Giorgio Manuti - battaglia di Pantelleria
Giorgio Manuti - battaglia di Pantelleria
La città

L'eroe barlettano del Canale di Sicilia

Il capitano Giorgio Manuti e la battaglia di Pantelleria

Giorgio Manuti nasce a Barletta nel 1909, durante la seconda guerra mondiale, fu capitano di corvetta e capo squadriglia MAS (Motobarca Armata Svan), le moto – siluranti della Marina. A capo della sua squadriglia, partecipò a numerose missioni e azioni di assalto. In particolare, racconteremo la battaglia che gli valse l'appellativo di "Eroe del Canale di Sicilia" e la nomina a Capitano di Fregata, a 33 anni.

La battaglia di Pantelleria

Nella notte del 13 agosto 1942, nei pressi dell'isola di Lepisse, nelle acque situate tra la costa tunisina e l'isola di Pantelleria, cinque squadriglie di motosiluranti MAS, uscite in perlustrazione dalla base navale di Augusta, incrociano verso le ore 1,02 un convoglio militare navale inglese, formato da 14 navi, scortato da 3 cacciatorpediniere e 2 incrociatori, diretti verso la loro base navale di Malta.
Moto silurante MAS
Giorgio Manuti, a bordo del suo moto silurante, lancia un primo siluro, poi un secondo, a breve distanza (700 metri) dal convoglio navale, colpendo gravemente e affondando l'incrociatore "Manchester" di 10.000 tonnellate. L'azione fa sbandare il convoglio inglese, creando scompiglio. La battaglia continua per quattro ore, le squadriglie italiane di moto siluranti impegnarono le navi inglesi di combattimenti micidiali a breve distanza, affondando cinque piroscafi inglese e danneggiandone altri due. Arriva l'alba, le squadriglie di moto siluranti tornano alla base, lasciando all'aviazione italiana e tedesca il compito di concludere l'azione, bombardando le navi superstiti, riuscendo ad affondare un altro piroscafo. A conclusione della battaglia, tre piroscafi inglesi e altri due danneggiati, riuscirono a tornare alla loro base navale, a Malta.

Per questa rischiosa missione di guerra, Giorgio Manuti fu promosso Capitano di Fregata, a soli 33 anni, e decorato con la Croce di Guerra, Medaglia d'Argento e di Bronzo. La cronaca della missione ebbe risalto sui maggiori quotidiani dell'epoca, in particolare sul "Corriere della Sera". Giorgio Manuti scomparve a Roma, a 35 anni, nel 1945, in un incidente stradale.

Il gagliardetto della fregata "Manchester" affondata da Giorgio Manuti, è conservato tra i cimeli di guerra del polo museale di Barletta. Il Comune ha intitolato a Giorgio Manuti l'omonimo viale, nei giardini del castello svevo.

A seguire, pubblichiamo l'elenco dei militari barlettani caduti durante la seconda guerra mondiale.
Soldati barlettani caduti nella seconda guerra mondialeTratto da "Barletta nella sua storia militare"Soldati barlettani deceduti per malattia nella seconda guerra mondialeTratto da "Barletta nella sua storia militare"Soldati barlettani decorati al valore militare - seconda guerra mondialeTratto da "Barletta nella sua Storia militare"
Si ringrazia per la preziosa collaborazione Ruggiero Graziano, presidente dell' ANMIG (Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di guerra) - Sezione di Barletta (via Capua, 28).

La redazione di BarlettaViva invita i discendenti di Raffaele Damato a contattare la redazione, per approfondire la conoscenza del loro illustre parente: info@barlettaviva.it


La Xª Flottiglia MAS fu un'unità speciale della Regia Marina italiana, il cui nome è legato a numerose imprese belliche di assalto, incursione o guerra insidiosa. Soprattutto nella fase iniziale, le imprese dell'unità non furono coronate dal successo e comportarono molte perdite tra gli equipaggi, come nel caso del fallito attacco a Malta del 1941. Con il perfezionamento dei mezzi, si giunse a eclatanti successi come quello della Baia di Suda (25-26 marzo 1941) o dell'impresa di Alessandria del 19 dicembre 1941, che privò per un lungo periodo la Royal Navy delle sue navi da battaglia nel Mediterraneo.

Le prime unità operative risalgono alle fasi iniziali della prima guerra mondiale, quando il cantiere navale veneziano SVAN (acronimo per Società Veneziana Automobili Navali) fornì alla Regia Marina i suoi primi mezzi speciali denominati MAS, acronimo di Motobarca Armata SVAN. Le prime due unità, MAS 1 e MAS 2, furono completate nel giugno 1915.
Fonte Wikipedia
  • Storia
  • Seconda guerra mondiale
  • Marina militare
  • Cronache dalla storia
  • storia del '900
  • ANMIG Barletta
  • Giorgio Manuti
  • Tommaso Francavilla
Altri contenuti a tema
Intitolazioni vie a Barletta per Vittorio Grimaldi e Vittoria Titomanlio Intitolazioni vie a Barletta per Vittorio Grimaldi e Vittoria Titomanlio La nota a firma del Direttore Archivio di Stato di Bari Barletta Trani, Michele Grimaldi
Benedetto Croce, nessuna commemorazione a Barletta Benedetto Croce, nessuna commemorazione a Barletta Nel 1944 fu ospite del prof. Cassandro: la nota del giornalista Nino Vinella
La riproduzione della “Formidabile” donata alla città di Barletta La riproduzione della “Formidabile” donata alla città di Barletta Iniziativa in ricordo di Francesco Conteduca, prima Medaglia d’oro al Valor Militare
È scomparso Giuseppe Doronzo, attento studioso della storia È scomparso Giuseppe Doronzo, attento studioso della storia Il cordoglio del Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia ODV
"Gocce di memoria", l'appuntamento per ricordare la Resistenza barlettana "Gocce di memoria", l'appuntamento per ricordare la Resistenza barlettana Si è tenuto ai Giardini Baden Powell
«Non è un giorno qualunque», la lettera del presidente Anpi «Non è un giorno qualunque», la lettera del presidente Anpi «Il fascismo dei nostri giorni si confonde con la mondanità ma è ancora ben presente»
Barletta, l'eccidio del 12 settembre: le vittime, il vigile urbano sopravvissuto e la medaglia d’oro al Valor Militare Barletta, l'eccidio del 12 settembre: le vittime, il vigile urbano sopravvissuto e la medaglia d’oro al Valor Militare Il racconto di una data che ha segnato la storia della città
12 settembre, Barletta ricorda l'eccidio: il programma delle celebrazioni 12 settembre, Barletta ricorda l'eccidio: il programma delle celebrazioni Ricorre il 79° anniversario della resistenza civile e militare all’occupazione nazista del ’43
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.