Il nuovo questore della Bat Alfredo Fabbrocini
Il nuovo questore della Bat Alfredo Fabbrocini
Territorio

Il nuovo questore della Bat Alfredo Fabbrocini si presenta

Questa mattina in questura ad Andria l’incontro con i giornalisti del territorio

Da poliziotto sul campo come investigatore al ruolo apicale di questore. Un percorso di spessore per Alfredo Fabbrocini, 51 anni, campano, già capo della Squadra Mobile di Napoli e prima ancora di quella di Foggia, in territori complessi, che torna nella Bat - dopo averci materialmente operato durante il suo incarico a Foggia - nel nuovo e arduo ruolo di questore della provincia Barletta-Andria-Trani.

Fabbrocini è il secondo questore della Bat, succedendo al predecessore Roberto Pellicone, trasferito a Siracusa. Il nuovo questore si è insediato oggi, e nell'occasione ha incontrato i giornalisti del territorio nella sede della questura ad Andria.



Un'occasione per tracciare una prima rotta di quelle che saranno le priorità sul territorio, in una zona che Fabbrocini già conosce bene, in piazze come Andria, Barletta, Trani, San Ferdinando e Trinitapoli, battute dal 2010 per fronteggiare i sodalizi malavitosi locali come responsabile della Squadra Mobile di Foggia.

Tra i suoi pregressi risultati conseguiti a Napoli, nel curriculum di Fabbrocini sono presenti operazioni di grande rilievo, tra cui l'arresto del narcotrafficante internazionale Raffaele Imperiale, conosciuto come il "boss dei Van Gogh", del killer di Francesco Pio Maimone, l'aspirante pizzaiolo assassinato "per sbaglio" sul lungomare partenopeo, nonché del responsabile dell'omicidio del giovane musicista Giovanni Battista Cutolo, assassinato nella centralissima piazza Municipio solo per uno scooter parcheggiato male, in un caso che destò un grande clamore mediatico e recentemente ricordato durante l'ultimo Festival di Sanremo.

Dopo anni di azione sul campo, per Fabbrocini inizia un nuovo tipo di responsabilità. Frustrazione? «No, anzi, è il completamento di un percorso». L'arrivo, anzi, il ritorno della Bat è un passaggio importante, come importante è il territorio in cui si andrà ad operare. «È una provincia ricca, dove la malavita ha interesse a investire».

Durante il colloquio con i cronisti il questore ha sottolineato un aspetto essenziale che vorrà far prevalere nel suo operato: «Il mio primo compito sarà quello di coinvolgere la cittadinanza. La lotta alla criminalità passa da tutti […] Credo in una Polizia che non deve essere unicamente al servizio del cittadino, ma che faccia in modo che sia la cittadinanza ad avvicinarsi a noi». Un legame che passa anche attraverso il lavoro quotidiano dei cronisti – ha rimarcato Fabbrocini – e ovviamente operando attraverso le agenzie educative del territorio per mettere in cambio un cambiamento culturale e sistemico.

Una riflessione importante infatti è stata dedicata ai giovani, soprattutto a quelli "malati di malavita". «Bisogna cercare di accorciare la distanza con i giovani, e agire per tempo: non si diventa camorristi a 40 anni».

Tra i fenomeni principalmente attenzionati, sono stati citati il racket e lo spaccio di droga. «Il racket è uno dei peggiori dei reati» ha riferito, proprio a breve distanza dalla nascita dell'Associazione Antiracket Fai di Andria, che sarà presentata ufficialmente questo venerdì. Per il contrasto alle attività di spaccio, per Fabbrocini «bisogna procedere secondo due direttrici fondamentali: da un lato, l'attività tipica della Polizia di Stato, preventiva e soprattutto repressiva, cercando di arginare le piazze di spaccio, e dall'altro una molto più difficile, perché comporta il coinvolgimento di molte più persone, perché è una questione culturale. Cercare di far capire l'importanza di non avvicinarsi a quel tipo di situazione, perché finché ci sarà una domanda così importante, cercare di arginare l'offerta diventa complicato».

Infine, sull'atavica questione della carenza di organico, ha aggiunto: «È una provincia che va rafforzata. Ho già raccolto la disponibilità del servizio centrale operativo per il supporto alle squadre mobili. C'è comunque la volontà di coprire i posti tuttora scoperti. Nel frattempo faremo del nostro meglio con le forze che abbiamo in campo».
  • Polizia di Stato
Altri contenuti a tema
Rapinò tabaccheria in via Palestro, arrestato 23enne barlettano Rapinò tabaccheria in via Palestro, arrestato 23enne barlettano I fatti risalgono al 2 aprile scorso: in azione la Polizia di Stato
Ruba il borsello ad un autotrasportatore, arrestato dalla Polizia di Stato a Barletta  Ruba il borsello ad un autotrasportatore, arrestato dalla Polizia di Stato a Barletta  L'episodio è avvenuto venerdì scorso nei pressi di piazza Francesco Conteduca
Volante della Polizia speronata dai ladri a Barletta: la dinamica dei fatti Volante della Polizia speronata dai ladri a Barletta: la dinamica dei fatti Gli agenti sono intervenuti sventando il furto di un'auto trafugata in via Pascoli, nel quartiere Patalini
Tentano furto d'auto a Patalini, auto in fuga sperona la Polizia Tentano furto d'auto a Patalini, auto in fuga sperona la Polizia Il gruppo a bordo di un'Audi ha impattato con la volante che si è ribaltata
Ufficio passaporti, notevole affluenza di cittadini della Bat durante le aperture straordinarie delle festività pasquali Ufficio passaporti, notevole affluenza di cittadini della Bat durante le aperture straordinarie delle festività pasquali Quasi cento le richieste inoltrate
Individuato l'indiziato della rapina in tabaccheria con martello Individuato l'indiziato della rapina in tabaccheria con martello Si tratta di un 33enne barlettano
Maltrattava la madre, arrestato dalla Polizia di Stato Maltrattava la madre, arrestato dalla Polizia di Stato In manette un 37enne
Movida sicura, un venerdì sera di controlli straordinari a Barletta Movida sicura, un venerdì sera di controlli straordinari a Barletta Azione congiunta di Polizia di Stato, Polizia locale e Guardia di Finanza
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.