Primato di Pietro, vangelo della 21esima domenica
Primato di Pietro, vangelo della 21esima domenica
Religioni

L’identità del Maestro e la vocazione del discepolo: il primato di Pietro

Don Vito Carpentiere racconta il vangelo odierno

DAL VANGELO SECONDO MATTEO


In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell'uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti». Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potene degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli». Allora ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo.

Il Signore Gesù si allontana con i suoi discepoli dal centro della vita religiosa ebraica, con l'intento, probabilmente, di tener lontani i suoi dal lievito dei farisei, che è l'ipocrisia. E va nella parte estrema del Regno, perché lo Spirito soffia dove vuole! Ed è lì che chiede: "La gente, chi dice che io sia?"; non per crisi d'identità ma perché vuole che il suo messaggio sia intellegibile, comprensibile, dal momento che solo quando un messaggio tocca il cuore può suscitare la conversione. La prima risposta data dai discepoli descrive un profeta, personaggio sì importante ma collocato nel passato. Gesù invece interpella l'oggi in vista del futuro. Gesù non può essere un profeta, semplicemente perché in Lui si sono adempiute le parole dei profeti, ma, evidentemente la gente non aveva compreso ancora l'identità di questo strano Rabbi che disputava con i tradizionali dottori della Legge, attaccati più all'adempimento della norma che allo spirito che la ispirava.

E poi interpella loro in prima persona. La risposta di Pietro è ispirata, riconoscendo in Gesù il Messia annunciato dai profeti, il Figlio di Dio, colui che incarna Dio stesso. E di qui Gesù rivela l'identità di Pietro e la sua vocazione. Questo è il punto per me più importante: da quello che dirò di Lui comprenderò la mia identità e la mia vocazione: se Lui è Salvatore io sarò salvato, se Lui è Misericordia io sarò miseria, e così via, in un binomio non di contrapposizione ma di comunione profonda, che è la vita della Grazia. Il Signore ci doni il suo Spirito perché susciti in noi non la risposta giusta, ma la risposta mia.

Chi sei per me, o Gesù?
Buona ricerca e buona domenica.

[don Vito]
  • Religione
  • Vangelo
Altri contenuti a tema
Papa Francesco ha dichiarato “Venerabile” la Serva di Dio pugliese Madre Teresa Lanfranco Papa Francesco ha dichiarato “Venerabile” la Serva di Dio pugliese Madre Teresa Lanfranco Il Postulatore della Causa di Beatificazione è Mons. Sabino Lattanzio
Testimoni di Geova, anche a Barletta la commemorazione della morte di Cristo Testimoni di Geova, anche a Barletta la commemorazione della morte di Cristo Il 24 marzo è un giorno speciale per milioni di persone in tutto il mondo
Festa di Santa Lucia: le celebrazioni a Barletta Festa di Santa Lucia: le celebrazioni a Barletta Mercoledì 13 dicembre la tradizionale processione
Don Salvatore Mellone, Edizioni San Paolo lo ricorda con un libro postumo Don Salvatore Mellone, Edizioni San Paolo lo ricorda con un libro postumo Pubblicato il volume “Il sussurro di una brezza leggera” con gli scritti spirituali del sacerdote barlettano scomparso nel 2015
A Barletta i festeggiamenti in onore di Sant'Anna A Barletta i festeggiamenti in onore di Sant'Anna Il programma degli incontri a cura della parrocchia Santa Maria della Vittoria
I festeggiamenti in onore di San Francesco da Paola a Barletta I festeggiamenti in onore di San Francesco da Paola a Barletta Le celebrazioni della parrocchia Sant'Andrea culminano con la processione del 20 aprile
I Testimoni di Geova celebrano la commemorazione della morte di Cristo I Testimoni di Geova celebrano la commemorazione della morte di Cristo Appuntamento questa sera alle 19
Il viaggio culturale della Quaresima di Barletta: il "Cristo morto" Il viaggio culturale della Quaresima di Barletta: il "Cristo morto" Presente nella Chiesa di Sant’Andrea e frutto di restauro terminato nel 2021
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.