Carabinieri Automobile
Carabinieri Automobile
Cronaca

In ginocchio la nuova mala del nord barese. Anche un barlettano nella rete

Prese 66 persone. Serie infinita di reati. Decisive le intercettazioni

Duro colpo alla malavita emergente del nord barese. Alle prime luci dell'alba oltre 300 Carabinieri del comando provinciale di Bari, supportati da un elicottero e da unità cinofile, hanno portato a termine un'importante operazione di polizia che ha consentito di disarticolare un'organizzazione criminale che operava a Bisceglie e dintorni. Per il procuratore capo del tribunale di Trani, Carlo Maria Capristo, quanto fatto rievoca per molti aspetti l'operazione Dolmen, conclusasi nel 2008 con la completa disarticolazione del clan di Salvatore Annacondia, storico boss tranese, reggente della mafia del nord barese.

L'organizzazione sgominata era dedita alle rapine ad esercizi pubblici (ben 18 fra Bisceglie, Corato e Molfetta), agguati e regolamenti di conti, spaccio di stupefacenti ed estorsioni. Il blitz dei Carabinieri si è concluso con 66 ordinanze di custodia cautelare emesse al gip del tribunale di Trani, Roberto Olivieri del Castillo: 55 persone dovranno rispondere a vario titolo di tentato omicidio, rapina, detenzione e porto abusivo di armi, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, furto e incendio. Nell'elenco figura un barlettano (residente a Bisceglie) e sei donne.

L'operazione (denominata Ultima soluzione) conclude una complessa e articolata attività avviata dai Carabinieri della compagnia di Trani, coordinata dal sostituto procuratore Ettore Cardinali, che ha avuto inizio nel mese di gennaio del 2007 a seguito del tentato omicidio di un 48enne di Bisceglie, Giovanni Leuci, nei pressi del mercato ittico di Bisceglie. Le indagini, sviluppate con intercettazioni telefoniche ed ambientali oltre a numerosi servizi di osservazione e pedinamenti, hanno consentito di delineare i contorni del
sodalizio e di portare alla luce l'esistenza di un substrato criminale complesso e variegato in cui a farne le spese erano soprattutto piccoli commercianti ed inermi cittadini.

Il filone investigativo ha consentito di documentare come il business dell'organizzazione comprendesse i più disparati settori: traffico e spaccio di sostanze stupefacenti (in particolare cocaina), furti di auto, rapine ed estorsioni che hanno seminato il terrore soprattutto a Bisceglie, centro nevralgico delle operazioni criminali. Crimini non occasionali, ma ben studiati, preparati e realizzati con spregiudicatezza e determinazione grazie anche alla disponibilità di armi (pistole, mitra e fucili a pompe).

Tre i tentati omicidi (tutti a Bisceglie) e 18 le rapine scoperte, finalizzate all'approvvigionamento di risorse da destinare principalmente all'acquisto e allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Alla conferenza stampa ha partecipato il prefetto di Bari, Carlo Schiraldi, a sottolineare la presenza delle Istituzioni in un momento così particolare. Il procuratore Capristo ha anche ricevuto i complimenti del sindaco di Bisceglie, Francesco Spina, che ha preannunciato la volontà dell'amministrazione biscegliese di costituirsi in giudizio nei confronti dei criminali.
13 fotoConferenza Stampa Carabinieri
Conferenza CarabinieriConferenza CarabinieriConferenza CarabinieriConferenza CarabinieriConferenza CarabinieriConferenza CarabinieriConferenza CarabinieriConferenza CarabinieriConferenza CarabinieriConferenza CarabinieriConferenza CarabinieriConferenza CarabinieriConferenza Carabinieri
  • Carabinieri
  • Criminalità organizzata
  • Intercettazioni
Altri contenuti a tema
I Carabinieri incontrano le referenti dei centri anti violenza del territorio I Carabinieri incontrano le referenti dei centri anti violenza del territorio Ieri mattina incontro tra le referenti dei CAV e il Comandante Provinciale dei Carabinieri BAT e il Maresciallo Vernice
Auto rubate nella Bat e portate a Cerignola: arrestati tre andriesi Auto rubate nella Bat e portate a Cerignola: arrestati tre andriesi Il sistema finalizzato a ricettazione e riciclaggio scoperto dai Carabinieri
Biglietti, allarmi e sicurezza: «Attenzione a non cadere nella trappola dell’emulazione» Biglietti, allarmi e sicurezza: «Attenzione a non cadere nella trappola dell’emulazione» Dopo gli episodi accaduti in pochi giorni a Trani, Barletta, Bari e Andria, ne parliamo con il comandante dei Carabinieri Massimiliano Galasso
L'arma dei Carabinieri al fianco della Asl Bt L'arma dei Carabinieri al fianco della Asl Bt Incontro tra il comandante e la direzione generale dell'azienda sanitaria
Allarme bomba anche a Barletta, valigia sospetta in piazza Conteduca: allarme rientrato Allarme bomba anche a Barletta, valigia sospetta in piazza Conteduca: allarme rientrato Concluse le operazioni di verifica. Presenti sul posto carabinieri, artificieri e vigili del fuoco
Furti d'auto nella Bat, continua l'azione dei Carabinieri Furti d'auto nella Bat, continua l'azione dei Carabinieri Arrestati due soggetti dopo la scoperta di targhe rubate, centraline e arnesi da scasso in un casolare tra Andria e Corato
Carabinieri, proseguono i controlli nella Bat con l'avvicinarsi delle feste pasquali Carabinieri, proseguono i controlli nella Bat con l'avvicinarsi delle feste pasquali Le attività sono volte al contrasto delle violazioni del Codice della strada e del traffico di stupefacenti
29 Rubano autovettura ad anziano agricoltore, dopo averlo seguito: indagano i Carabinieri Rubano autovettura ad anziano agricoltore, dopo averlo seguito: indagano i Carabinieri E' accaduto nelle campagne di Barletta
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.