A difesa della Costituzione, dell’unità del Paese. Una riflessione sull’Autonomia” “A difesa della Costituzione, dell’unità del Paese. Una riflessione sull’Autonomia” Incontro promosso dallo Spi Cgil Bat
Cgil Barletta, Pietro Laboragine nuovo coordinatore della camera del lavoro Cgil Barletta, Pietro Laboragine nuovo coordinatore della camera del lavoro Mercoledì 6 marzo la designazione. Valente: “Buon lavoro nel ricordo del compagno Franco Dambra”
Nuova caserma dei Vigili del fuoco Bat, la Cgil: «Si può snellire la burocrazia per avviare l’opera?» Nuova caserma dei Vigili del fuoco Bat, la Cgil: «Si può snellire la burocrazia per avviare l’opera?» La nota del sindacato
Arrivo del questore Fabbroncini, la Cgil Bat: «Noi ci siamo» Arrivo del questore Fabbroncini, la Cgil Bat: «Noi ci siamo» La nota del segretario Michele Valente
Morti sul lavoro, Cgil e Uil in presidio davanti alla Prefettura: «Una piaga che va fermata» Morti sul lavoro, Cgil e Uil in presidio davanti alla Prefettura: «Una piaga che va fermata» Sindacati in piazza dopo la tragedia di Firenze
Morti sul lavoro, sciopero edili e metalmeccanici. Presidio in Prefettura a Barletta Morti sul lavoro, sciopero edili e metalmeccanici. Presidio in Prefettura a Barletta A seguito della tragedia di Firenze con la morte di 5 lavoratori la Cgil e la Uil si mobilitano
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.